"Inquinamento ambientale", sequestrato il depuratore consortile di Giardini Naxos - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Inquinamento ambientale”, sequestrato il depuratore consortile di Giardini Naxos

.

“Inquinamento ambientale”, sequestrato il depuratore consortile di Giardini Naxos

. |
venerdì 05 Marzo 2021 - 16:28
“Inquinamento ambientale”, sequestrato il depuratore consortile di Giardini Naxos

Operazione della Guardia di Finanza e della Polizia. L'impianto serve anche i Comuni di Taormina, Letojanni e Castelmola. Denunciato a piede libero il responsabile tecnico del Coonsorzio

denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Messina il responsabile tecnico del Consorzio

GIARDINI NAXOS – La Guardia di Finanza e la Polizia di Stato hanno sequestrato l’impianto di depurazione del Consorzio rete fognante dei Comuni di Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola. La misura è scattata al termine di un’intensa attività di Polizia giudiziaria che ha visto coinvolti i poliziotti del commissariato di Taormina e i militari della Compagnia della Guardia di Finanza dello stesso comune.

L’attività ispettiva, che si è avvalsa della professionalità del personale della Polizia scientifica e dell’Arpa di Messina, ha consentito di rilevare una grave situazione di contaminazione ambientale, riconducibile al malfunzionamento e cattivo stato di manutenzione e gestione di varie sezioni di trattamento delle acque reflue. In particolare, è stato riscontato lo sversamento di reflui non depurati nell’alveo del fiume Alcantara, sia dalla condotta di “troppo pieno”, sia da quella terminale del depuratore.

E’ stata rilevata, altresì, un’ingente quantità di fanghi custoditi all’interno delle vasche di depurazione dello stabilimento. Alla luce delle evidenze, si è proceduto al sequestro dell’intero impianto di depurazione intercomunale, nonché denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Messina il responsabile tecnico del Consorzio, per il reato di inquinament ambientale, che prevede la reclusione da 2 a 6 anni e la multa da 10mila a 10mmila euro. L’attività di servizio nello specifico comparto testimonia, ancora una volta, l’impegno profuso quotidianamente dalla Guardia di Finanza e dalla Polizia di Stato, coordinati dalla Procura della Repubblica di Messina, al servizio della collettività, anche nell’importante settore della tutela della salute pubblica, del patrimonio paesaggistico e dell’ambiente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x