La lettera: "Dopo 18 anni di lavoro in Innovabic oggi vivo un teatro dell'assurdo" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La lettera: “Dopo 18 anni di lavoro in Innovabic oggi vivo un teatro dell’assurdo”

Redazione

La lettera: “Dopo 18 anni di lavoro in Innovabic oggi vivo un teatro dell’assurdo”

domenica 23 Febbraio 2020 - 08:00
La lettera: “Dopo 18 anni di lavoro in Innovabic oggi vivo un teatro dell’assurdo”

Giovanni Di Fiore ha lavorato per 18 anni nella società Innovabic di proprietà di Università di Messina, Comune di Messina e Città Metropolitana. Da quando è iniziata la liquidazione ha dovuto scegliere di dimettersi perché erano senza stipendi e senza prospettive. Sperava nel suo Tfr e negli arretrati. Invece la società preferisce pagare avvocati per contrastare le sue legittime richieste. Ecco la lettera che ha inviato a Università, Comune, Città Metropolitana, Corte dei Conti, sindacati.

«Vi scrivo facendo leva sulla Vostra coscienza, oltre che sul Vostro senso di responsabilità, sperando che riusciate a dimostrare finalmente che non viviamo in quello che Beckett definirebbe “Teatro dell’assurdo”.

Per 18 anni ho lavorato per Innova BIC, società la cui proprietà è di 3 enti pubblici messinesi: Università, Comune e Città Metropolitana. Ho lavorato sempre con dedizione, professionalità, con grandi sacrifici.

Il 31 ottobre del 2018 mi sono dovuto dimettere perché la Società, messa in liquidazione, non riusciva a pagare gli stipendi. Precisamente 12 mensilità mai pagate. Le mie dimissioni sono quindi state una necessità, dovendo mantenere una famiglia con due figli.

Contavo anche sul TFR, diritto consolidato, sacrosanto e irrinunciabile, per poter ricominciare da un’altra parte, anche se alla mia età, malgrado la grande esperienza posseduta, non è certamente facile.

E invece, alla mia richiesta di vedermi riconosciuti stipendi non percepiti e TFR, non ho ricevuto alcuna risposta dal Liquidatore di Innova BIC. Neanche una telefonata, un “parliamone”, niente. Anzi, quando mi sono rivolto dopo 4 mesi ad un avvocato per vedermi riconosciuti i miei diritti, cosa fa il Liquidatore? Chiede un prestito ai soci pubblici per potere pagare a sua volta un avvocato, solo per opporsi alla mia richiesta legittima. Quindi non paga gli stipendi ai dipendenti, ma paga un avvocato per trovare un modo per non pagare il TFR e gli stipendi mai pagati: il Teatro dell’assurdo.

E così si tiene in piedi, con la complicità dei 3 soci pubblici, una Società in Liquidazione piena di debiti, senza entrate, con il personale fuggito o trasferito momentaneamente in altre società. Si tiene in piedi sulle spalle degli ex lavoratori, degli attuali dipendenti, dei fornitori, delle banche, di tutti coloro che vi hanno creduto e hanno permesso alla Società di ottenere importanti risultati negli anni passati.

E nessuno si assume le responsabilità di ciò che sta succedendo, anche se le cause sono documentabili, chiare.

Non mi resta che appellarmi ancora una volta alle Vostre coscienze, fiducioso che possiate dimostrare tutta la correttezza che il Vostro ruolo esige».

Giovanni Di Fiore

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Sei entrato senza concorso, per 18 anni sei stato un privilegiato, non facendo nulla di utile alla collettività, impiegato in inutile carrozzone mangiasoldi.
    Ti poteva andare bene, come ai 285 e agli art. 23 di provincia e comune.
    Ti è andata male, visto che non tutte le ciambelle riescono col buco.
    Fai come me: emigra e trovati un lavoro al Nord.

    0
    0
  2. Sindaco De Luca. È il Suo momento.

    1
    0

Rispondi a Algiar Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x