La "maestralata" spazza tutto il messinese, punte di 130 km/h a Fiumedinisi - Tempo Stretto

La “maestralata” spazza tutto il messinese, punte di 130 km/h a Fiumedinisi

Daniele Ingemi

La “maestralata” spazza tutto il messinese, punte di 130 km/h a Fiumedinisi

martedì 12 Marzo 2019 - 12:57
La “maestralata” spazza tutto il messinese, punte di 130 km/h a Fiumedinisi

La forte burrasca di maestrale sta spazzando tutto il messinese con raffiche che in alcune zone hanno superato i 100 km/h

La massa di aria fredda che ieri ha raggiunto le regioni settentrionali e l’Adriatico oggi, come da previsione, ha raggiunto la Sicilia e il messinese, sfondando sul nostro territorio sotto fortissimi e turbolenti venti di maestrale, che hanno raggiunto punte di oltre 70-80 km/h, localmente anche 100 km/h. In pochissimi minuti il fiume di aria fredda (di lontane origini groenlandesi) si è estesa in tutto il messinese, dalle coste tirreniche a quelle ioniche, spazzando il crinale dei Peloritani con raffiche veramente molto forti che sui versanti meglio esposti hanno agevolmente superato i 100 km/h.

A causa della brusca variazione della pressione barometrica, il messinese è interessato da una vera e propria bufera di maestrale e tramontana, con venti molto forti che potranno lambire picchi prossimi ai 90 km/h lungo le località della costa tirrenica e i 100 km/h in prossimità delle isole Eolie. Subito dopo aver sferzato la costa tirrenica l’intensa ventilazione, da NO e N-NO, ha scavalcato la dorsale dei Peloritani per versarsi lungo lo Stretto di Messina e la costa ionica sotto forma di impetuose raffiche di vento di caduta, che in alcune zone sono state ulteriormente amplificate dalla locale orografia e conformazione delle vallate.

Non è un caso se a Fiumedinisi si sono toccati i 133 km/h, mentre a Messina, in alcuni quartieri, le raffiche hanno oltrepassato i 90 km/h. La stazione dell’osservatorio meteorologico cittadino, gestito dall’Aeronautica Militare, fino ad ora ha misurato un valore massimo di ben 81 km/h da N-NO. Questo tipo di raffiche, chiamate “downslope wind” (vento discendente dai pendii) dai meteorologi inglesi, sono molto pericolose poiché possono presentarsi improvvisamente, senza margine di preavviso, ed arrecare notevoli danni (alberi sradicati, cartelloni pubblicitari divelti, impalcature pericolanti, etc).

La potente "maestralata" si è abbattuta pure sul messinese con raffiche che in alcuni punti hanno raggiunto i 130 km/h
La furia del mare lungo la costa tirrenica (foto di Carmelo Fulco)

Ecco perché in queste situazioni è molto importante diramare delle allerte meteo specifiche, per il vento e il rischio mareggiate nei tratti di costa esposti (come avviene in tutti i paesi europei), informando di conseguenza la cittadinanza. Ma oltre alle forti raffiche di vento si sono aggiunte pure le mareggiate che da stamattina stanno flagellando tutto il litorale tirrenico, con onde che hanno raggiunto pure i 4-5 metri di altezza. In mattinata la boa di Stromboli, nel clou della forte burrasca, ha registrato il passaggio di onde alte anche più di 6 metri nel bel mezzo del basso Tirreno.

Il vento continuerà a soffiare in modo intenso fino al pomeriggio, dalla serata è attesa una graduale attenuazione, con l’ulteriore rotazione delle correnti da Nord. Solo in tarda serata il vento dovrebbe scendere al di sotto della soglia d’attenzione, favorendo anche un indebolimento del moto ondoso, con una lunga scaduta da N-NO su tutta la costa tirrenica.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007