La modernità liquida nel film di fantascienza "Mute" - Tempo Stretto

La modernità liquida nel film di fantascienza “Mute”

Giacomo Maria Arrigo

La modernità liquida nel film di fantascienza “Mute”

lunedì 24 Giugno 2019 - 08:02
La modernità liquida nel film di fantascienza “Mute”

Il film di fantascienza "Mute" disponibile su Netflix descrive abilmente lo sgomento e l’avvilimento della modernità liquida che abita nelle grandi metropoli contemporanee.

Il nuovo film di Duncan Jones, Mute, disponibile su Netflix, è un prodotto pregiato. Scenograficamente spettacolare, richiama ambientazioni fantascientifiche della tradizione più canonica (Blade Runnersopra tutti), ma si concentra su un particolare di non poco conto: il protagonista è muto.

Ambientato in una Berlino futuristica, la trama ruota intorno alla scomparsa di una ragazza, Naadirah, e al tentativo del fidanzato, Leo, di ritrovarla. Un tentativo disperato: lui è muto, non riesce a comunicare con l’ambiente circostante. A complicare la situazione, la città si presenta come un labirinto che non lascia via di scampo: neon, insegne luminose, macchine volanti, meticciato portato all’estremo, promiscuità sessuale, violenza gratuita e costumi ultra moderni.

Leo, interpretato da un eccezionale Alexander Skarsgård, proviene da una famiglia amish, la comunità religiosa che pretende di vivere lontano dal mondo moderno, seguendo usi e costumi antichi e dedicandosi a mestieri tradizionali. L’incomunicabilità tra lui e il mondo iper-moderno è, quindi, ancora maggiore. (È senz’altro notevole l’introduzione dell’elemento religioso in un film di fantascienza, operazione quanto mai rara nel cinema contemporaneo, dato che il mondo futuro è sempre illustrato come post-religioso e tendenzialmente ateo).

Il tema centrale del film è proprio questo, l’incomunicabilità. La barriera non è soltanto linguistica, ma anche culturale. La distanza tra il protagonista e il mondo che lo circonda è orizzontale (l’impossibilità di comunicare linguisticamente) e verticale (la diversità abissale di mondi culturali paralleli ma non dialoganti).

Sembra proprio questa la condizione delle odierne metropoli cosmopolite: crogiolo di culture e di lingue, di etnie e di costumi, moderne Babele in cui ci si perde e ci si ritrova dopo un pellegrinaggio lungo vicoli bui e strade affollate, attraverso vizi inconfessabili e travestimenti esagerati. Mute tratteggia abilmente lo sgomento della modernità liquida che abita eminentemente nelle grandi cosmopoli.

La scena del film che sembra racchiudere questa condizione di isolamento e solitudine è l’incontro tra il protagonista e la madre di Nadiraah, una donna araba che non parla inglese né tedesco, e che quindi non è compresa da Leo. Il tentativo di comunicare vicendevolmente è infine sormontato dall’utilizzo sapiente di gesti e sguardi, ma ciò non elimina il dramma di fondo.

L’indifferenza degli abitanti della città si mescola alla promiscuità sessuale e alla impossibilità di discernere il sesso di alcuni protagonisti. Soltanto un elemento sopravvive a una simile condizione babelica, e cioè l’amore del protagonista verso Nadiraah. Ed è, questo, un monito per noi tutti: senza l’amore di un uomo verso una donna, o di una madre verso un figlio, l’immensa e titanica condizione cosmopolitica delle grandi città rischia di divorare l’anima di tutti e di ciascuno.

Il caos sembra non prevalere alla presenza di una forza sotterranea e potente come l’amore. Mute pare suggerire che il nostro compito debba essere la custodia dell’umanità sempre e comunque, specialmente in condizioni ostili quali lo sconcerto e l’avvilimento dei labirinti prometeici delle metropoli. La fantascienza, in questo caso, indica la strada.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007