La proposta: "Domenica negozi chiusi. Un giorno di riposo e festa per tutti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La proposta: “Domenica negozi chiusi. Un giorno di riposo e festa per tutti”

Redazione

La proposta: “Domenica negozi chiusi. Un giorno di riposo e festa per tutti”

giovedì 04 Giugno 2020 - 12:34
La proposta: “Domenica negozi chiusi. Un giorno di riposo e festa per tutti”

A scrivere al presidente Nello Musumeci è Daniele Zuccarello, coordinatore regionale del movimento Autonomi e Partite Iva

Una lettera indirizza al Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. Un appello affinché quello che abbiamo vissuto con l’emergenza Coronavirus e il lockdown possa lasciarci una lezione che cambi le nostre abitudini e il nostro modo di fare acquisti. A scriverla è il coordinatore regionale del movimento Autonomi e Partite Iva, Daniele Zuccarello.

«Durante il lockdown noi Italiani ci siamo riscoperti, abbiamo imparato ad impastare, siamo diventati parrucchieri e pasticcieri, ritrovato il piacere di stare in famiglia, di “rallentare” la nostra vita, ma adesso, tornerà tutto come prima? Così sembra.

Da maggio, prima fase di riapertura delle attività commerciali, è stato imposto il divieto delle aperture domenicali che non ha destabilizzato l’umore degli imprenditori, anzi, ha continuato a permettere di dedicare la domenica ai propri cari, e lo stesso per i dipendenti.

Nonostante sia stata concessa la deroga ai comuni di rendere facoltativa l’apertura, molte attività hanno deciso di rispettare il giorno di riposo. Realmente, l’apertura domenicale torna utile unicamente alle grandi multinazionali ed ai centri commerciali. Il piccolo imprenditore, pertanto, si trova nelle condizioni di fare lo stesso per non perdere gli introiti e la clientela.

Se ci fosse l’imposizione regionale della chiusura domenicale tale concorrenza non ci sarebbe ed i compratori potrebbero fare acquisti da lunedì a sabato, permettendo di mantenere lo stesso volume d’affari con un giorno lavorativo in meno. Inoltre, si favorirebbero le attività di pubblico esercizio e ristorazione, in quanto gli stessi imprenditori potrebbero trascorrere la propria domenica in altro modo, magari seduti a mangiare in un agriturismo, consentendo la ripartenza anche di questo settore.

Mi auguro, caro Presidente Musumeci, che si possa trasformare la proposta in questo momento solo transitoria in definitiva, istituendo per legge la chiusura domenicale. Tanti piccoli e medi imprenditori le sarebbero grati e, sono convinto, anche tanti dipendenti».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

9 commenti

  1. Giusta osservazione. Ma col commercio on – line come la mettiamo ?

    0
    1
    1. Le spedizioni si farebbero il lunedì. Si compra dal sito web ma la merce materialmente viene lavorata il giorno successivo

      1
      0
  2. Concordo pienamente con il suo pensiero e la sua lettera inviata al presidente della regione.
    Il valore dei nostri momenti liberi da dedicare ai nostri cari non ha prezzo.
    I momenti da dedicare agli acquisti sono importanti ma non di primaria importanza. Tra l’altro siamo riusciti a sopravvivere in questi giorni di coronavirus anche con i supermercati chiusi nei festivi…

    6
    0
    1. Ben detto.

      2
      0
  3. logico un giorno di riposo e quindi anche un po’ di licenziamenti nella grande impresa

    0
    7
  4. Il fatto che l’ abbia scritta Daniele Zuccarello, coordinatore regionale del movimento Autonomi e Partite Iva, è un fatto grave. Il caro coordinatore ha forse dimenticato che i supermercati di una volta rimanevano chiusi anche il mercoledì pomeriggio , ma erano per la maggioranza a conduzione familiare o con massimo 2 dipendenti; oggi un supermercato medio offre lavoro a 40 o più persone, e mentre una volta non aveva la concorrenza on line, o il cinese o altri 10 supermercati racchiusi in un chilometro, oggi non può permettersi di chiudere la domenica .Se il caro coordinatore si mettesse nei panni dell’ imprenditore che deve garantire lo stipendio ai dipendenti forse non farebbe certe inutili affermazioni e se vuole rimanere a casa a impastare faccia pure ma il progresso non si può fermare . Se qualcuno è stato all’estero avrà notato che in certe nazioni, quelle più progredite, i supermercati lavorano h24 con turnazione del personale. Certo il coordinatore ogni 27 del mese prende lo stipendio e non rischia neanche un centesimo. Spero che Musumeci si faccia una risata e non tenga conto di certe idiozie.

    3
    13
    1. -“Se qualcuno è stato all’estero avrà notato che in certe nazioni, quelle più progredite, i supermercati lavorano h24 con turnazione del personale.”…(cito le sue parole)
      Se lei fosse stato all’estero, magari in Austria, saprebbe che per esempio i supermercati già dal sabato pomeriggio rimangono chiusi per il weekend intero.

      8
      0
    2. Lei vuole dire che le aziende aprono la domenica per mantenere i posti di lavoro?… Si sbaglia di grosso! Le domeniche fondamentalmente non servono a nessuno e sono dettate dal libero mercato. Se apre uno aprono tutti. In primis per le aziende fare lavorare la domenica ha un costo di spese domenicale e poi turnano. Le assicuro che assunzioni per la domenica non ne fa nessuno. Quelli che avevano prima turnano (se gli va bene) con i colleghi.. Ne consegue uno stress pazzesco perche il lavoro che svolgi in 6 giorni lo svolgi in 7 con lo stesso personale. Anzi le dirò che negli anni il personale nei negozi è diminuito non aumentato

      2
      0
  5. Giuseppa Vicino 5 Giugno 2020 09:09

    E per i negozi nelle località turistiche come la mettiamo dato che i suddetti negozi lavorano prevalentemente nei giorni festivi e nelle domeniche.

    1
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007