“Lasciate a Messina i suoi amici a quattro zampe”: la petizione contro il bando del Comune - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Lasciate a Messina i suoi amici a quattro zampe”: la petizione contro il bando del Comune

Emanuela Giorgianni

“Lasciate a Messina i suoi amici a quattro zampe”: la petizione contro il bando del Comune

mercoledì 01 Luglio 2020 - 08:00
“Lasciate a Messina i suoi amici a quattro zampe”: la petizione contro il bando del Comune

Tantissime le firme per la petizione online che vuole fermare il bando riguardo la “deportazione” dei cani del Comune di Messina gestiti dalle associazioni.

3 bandi, il primo annullato il 30 dicembre dal Sindaco De Luca, poi ripubblicato ad aprile e infine di nuovo a giugno con tempistiche ancora più brevi. È il bando di gara per l’affidamento del servizio del canile.

“Vogliamo bloccare un bando che causa la “deportazione” dei cani del Comune di Messina, un bando controproducente tanto per la città quanto per gli animali” lo afferma Patrizio Brianti che ha creato una petizione online per fermarlo.

La petizione

“Non vogliamo far polemica, cerchiamo un dialogo e un confronto per evitare una risoluzione drammatica della vicenda”.

Per questo motivo Brianti ha avviato su change.org la sua petizione (per firmare basta recarsi sul sito e cercare “canile di Messina”), una petizione che in sole 24 ore ha ottenuto 2500 firme e ad oggi ne conta ben 5000. La popolazione messinese, e non, ha aderito subito mostrando forte condivisione per la sua esigenza, ma il termine del bando è alle porte.

“Il punto di vista comune è che non sia possibile destinare una cifra così alta, in un bando della durata di soli due anni, per qualcosa che non costituisce una soluzione al problema. 3 bandi uguali solo per liberarsi dei cani senza risolvere nulla, sarebbe meglio destinare quella cifra ad aspetti più importanti, concreti e permanenti” spiega Brianti.

Il bando non è la soluzione

Il bando era stato annullato a dicembre, concordando la realizzazione di un rifugio e di un Canile Comunale ma – dichiara ancora Brianti – “era solo un’illusione, serve una soluzione permanente, non una presa in giro momentanea, è come mettere un cerotto ad una persona che ha un’emorragia. Spero di incontrare presto l’Assessore Minutoli che ho contattato, insieme al Sindaco De Luca, per comprendere il loro punto di vista”.

Secondo Brianti è, infatti, assurdo pubblicare un bando, durante il lock down, su una questione così sensibile, senza il confronto con le tante associazioni che si prendono cura dei cani, senza puntare su di loro, senza neanche provare ad usufruire dei loro servizi totalmente gratuiti. “Una soluzione da vigliacchi, orientata sui propri interessi, a chi cura gli animali da anni bastava un semplice supporto per evitare tutto questo”.

Per tal motivo propone, piuttosto, di basarsi sulla realizzazione di un piano di sterilizzazione, sulla costruzione di un Canile e sul confronto con le associazioni.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Clara Augugliaro 1 Luglio 2020 22:07

    Continuano a decidere da soli. Chi si occupa da anni degli animali non viene neanche interpellato Le amministrazioni passano noi restiamo e NON MOLLIAMO

    1
    0
  2. Caterina Arcovito 3 Luglio 2020 02:38

    Grazie a Patrizio Briante per avere dato il giusto mezzo che ha, inequivocabilmente, unito in unica voce il pensiero di tanti cittadini.
    L’insistenza mantenuta, eludendo le disposizioni vigenti, nella “scelta” dei soggetti da cedere in custodia nei ripetuti Bandi andati a monte, non può che essere valutata come un impulso di avversione verso il volontariato e gli animali.
    Perché??? Per cosa???
    Il risultato della petizione renderà chiaro a codesta amministrazione che il potere politico o di posizione, deve essere speso per i cittadini e che nell’esecizio del loro privilegio, quanto meno, devono attenersi alle disposizioni vigenti ed a quella democrazia che tanto è costata per essere acquisita e praticata nella nostra Nazione?

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007