Emilia Barrile eletta Presidente del Consiglio Comunale, Vicepresidenti Interdonato e Crisafi - Tempo Stretto

Emilia Barrile eletta Presidente del Consiglio Comunale, Vicepresidenti Interdonato e Crisafi

Danila La Torre-Francesca Stornante

Emilia Barrile eletta Presidente del Consiglio Comunale, Vicepresidenti Interdonato e Crisafi

venerdì 19 Luglio 2013 - 09:14
Emilia Barrile eletta Presidente del Consiglio Comunale, Vicepresidenti Interdonato e Crisafi

Dopo quasi 7 ore di lavoro l'Aula ha votato ed eletto al primo turno di voto il Presidente del Consiglio. Emilia Barrile come da pronostici conquista lo scranno più alto del Consiglio la consigliera Pd che è stata anche la più votata alle elezioni con 2500 preferenze. L'Ufficio di Presidenza completato con Nino Interdonato dei Dr e Nicola Crisafi del Pdl.

LA DIRETTA

0re 19.30: La seduta è aggiornata a data da destinarsi

ORE 19.00 L'aula ha eletto Nino Interdonato dei Democratici Riformisti Vicepresidente Vicario con 27 voti e Nicola Crisafi del Pdl Vicepresidente con 21 voti. Per Libero Gioveni dell'Udc 20 voti, per Nina Lo Presti 4 preferenze, 1 per Elvira Amata, 1 per Franco Mondello.

ORE 18.30 Si procede alla votazione per la vicepresidenza.Su input della consigliera di Cambiamo Messina dal Basso Lucy Fenech ogni gruppo ha avanzato la propria proposta di candidatura per garantire la rappresentanza a tutti. Cambiamo Messina dal Basso ha scelto Nina Lo Presti, Udc Libero Gioveni, il Pdl Nicola Crisafi, i Democratici Riformisti Nino Interdonato.

ORE 18.10: Dopo la votazione del presidente del Consiglio comunale, si attende di procedere a quella del vice-presidente vicario e del vice presidente.

ORE 17.40 Emilia Barrile è il nuovo Presidente del Consiglio Comunale eletta al primo turno di voto con la maggioranza assoluta delle preferenze. Per lei 27 voti, 8 le schede bianche, 4 voti per Mondello, 1 nulla in cui la preferenza era stata espressa per l'ormai ex consigliere Nello Pergolizzi.

ORE 17.36 CONCLUSE LE OPERAZIONI DI VOTO SI PROCEDE ALLO SPOGLIO

ORE 17.05 AL VIA IL VOTO PER L'ELEZIONE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE.
ORE 16.50 Convalidati tutti gli altri consiglieri, si è insediato ufficialmente il Consiglio comunale- La scampa anche Giuseppe Santalco, dirigente dell'Ato Idrico. Teatro e Ato idrico non sono enti partecipati dal Comune: nessun problema di ineleggibilità quindi per David e Santalco.
ORE 16.35 Dopo un'ora e mezza di dibattito in aula e una lunga sospensione richiesta dal segretario Alligo per verificare alcuni passaggi, è stata convalidata anche la consigliera Udc Carmelina David, ex consigliera del Teatro Vittorio Emanuele.
ORE 14.50 Il Consiglio ha votato all'unanimità la convalida del consigliere Udc Consolo, sarà l'Asp a dover esprimersi, se lo riterrà, sull'eventuale incompatibilità.
ORE 14.15:All' unanimità il Consiglio comunale vota la convalida della consigliera dell'Udc Perrone. Si passa al caso successivo, quello del consigliere Consolo
ORE 13.43 dopo numerosi interventi arriva la prima sospensione della seduta richiesta dal gruppo Pd. In esame ancora la posizione della consigliera Mariella Perrone.
ORE 12.15 Il segretario Alligo avvia la verifica delle condizioni di ineleggibilità e incandidabilità. Il primo caso esaminato è il ricorso presentato dall'ex consigliere Nello Pergolizzi nei confronti di Mariella Perrone.
11.50 Giuramento del Sindaco Renato Accorinti. Dopo il giuramento il primo cittadino ha preso la parola per parlare con l'aula e lanciare un messaggio ai consiglieri e alla città. "Oggi si ricomincia con un vento nuovo e l'invito che faccio alla città, agli assessori e al consiglio è di prendere in mano la città perchè sappiamo che la credibilità non è altissima e non basta più uno sforzo normale, ognuno di noi deve fare qualcosa di più. C'è una città che chiede e noi tutti dobbiamo intraprendere quel percorso verso il bene comune, la politica è il bene collettivo. Il nostro dev'essere un atto d'amore, pensare alla città come fa un padre di famiglia con i suoi figli".

Un appello è per i 40 consiglieri: "Vi chiedo di non arrivare in aula con contrasti e preconcetti, incontriamoci e parliamo, se il bene comune è al centro sono sicuro che tutti avremo voglia di percorrere la stessa strada".

Poi l'invito alla città: "Chiedo ai cittadini di esserci, la democrazia è partecipazione e la delega è la morte della democrazia. Chiedo critiche amorevoli per sbagliare meno,dateci idee, siamo al servizio del popolo. La città deve tornare a splendere, l'abbiamo trattata male per troppo tempo ma tutti oggi abbiamo l'occasione per farla risorgere. La vittoria non è mia ma di la rimetto nelle mani di tutti, non ho paura del disastro economico ereditato. ANDIAMO AVANTI E CAMBIEREMO QUESTA CITTA'".

11.17 Al via il giuramento dei 40 consiglieri eletti. In ordine alfabetico il primo a giurare è stato Carlo Abate dei Democratici Rirformisti, l'ultimo Santi Daniele Zuccarello dei Progressisti Riformisti. In aula i deputati del Pdl Nino Germanà e Vincenzo Garofalo e dei Dr Beppe Picciolo e Marcello Greco.

11.05 Il segretario generale del Comune Santi Alligo ha chiamato a presiedere la seduta la consigliera più votata Emilia Barrile. Dopo il giuramento l'aula ha osservato un minuto di silenzio per commemorare la strage di via D'Amelio.

E’ arrivato il gran giorno: s’insedia il nuovo Consiglio comunale rinnovato dopo le elezioni amministrative del 9 e 10 giugno. All'ordine del giorno il giuramento dei quaranta consiglieri neo eletti; il giuramento del sindaco, Renato Accorinti; la verifica delle condizioni di eleggibilità, convalida, incompatibilità ed eventuali surroghe; l'elezione del presidente del Consiglio e dei vice presidenti.

La presidenza provvisoria della prima seduta del Consiglio comunale spetterà, sino all'elezione del presidente, al consigliere più anziano per preferenze individuali, quindi alla consigliera del partito democratico Emilia Barrile, indicata dal suo partito quale candidata ad occupare per i prossimi cinque anni lo scranno più alto del Consiglio comunale (vedi articolo a parte).

Non appena assunta la presidenza provvisoria dell'adunanza consiliare, la Barrile presterà giuramento secondo la formula prescritta dall'art.45 dell’Ordinamento regionale Enti Locali e, con la medesima formula, presteranno giuramento su invito del presidente i consiglieri eletti. Il Presidente provvisorio, in conformità a quanto prescritto dall'art. 4 L 127/97 recepito nell'ambito della Regione Siciliana dall'art. 2 della L.R. 23/98, inviterà poi il sindaco a prestare giuramento.

Il presidente provvisorio inviterà poi il Consiglio comunale a prendere atto che il sindaco ha prestato giuramento. Il Consiglio comunale, con votazione palese e ad unanimità di voti, prenderà atto che il sindaco ha prestato giuramento e sarà sottoscritto il relativo verbale, controfirmato dal presidente provvisorio e dal Segretario generale, Santi Alligo

Tag:

3 commenti

  1. Impegnatevi per amore della città!

    0
    0
  2. bi nnacati….!!!!!

    0
    0
  3. Settimo Libero 19 Luglio 2013 19:20

    Ma non è la stessa Emilia Barrile vicina ai signori PD sulle pagine dei giornali locali ?
    Se così fosse allora in città cambierà ben poco.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007