L'Irccs trasformata in Fondazione? L'Ugl dice sì - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’Irccs trasformata in Fondazione? L’Ugl dice sì

Rosaria Brancato

L’Irccs trasformata in Fondazione? L’Ugl dice sì

lunedì 28 Settembre 2020 - 17:06
L’Irccs trasformata in Fondazione? L’Ugl dice sì

Il sindacato è favorevole alla trasformazione: nessun rischio per i dipendenti nè su conseguenze per l'ingresso dei privati

Al no di Uil e Uilfpl si contrappone il sì dell’UGL Sanità di Messina, che si è detto soddisfatto dell’incontro che si è svolto nei giorni scorsi con i dirigenti dell’Irccs Piemonte.

Il sì dell’Ugl

Secondo il segretario provinciale Tonino Sciotto, l’eventuale trasformazione dell’Irccs in Fondazione non equivarrebbe ad una privatizzazione, tenendo anche in considerazione la normativa in materia. La legge sugli Irccs infatti specifica che gli Istituti di ricerca sono  enti pubblici a rilevanza nazionale sottoposti al controllo regionale e alla vigilanza del Ministero della salute, quindi con tutte le garanzie degli organi di controllo sull’attività sanitaria, di ricerca ed amministrativa. L’Ugl si sente rassicurato dalle dichiarazioni del DG Barone e del direttore scientifico Bramanti in merito alla tutela dei dipendenti della struttura sanitaria, attualmente totalmente pubblica e sorta con la legge 24 del 2015.

Nessun rischio per i dipendenti

I dipendenti alla data della trasformazione in Fondazione infatti mantengonoil rapporto di  lavoro  di  diritto  pubblico  e  possono optare per un contratto di diritto   privato   entro   centottanta   giorni   dal   decreto   di trasformazione.  Al  personale che non opta per il rapporto di lavoro privato  continua  ad  applicarsi  la disciplina prevista dalla normativa in materia.

L’ingresso dei privati

“Pertanto secondo il d.lgs.288/03 nulla cambierebbe per i quasi 1000 dipendenti dell’IRCCS- dichiara Sciotto- Altro punto discusso è quello sul possibile partner privato che entrerebbe a far parte della fondazione. La scelta avverrebbe, obbligatoriamente attraverso una procedura di evidenza pubblica. Tra l’altro proprio per la natura pubblica della Fondazione gli eventuali utili prodotti dovranno essere reinvestiti nella ricerca, nell’innovazione, nei servizi assistenziali e nella formazione del personale, diventando quasi una garanzia per il mantenimento di alti standard d’assistenza e ricerca”.

L’Ugl porta alcuni esempi nazionali di Fondazioni Irccs pubbliche come la fondazione Besta di Milano, l’Istituto Tumori di Milano, Il Maggiore di Milano, il policlinico S. Matteo Pavia, Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale.

Ugl: vigileremo

“Come sindacato vigileremo e abbiamo chiesto di essere aggiornati e coinvolti nei passaggi che seguiranno. Le leggi sono chiare, si attende di conoscere dal Ministero della Salute e dall’ufficio legislativo la fattibilità del progetto ma restando così le cose l’UGL Sanità è favorevole all’iniziativa, e siamo disponibili a dialogare senza preclusione verso nessuno per individuare le migliori soluzioni per cittadini e lavoratori”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x