Locri (RC), condannati in due a 4 mesi e multa da 1.800 euro per uso illecito d'IpTv - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Locri (RC), condannati in due a 4 mesi e multa da 1.800 euro per uso illecito d’IpTv

Redazione

Locri (RC), condannati in due a 4 mesi e multa da 1.800 euro per uso illecito d’IpTv

venerdì 03 Dicembre 2021 - 17:30

Proiettavano illegalmente i programmi Sky sfruttando l'Internet protocol television: guai giudiziari per amministratore e socio di un locale commerciale

LOCRI (RC) – Mentre aumentano di numero in tutt’Italia le operazioni antipirateria, nei giorni scorsi il Tribunale di Locri ha condannato l’amministratore e il socio di un locale commerciale a 4 mesi di reclusione ciascuno – con la “condizionale”, in ogni caso – e al pagamento di una multa da 1.800 euro a cranio.
E questo, proprio per la diffusione all’interno del locale di programmi televisivi – per la cronaca, di Sky – attraverso l’uso illegale di servizi IpTv, legati cioè all’Internet protocol television, il cui utilizzo è ormai tristemente diffusissimo anche nello Stivale.  

Attenuanti e decoder distrutto

Sia la pena detentiva sia la multa sono state peraltro decurtate grazie alla concessione delle attenuanti generiche: fondamentalmente, perché la diffusione illecita dei programmi televisivi alla base della disputa sarebbe avvenuta solo una volta.
A carico dei due soggetti condannati in primo grado di giudizio anche il pagamento delle spese processuali e la confisca e successiva distruzione del decoder loro sequestrato in precedenza.

Eventuale impugnazione entro 15 giorni

Secondo il collegio locrese, «non possono esservi dubbi in merito alla consapevolezza e volontà» dei due condannati «di effettuare il riscontrato abuso al fine di frodare l’emittente Sky Italia, ponendo in visione il programma televisivo senza il pagamento del necessario abbonamento».
I due soggetti condannati in prima istanza avranno 15 giorni di tempo per presentare appello.

I rischi per i “clienti”

Va detto che il contrasto alla pirateria telematica ormai investe anche i fruitori finali; chi guarda, cioè, programmi radiotelevisivi trasmessi aggirando le normali regole per poter acquistare il diritto alla visione (pay per view, abbonamenti “legali” etc.).
E in più di un’occasione, così, i clienti – che, a volte, pensavano erroneamente di non star infrangendo alcuna norma – si sono visti irrogare sanzioni amministrative fino a 1.032 euro d’importo.

Disoccupati e 1,1 miliardi rubati

Secondo stime Fapav (la Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali), il mercato illegale sottrae ai circuiti legali qualcosa come 1 miliardo e 100 milioni di euro l’anno, provocando – nello stesso periodo – la perdita di circa 6mila posti di lavoro.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007