Strage di Capaci. Mcl ripulisce due aiuole e pianta un ulivo - Tempostretto

Strage di Capaci. Mcl ripulisce due aiuole e pianta un ulivo

Strage di Capaci. Mcl ripulisce due aiuole e pianta un ulivo

martedì 23 Maggio 2017 - 07:52

Movimento cristiano lavoratori all'opera sulla scalinata Rosa Donato, in via XXIV maggio. “Per lo Sviluppo Solidale, contro le Mafie” è invece il tema dell’incontro al quale hanno preso parte il prof. Antonio Saitta e il segretario di Addiopizzo Messina, Enrico Pistorino

Una pianta di ulivo “Per lo Sviluppo contro le Mafie” in occasione dei 25 anni dalla Strage di Capaci. È questo il simbolo che il Movimento Cristiano Lavoratori di Messina, ha donato ieri alla città, piantando in XXIV Maggio (Rampa Rosa Donato) un albero di ulivo e riqualificando due aiuole abbandonate per ribadire il proprio no ad ogni forma di mafia.
Presenti i dirigenti di Mcl Messina, alcuni alunni delle scuole prospicienti le aiuole, ed in particolar modo gli studenti dell'Istituto S.Anna accompagnati dalle insegnanti e dalla direttrice, Suor Anna Antonietta, e dell' I.C. Boer-Venora Trento accompagnati dal Dirigente Scolastico Prof. Antonio Sabato. Presenti anche Don Sergio Siracusano, Direttore dell'Ufficio Diocesano per i problemi sociali e il lavoro che ha benedetto l'albero, Dino Calderone, segretario della Consulta diocesana delle aggregazioni laicali e il Presidente e il Vice della IV Circoscrizione Francesco Palano Quero e Pietro Caliri in rappresentanza di tutto il Consiglio che ha abbracciato l'iniziativa proposta da Mcl.
“Non potevamo non pensare ad un albero di ulivo quale segno di pace – dichiara Fortunato Romano, Presidente Provinciale Mcl – che ciascuno di noi deve coltivare e alimentare. Per la nostra organizzazione lotta alle Mafie significa anche contrasto all’illegalità diffusa ad ogni forma di corruzione e soprattutto contrasto delle povertà perché è proprio della fragilità economica e sociale che le mafie si nutrono”.
Ieri sera, poi, si è tenuto un altro incontro, nella sede del Mcl, "per elaborare e diffondere un’autentica cultura dei valori civili, imparare a rispettare e diffondere i diritti dell’altro". Erano presenti Antonio Saitta, prorettore alla Legalità, trasparenza e ai processi amministrativi dell’Università degli Studi di Messina ed Enrico Pistorino, segretario generale di Addiopizzo Messina.
La strage di Capaci, il 23 maggio 1992, ha cambiato il volto della nostra Sicilia ed ha permesso di mettere in luce che le condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza, che abbiamo conquistato in questi anni non possono considerarsi come acquisite per sempre, ma vanno perseguite, volute e protette.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007