Mercato S. Orsola. De Luca: "Metà non paga da 5 anni e altri sono abusivi". FOTO - Tempostretto

Mercato S. Orsola. De Luca: “Metà non paga da 5 anni e altri sono abusivi”. FOTO

Marco Ipsale

Mercato S. Orsola. De Luca: “Metà non paga da 5 anni e altri sono abusivi”. FOTO

giovedì 20 Giugno 2019 - 17:34
Mercato S. Orsola. De Luca: “Metà non paga da 5 anni e altri sono abusivi”. FOTO

16 box revocati nel 2014 senza seguito mentre altri erano occupati abusivamente

MESSINA – “Oltre il 50% dei mercatali non paga il canone da cinque anni, mentre il Comune spende 50mila euro annui per due custodi che non ho capito cosa stanno a fare”. Così il sindaco Cateno De Luca, in sopralluogo al mercato Sant’Orsola insieme all’assessore Dafne Musolino, al comandante dell’Annona, Giovanni Giardina, al comandante della Polizia Giudiziaria, Lino La Rosa, ed al personale del Dipartimento servizi alle imprese.

Per 16 box era stata revocata la licenza per morosità già nel 2014 ma non era stato dato seguito. Ora la Polizia ha eseguito le attività per riprenderne materialmente possesso. “Considerato che il canone annuale di un box al mercato Sant’Orsola è mediamente di 400 euro all’anno – dice De Luca -, si arriva a 6.400 euro all’anno per 16 box. Per 5 anni di inattività significa che il Comune ha perso 32mila euro che avrebbe potuto incassare dagli operatori mercatali e avrebbe potuto spendere per la manutenzione del mercato stesso”.

Altri box, invece, erano occupati abusivamente, senza alcun titolo. “Procederemo con le denunce per occupazione abusiva e, considerato che erano pure allacciati all’energia elettrica, li denunceremo anche per furto”.

Tag:

3 commenti

  1. quale commento si può esternare davanti a tanta STRAFOTTENZA (dal 2014 NESSUNO ha impedito che i “mercatali di riferimento” non solo NON corrispondessero canoni -miserevoli- ma che continuassero anche a GUADAGNARE E RUBARE l’energia elettrica IMPUNEMENTE.E’ vero l’assurdo civile: SI RECLAMANO DIRITTI (anche dove non ricorrono!!!) senza accennare SPUDORATAMENTE ai DOVERI.Chi “copriva costoro”? chi ha omesso di RECUPERARE CANONI e VIETARE NEFANDENZE (magari in cambio di un Kg di frutta o di pesce?). E’ questa la Messina di cui VERAMENTE PROVO VERGOGNA!!!!!

    12
    0
  2. Pasquale Messina 21 Giugno 2019 08:30

    Mi chiedo : dal 2014 chi amministrava non si era mai accorto di tutto ciò?
    Sicuramente no,in quanto gli interessamenti principali erano rivolti ad altre cause di respiro internazionale.
    Eppure hanno ancora il coraggio di farsi sentire.

    1
    1
  3. Vediamo quanto è bravo questo sindaco , se a pagare saranno solo gli ambulanti ?!!, o chi doveva vigilare!! , mi auguro che non si faccia il forte con i deboli , spettacolarizzare il degrado che esiste in questa bella città , dove adesso abbiamo un sindaco sceriffo, sicuramente se Messina non fosse quella che descrive il sindaco con queste foto , lui sicuramente non sarebbe il sindaco di Messina !!!! si dovrebbe avere un pò di vergogna invece di spettacolarizzare questo degrado, sindaco lavori sotto traccia , lavori e non ridicolizzi una città intera che già di spettacolo degrado e vergogna abbiamo fatto ridere tutta Italia , il sindaco che si butta in piscina vestito abbiamo di tutto , Spettacoli , degrado siamo una città sommersa.

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007