Messina. "Atm non paga il premio di produzione", protestano i sindacati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. “Atm non paga il premio di produzione”, protestano i sindacati

Redazione

Messina. “Atm non paga il premio di produzione”, protestano i sindacati

mercoledì 14 Aprile 2021 - 10:21

Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Orsa attivano le procedure di raffreddamento. In protesta anche i lavoratori che fanno pulizie su bus e tram

“Per la seconda volta in due mesi Atm SpA ha eliminato, in modo unilaterale, una significativa quota di salario dalle buste paga dei dipendenti. Si tratta della cosiddetta “una tantum” che l’azienda riconosceva in luogo del vecchio premio di produzione vigente in Atm in liquidazione, un diritto acquisito che anche Atm SpA deve riconoscere ai lavoratori fino a nuovo accordo, in virtù della clausola sociale del contratto nazionale da applicare in fase di trasferimento dei lavoratori dalla vecchia alla nuova azienda”.

In questi mesi il fronte sindacale si è reso disponibile al confronto per condividere un nuovo accordo volto all’incremento di produzione, “ripetute indisponibilità dell’Azienda hanno dilungato i tempi ma la soluzione non può essere quella di penalizzare ulteriormente i lavoratori, soprattutto nella contingente fase di crisi pandemica/economica in cui, chi ha la fortuna di avere uno stipendio deve pensare anche ai componenti della famiglia rimasti senza lavoro”.

Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Orsa attivano le procedure di raffreddamento. “Il premio di produzione non è una regalia aggiuntiva, come spesso prova a far credere il management di Atm SpA, è una quota effettiva di salario legata alla produzione, prevista esplicitamente dal contratto nazionale degli autoferrotranvieri e da concordare sul territorio come accade in tutte le altre aziende d’Italia. Atm SpA non può permettersi di eliminarla a suo piacimento mettendo in crisi i bilanci familiari dei lavoratori, compresi i nuovi assunti che a hanno diritto al premio di produzione quanto i colleghi anziani perché motore trainante dell’azienda”.

“Atm SpA prova con tutti i sistemi a far cassa mettendo le mani nelle tasche dei lavoratori, centinaia di provvedimenti disciplinari “fantasiosi” gestiti col sistema della giustizia sommaria, piovono costantemente sulle teste dei dipendenti costretti a subire le conseguenti penalizzazioni economiche. Nulla di simile riscontriamo nelle altre aziende del settore dove probabilmente meglio si comprende che le risorse umane sono un capitale da valorizzare e non da comandare con logiche autoritarie e vessatorie”.

“Un management che ambisce a rendere fruibile il servizio mantenendo in attivo il bilancio aziendale deve puntare all’ottimizzazione del sistema con nuove idee e nuovi investimenti condivisi con le parti sociali, non facendo la cresta sui salari a colpi di provvedimenti disciplinari e tagli dei diritti acquisiti”.

I sindacati evidenziano anche “le ripetute aggressioni subite dai lavoratori a diretto contatto col pubblico per le quali non si registra nessuna concreta iniziativa aziendale volta all’incremento di sicurezza a garanzia dell’incolumità dei dipendenti e dell’utenza. Il comunicato di solidarietà d’occasione, che Atm SpA usa diramare dopo le aggressioni che si susseguono con allarmante costanza, non risolve il problema, servono investimenti e proposte credibili in reale collaborazione con le forze dell’ordine”.

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Orsa restano disponibili al confronto per il raggiungimento di un accordo di secondo livello credibile, che non penalizzi i salari e sia garante della sicurezza ma “non intendono trattare sotto la minaccia dei tagli salariali e delle ritorsioni sui lavoratori che questa azienda pone in essere con troppa leggerezza. In Atm SpA il clima è quello di bomba innescata pronta ad esplodere frutto dell’atteggiamento di scontro che la dirigenza, fin dall’inizio, ha voluto instaurare con i lavoratori, che ha reso l’azienda un perenne terreno di scontro che innesca ansia fra i lavoratori e rischia di compromettere l’efficienza e la sicurezza che devono essere garantiti in un servizio essenziale”.

Pulizie su bus e tram

Agitazione anche nel settore delle pulizie. “Dopo l’avvio della protesta, nei mesi scorsi, una serie di incontri e di rassicurazioni, ma nei fatti nessun passo avanti. Anzi”, così Vincenzo Capomolla, di Sgb Sindacato Generale di Base.

La vicenda riguarda il servizio di pulizia di autobus e tram a Messina, che Atm spa, società comunale, ha esternalizzato affidandolo a Zenith spa. “Si è passati dalle 350 ore dedicate alla pulizia di autobus e tram, alle 150 per pulire non solo i mezzi, ma anche gli uffici, le officine, i gabbiotti e tutti gli spazi a disposizione di Atm. Tutto questo, tra l’altro, proprio mentre scoppia la pandemia e, sbaglieremo, si dovrebbe dedicare più attenzione alle condizioni igieniche dei mezzi di trasporto pubblici su cui salgono migliaia di cittadini”, spiega.

Continuiamo a sottolineare, per esempio, come i lavoratori, al rientro di autobus e tram, accedano sui mezzi per le pulizie senza che questi vengano preventivamente sanificati. Normale? Normale che i lavoratori continuino spesso l’opera di pulizia oltre il tempo previsto e retribuito, del tutto insufficiente, per cercare di portare a termine il servizio, con lo stress perenne comunque dei rilievi di Atm che hanno l’unico effetto di trasformarsi in procedimenti disciplinari per loro da parte di Zenith spa?”, continua.

I contratti? Falcidiati fino a 10 ore settimanali, spesso della durata di poche settimane o pochissimi mesi. Una vergogna”, continua. “Ed è scandaloso che questo accada in un servizio pubblico comunale. Per questo domani torniamo in piazza e non ci potremo fermare senza soluzioni, che stiamo sollecitando a sindaco, prefetta e Atm, informando anche il Consiglio comunale: è necessario ridare sostanza al servizio, sicurezza ai cittadini, dignità e stabilità ai lavoratori. Basta con tagli, appalti ed esternalizzazioni che fanno bene a qualcuno, ma non certo a cittadini e lavoratori”.

La protesta domani, giovedì 15 aprile, in via Oratorio San Francesco, davanti alla sede di Zenith spa, dalle 9 alle 13.


Tag:

Un commento

  1. Premio di produzione per aver prodotto cosa? La qualità del servizio è sotto gli occhi di tutti e le responsabilità non sono solo della politica e della dirigenza.

    1
    1

Rispondi a Antonio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x