Messina. Calci, pugni e colpi di bottiglia. Danni permanenti a un giovane, due arresti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Calci, pugni e colpi di bottiglia. Danni permanenti a un giovane, due arresti

Marco Ipsale

Messina. Calci, pugni e colpi di bottiglia. Danni permanenti a un giovane, due arresti

mercoledì 10 Febbraio 2021 - 10:20
Messina. Calci, pugni e colpi di bottiglia. Danni permanenti a un giovane, due arresti

E' successo 11 mesi fa in centro città. Un 20enne e un 29enne ai domiciliari

Una banale lite fra tre persone. Un 20enne e un 29enne pregiudicati messinesi hanno preso di mira un altro giovane, facendolo arrivare a terra con un violento pugno in faccia. Poi hanno continuato a dargli calci e pugni, colpendolo anche con una bottiglia di vetro e provocandogli danni permanenti al volto.

Era accaduto nella notte inoltrata dello scorso 8 marzo, undici mesi fa, in pieno centro città, tra via Primo Settembre e via Cesare Battisti. Le indagini da parte della Polizia hanno permesso di individuare gli aggressori. L’analisi delle immagini della videosorveglianza ha confermato i fatti e l’assoluta pretestuosità dell’aggressione, senza un vero motivo.

Il giudice del Tribunale di Messina ha stabilito per i due gli arresti domiciliari, eseguiti dai poliziotti delle Volanti guidati dal dirigente Giovanni Puglionisi. Il reato contestato è lesioni aggravate.

Tag:

7 commenti

  1. scusate ma non era periodo di chiusura totale e coprifuoco covid, se era cosi, vanno incriminati per tentata strage

    18
    1
    1. Tentata strage????????????? addirittura???????????’
      Ma prima di scrivere qualcosa il cervello lo collegate alla lingua???!!!

      0
      0
  2. Gli arresti domiciliari ?????????????????????????? ma che razza di pena è ????????? allora per fare un giorno di galera lo dovevano uccidere . Ma come si puo pensare di combattere il crimine con certe condanne, e logico che il possimo farà lo stesso , allora e meglio la politica americana armi libere cosi almeno visto che lo stato e soprattutto i giudici non tutelano la mia incolumità faccio da me . Sicuramente e inutile dirlo che se si fosse trattato di un loro figlio la pena sarebbe stata esemplare .

    52
    0
    1. Nstwviva il duce 10 Febbraio 2021 13:50

      Per andare in carcere ormai in Italia almeno devi fare un attentato tipo 11 settembre, che vergogna ormai grazie a questa magistratura ognuno può fare ciò che vuole tanto sa che non andrà in galera.

      0
      0
    2. TRA L’ALTRO PREGIUDICATI

      0
      0
    3. Purtroppo avere un arma non sarebbe servito a quel povero ragazzo. Avrebbe dato solo il prestesto a questi animali di tirarla fuori anche loro….. crede che chi fa queste cose non sia più preparato di noi? Piuttosto 11 mesi per stanarli con i video delle telecamere mi sembra eccessivo. Ha ragione sulla minimisura detentiva. E’ ridicola per crimini così violenti.

      0
      0
    4. Ci vuole tanto a capire che sono agli arresti domiciliari in attesa del processo?

      0
      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x