Messina, il Covid e il Pnrr. De Luca attacca Boccia: "Dichiarazioni prive di riscontro" - Tempostretto

Messina, il Covid e il Pnrr. De Luca attacca Boccia: “Dichiarazioni prive di riscontro”

Redazione

Messina, il Covid e il Pnrr. De Luca attacca Boccia: “Dichiarazioni prive di riscontro”

domenica 15 Maggio 2022 - 07:11

Tra Covid e Pnrr, l'ex sindaco ribatte al deputato del Pd, che aveva parlato dei "numeri che smentiscono De Luca"

MESSINA – Nonostante non sia lui in prima persona una dei candidati a sindaco di Messina, l’ex primo cittadino Cateno De Luca prosegue nelle sue quotidiane battaglie contro tutti. Dopo le polemiche con il centrodestra su gesti e affermazioni contro Matilde Siracusano, infuria il botta e risposta con il centrosinistra. Boccia e De Luca ormai da giorni proseguono il battibecco a distanza su quanto fatto negli ultimi 3 anni e mezzo, con fondi e Pnrr sul piatto della bilancia. Francesco Boccia, deputato Pd e responsabile Regioni e Enti locali della Segreteria nazionale, aveva parlato dei numeri che “smentiscono De Luca”. La replica non si è lasciata attendere.

De Luca contro Boccia: “Dichiarazioni prive di riscontro”

“Sono gravissime le dichiarazioni dell’ex ministro per gli affari regionali Boccia in quanto prive di alcun riscontro documentale e con molta probabilità scritte da qualche segreteria politica e neanche rilette dallo stesso – replica Cateno De Luca con una lunga e dettagliata nota, in cui evidenzia i numeri con cui risponde a Boccia, argomento dopo argomento -. La vera differenza tra voi e noi è sempre e soltanto una: noi studiamo, approfondiamo e documentiamo sempre le nostre affermazioni. Boccia, invece, in assenza dei dovuti approfondimenti, inciampa goffamente su dati e numeri di cui è chiaro che non abbia alcuna idea. Lei afferma con sicumera che il comune di Messina avrebbe avuto assegnati dal governo nazionale risorse per € 23.952.599.00? Sa che le dico? Da un lato resto stupefatto, dall’altro se fosse vero sarebbe certamente una splendida notizia per la città di Messina. Nessuno degli uffici della ragioneria trova traccia di questi soldi”

De Luca: “A Messina 3 milioni e mezzo durante l’emergenza”

De Luca prosegue: “Al comune di Messina risulta invece che per fronteggiare l’emergenza pandemica, sono stati assegnati solo € 3.413.770,86 provenienti dall’Ocdpc n. 658 del 29 marzo 202 e dal Decreto-legge 23 novembre 2020, n. 154 (c.d. Ristori ter). Fondi destinati all’emergenza alimentare. Altrettanto privo di alcun riscontro documentale è l’altra sua affermazione secondo la quale: ‘quando le risorse non sono state utilizzate è solo a causa dell’incapacità dell’amministrazione De Luca’, a quali risorse si riferisce? Caro ex Ministro dovrebbe sapere che, al di là delle strumentali affermazioni elettorali che evidentemente la stanno annebbiando, che quando si parla di finanziamenti pubblici ancor più di altro è necessario essere puntuali e analitici, ma certo questo comporterebbe studio, sacrificio e tempo da dedicare”.

La domanda di De Luca

De Luca poi allega una serie di tabelle e al termine si legge il totale dei fondi Pnrr “richiesti e ottenuti per la città di Messina: € 514.367.588,05”. L’ex sindaco di Messina poi pone a Boccia una domanda: “Perché è stata assegnata al Sud d’Italia solo la misera quota del 34% sull’intera dotazione finanziaria nazionale Pnrr? Perché non ha specificato che il merito della dotazione finanziaria più alta in tutta Europa non era del governo ma delle drammatiche percentuali di disoccupazione e PIL delle regioni meridionali? Perché ha lasciato al Sud solo il 34% quando, in forza dei catastrofici parametri, si sarebbe dovuto assegnare il 75%?”

Tag:

22 commenti

  1. Non se ne può più di ascoltare dichiarazioni funambolesche del politicante di turno (stavolta tocca a Boccia), poi puntualmente smentite da fatti documentati. Il linguaggio usato dell’ex Sindaco di Messina sarà pure a tratti aggressivo e irriverente, ma una cosa è certa ed inconfutabile, di azioni concrete, a 360 gradi, messe in campo in poco più di tre anni dall’amministrazione De Luca in città non se ne ha memoria negli ultimi 40 anni.

    406
    912
    1. Mi sa che ci vedi proprio male…le azioni messe in campo sono quelle per crearsi la clientela

      507
      4
  2. Cattivissimome 15 Maggio 2022 08:47

    De Luca è molto bravo con i numeri, molto attento con le leggi, ma purtroppo non lo è altrettanto con le amicizie. Da quando ha deciso di allearsi a Salvini ha perso il mio voto e quello di tutta la mia famiglia. Cateno ma che caxxo fai????? Salvini sta alla Sicilia come la panna nella carbonara ( PBL di Totti ricordate) insomma non c’entra niente.

    23
    76
  3. Ma quale documentazione! è fuggito sta’ usando la città di Messina come il suo bagno di servizio, ma quale 500.000.000 euro, ma se non è stato capace di contenere i costi della Tari, che se torni a pascolare le sue amate pecore….Messinesi basta ognuno viene qui solo per il suo tornaconto….riprendiamoci la città con un Messinese, basta ciumenisani!

    788
    580
  4. Sei proprio sicuro, oppure sei stato ipnotizzato dal “farfallone”? Nessuna giustificazione e’ sufficiente o credibile quando si perde la capacità di essere obbiettivi.Povera Messina

    20
    36
  5. Certi politici miracolati e miracolanti hanno il terrore del dibattito in contraddittorio.
    E’ troppo facile e comodo sparare bombe al fango contro De Luca, senza possibilità di replica e di immediata smentita, e poi tornare al riparo nel loro dorato e fatato mondo ricco di privilegi e potere !!!
    E’ un giochetto che i politichesi/politicanti/ politichini di Roma conoscono fin troppo bene, infangare l’avversario politico di turno è la loro specialità preferita….sono dei veri e propri professionisti in materia !!!

    94
    23
  6. De Luca si arrampica sugli specchi.
    Gli arrivano secchiate di m….
    da tutte le direzioni, riesce ad
    evitarne.
    solo qualcuna, grazie alla sua bassa statura (fisica e.morale)
    Deponga le armi e si armi piuttosto di pala e pico

    826
    625
  7. Giovanni ultimo arrivato 15 Maggio 2022 11:24

    Questi notabili personaggi romani ,negli ultimi 30 anni, grazie a leggi elettorali che permettono ai partiti di gestire chi debba essere eletto,hanno avuto a che fare con mediocri rappresentanti del sud quindi non si aspettano di trovare gente capace e preparata. Ora aspettiamo questo grande ex ministro che si presenti al confronto che lui stesso ha chiesto in diretta facendo riferimento a documenti “carte alla mano”. Magari potrà anche spiegare come si sia arrivati a questa funesta ripartizione dei fondi del PNRR ,che non rispecchia il principio europeo di assegnazione alla nostra nazione. Ma sicuramente avrà troppi impegni istituzionali per presentarsi….o forse sa di aver trovato qualcuno che gli farebbe fare la figura dell’impreparato.

    74
    22
  8. URGE un articolo chiarificatore su queste due versioni , di TEMPOSTRETTO che STUDIA 🤩( in risposta a De Luca 😏) ,e sa di cosa parla quando scrive❤️ …. SOLTANTO così avremo la CHIAREZZA della RAGIONE ,perché quando parla non è più CREDIBILE, visto che non è un 😇 come vuole fare credere ,ed ha pure lui suoi scheletri nell’armadio ( vedi i patti con la forza politica avversaria per i voti a Dafne Musolino, i rigonfiamenti dei bilanci,la caccia alle streghe ai dipendenti pubblici per fare posto alle nuove assunzioni 😡 )ed altri, (tipo questo se confermato) che stanno scalpitando per uscire 😏

    966
    1005
  9. Scusi ma lei come fa a dire che i dati del sindaco De Luca sono documentati, ha visto le carte? Perché bisogna credere a De Luca e non a Boccia? Ha controllato lei le documentazioni dei due politici? Per quanto riguarda il miglior sindaco degli ultimi 40 anni si capisce quanto lei sia obiettivo

    757
    535
    1. Boccia le carte le ha viste, le carte da poker, ha fatto doppia coppia di niente.

      91
      75
    2. Gentile ” Avvelenata”, è chi fa delle accuse che deve dimostrare con dati di fatti e documentazione alla mano che quello che afferma è realtà. Purtroppo in ogni campagna elettorale siamo costretti a sentirne e leggerne di cotte e di crude.
      L’ex Ministro Boccia è mai stato prima a Messina, i dati e i numeri che racconta ai quattro venti sono farina del suo sacco o qualcuno di Messina li ha a lui forniti?

      115
      86
      1. Vorrei rispondere agli schiavi di “quelli che c’erano prima”: la schiavitù in Italia è stata abolita il 31 gennaio 1865, fatevi coraggio: spezzate le catene che vi hanno messo i vostri padroni!

        80
        0
  10. Avete notato i “mi piace” o i “non mi piace” ai vari commenti su De Luca? Sono in un numero assolutamente spropositato rispetto alla media e sempre a suo favore. Frutto della macchina elettorale dell’ex sinnaco social bluff De Luca che pensa di orientare le opinioni dei cittadini con questi commenti a valanga pilotati a suo favore. Mi fa quasi tenerezza

    955
    749
    1. …come dicono a Messina..fatti du passi i mazurca

      5
      414
    2. Macchina elettorale ?!?!?!?
      Mezzucci da accattone, vorrai dire.
      Del resto, se consideriamo che le liste a sostegno di De_Luca_2 (Basile è uno pseudonimo) sono 9 e che sono quindi composte da quasi 300 persone, il gioco è fatto: basta che ognuno di questi si renda utile e metta un pollice su/giù a seconda dei voleri dello zar.
      La speranza è che i messinesi non ci caschino.

      170
      0
  11. Se per documentato intendiamo le dirette Facebook sicuramente De Luca è la verità assoluta. Ma se fate caso che le dirette non hanno contraddittorio è tutto dire.
    Ascoltiamo il pifferaio

    526
    93
  12. La quantità di like sui commenti pro-banda De Luca e di pollici giù sui commenti contro la banda sono netta testimonianza della messa in moto di una rudimentale macchina mediatica da parte della banda.
    Per fortuna, la banda non possiede carri armati.
    Occhio, messinesi.

    983
    795
  13. Una cosa è certa. Da un po’ di tempo a questa parte i commenti contro De Luca prendono tantissimi pollici in giù. Mobilitazione generale dei suoi fedelissimi?

    733
    548
    1. E’ la macchina propagandistica dello zampognaro, si chiama: LA CAPRA

      848
      675
    2. Mobilitazione di 4 sprovveduti che mettono pollici giù a raffica.
      Del resto, l’inquinamento mediatico è una delle specialità della casa.

      739
      524
  14. Gentile signor Izzio se lei avesse seguito il talk show in cui è nato il diverbio fra l’ex ministro Boccia e l’ex assessore Musolino saprebbe che quest’ultima ha dichiarato che durante la pandemia il comune di Messina ha usufruito solo delle proprie finanze mentre l’ex ministro Boccia negando queste dichiarazioni si è dichiarato disponibile ad inviare idonea documentazione alla giornalista che moderava il dibattito invitandola nella successiva trasmissione a rendere conto della documentazione che lui avrebbe prodotto e invitando nel contempo la Musolino a fare altrettanto. lBocvia ha mantenuto quanto promesso
    ma in trasmissione non si è presentato nessuno e la replica è stata fatta dall’ex sindaco……….cosa vuole di più???? Riguardo ai like spropositati che l’ex amministrazione colleziona ho più volte fatto presente alla redazione di Tempostretto che questi numeri non c’erano mai stati e non sono sicuramente lettori del giornale ma purtroppo i miei commenti sono stati cassati. Viva la democrazia

    323
    63

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007