Messina. La rimozione dei rifiuti a Maregrosso è più vicina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. La rimozione dei rifiuti a Maregrosso è più vicina

Marco Ipsale

Messina. La rimozione dei rifiuti a Maregrosso è più vicina

mercoledì 15 Gennaio 2020 - 07:00
Messina. La rimozione dei rifiuti a Maregrosso è più vicina

Domani la firma del contratto per due gare: la prima per l'apposizione di barriere che dovrebbe impedire ulteriori abbandoni di rifiuti, la seconda per l'eliminazione dei rifiuti presenti

MESSINA – A giugno il sequestro dell’area, poi una serie di incontri e tavoli tecnici. Nel frattempo, però, i rifiuti sono ancora a Maregrosso e gli incivili non perdono tempo per depositarne altri e dargli fuoco.

OTTOBRE: LA CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI

Cos’è successo nel frattempo? Il Comune di Messina si è fatto autorizzare dalla Procura ad accedere all’area, per il campionamento e la caratterizzazione dei rifiuti, che è stata terminata a ottobre.

Prima dell’eliminazione dei rifiuti, però, “si rende necessario interdire l’area in questione – dice l’assessore Dafne Musolino -, al fine di evitare l’esecuzione di un’attività che verrebbe vanificata dal continuo abbandono di rifiuti”. Come? Sono stati individuati dei varchi da chiudere tramite barriere che dovrebbero servire ad impedire il passaggio per lo scarico dei rifiuti.

DICEMBRE: DUE GARE AGGIUDICATE

A dicembre, il Comune di Messina ha aggiudicato due gare: una per l’apposizione delle barriere, alla Costruzioni Generali Mazzeo srl di Barcellona; l’altra per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, alla Eco Geo srl di Patti.

GENNAIO: L’ORDINANZA

Venerdì scorso, 10 gennaio, la Struttura territoriale ambientale (demanio marittimo) ha emesso un’ordinanza verso il Comune di Messina per apporre le barriere.

DOMANI LA FIRMA DEL CONTRATTO PER I LAVORI

Entrambe le ditte dovranno presentarsi, domani, 16 gennaio alle 15.30, al Dipartimento comunale Servizi ambientali, per la presentazione della documentazione richiesta e per la firma del contratto. Poi verrà comunicata la data di avvio dei lavori di apposizione delle barriere.

L’AMMINISTRAZIONE: “NON E’ VERO CHE NON ABBIAMO FATTO NULLA”

L’Amministrazione comunale smentisce così di non aver fatto nulla. “Dopo molti anni di inerzia, è prossimo il momento in cui il Comune di Messina, sostituendosi al Demanio marittimo, libererà l’area di Maregrosso dai rifiuti e dalla incuria che per troppi anni hanno degradato uno dei punti della costa messinese più belli e suggestivi e che, proprio in considerazione della sua bellezza, abbiamo voluto inserire nel Piano di utilizzo del demanio marittimo come punto Bandiera Blu”.

MA NON BASTA…

Perché Maregrosso diventi una spiaggia fruibile, però, non basta togliere i rifiuti. Bisogna togliere anche tutte le costruzioni che ostruiscono la vista del mare e realizzare un vero lungomare. Un’operazione da diversi milioni di euro, che sembra ancora lontana.

(Marco Ipsale)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007