C’è lo stato di emergenza e Messina è commissariata. La soluzione a Calatabiano viene rinviata di 24 ore - Tempostretto

C’è lo stato di emergenza e Messina è commissariata. La soluzione a Calatabiano viene rinviata di 24 ore

Marco Ipsale

C’è lo stato di emergenza e Messina è commissariata. La soluzione a Calatabiano viene rinviata di 24 ore

sabato 07 Novembre 2015 - 00:19

Due milioni in arrivo dal Governo, uno dalla Regione. La gestione affidata alla Protezione Civile e il commissario sarà Calogero Foti. Alle 22.20, una volta riparato il bypass Alcantara, è stata reimmessa l’acqua nella conduttura, con l’obiettivo di aumentare la portata da 300 a 400 litri al secondo. Ma i disagi, soprattutto nelle zone alte e nella zona nord, permarranno anche oggi

AGGIORNAMENTO ORE 19.30: Nuova riunione oggi pomeriggio tra il capo della Protezione Civile nazionale, Fabrizio Curcio, il dirigente regionale della Protezione civile regionale Calogero Foti ed i tecnici sui possibili interventi da adottare sulla condotta idrica. Al termine dell’incontro, è emerso che bisognerà aspettare almeno sino a domani prima di approvare il progetto relativo ad nuova tubazione flessibile da inserire all’interno o all’esterno di quella danneggiata. Dal momento dell’approvazione passeranno altre 24-48 ore per far arrivare il materiale necessario ai lavori dalla Germania. Nella migliore delle ipotesi, i lavori potrebbero iniziare martedì e concludersi nell’arco di tre 3-4 giorni. Questo potrebbe riportare ad una situazione di normalità alla fine della prossima settimana. Ottimista, in tal senso si mostra l’assessore comunale De Cola; Cucio e Foti preferiscono non sbilanciarsi sui tempi.

La soluzione ufficiale era attesa nella giornata di giovedì, poi rinviata di 24 ore ma, adesso, trascorse le 24 ore, non c’è ancora. E’ stata individuata e sarà varata nelle prossime ore, ma il capo della Protezione Civile nazionale, Fabrizio Curcio, arrivato a Messina, non vuole sbilanciarsi: “Speriamo di avere la decisione definitiva in qualche giorno o anche prima. Al vaglio ci sono un paio di soluzioni tecniche che, prima di essere varate, vanno analizzate nel dettaglio perché per i lavori, a frana in corso, bisogna essere molto cauti. Capiamo che le persone siano stremate ma stiamo facendo il possibile per trovare soluzioni urgenti".

La soluzione prevista è quella di una nuova tubazione flessibile da inserire all’interno o all’esterno di quella danneggiata, in modo tale da resistere al movimento franoso. Appena sarà approvata, bisognerà attendere l’arrivo dei materiali dalla Germania e poi potrà essere realizzata in breve tempo, due o tre giorni. Ma non è stata abbandonata neppure l’idea di realizzare un bypass a monte, della lunghezza di un chilometro o un chilometro e 200 metri, che potrebbe anche diventare la nuova condotta definitiva. In questo caso, per la realizzazione servirebbero un paio di settimane ed è probabile che entrambi gli interventi vengano messi in campo per superare l’emergenza attuale ed evitare che il danno si ripeta in futuro. “Ci riserviamo di valutare entrambe le ipotesi, ed anche altre, in modo più specifico – riprende Curcio –. Bisogna valutare i tempi per il bypass e mettere in campo la soluzione più rapida. Subito dopo aver superato l’emergenza si valuterà attentamente il problema infrastrutturale, ma non ora”. Ma quando sarà superata l’emergenza? “Non sono in grado di dare tempi. La frana è in continuo movimento e le analisi tecniche effettuate martedì scorso si sono rivelate inattuabili”.

Con estremo ritardo, visto che la crisi idrica è iniziata due settimane fa, sembra finalmente essersi messa in moto la macchina di aiuto nazionale. Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza e stanziato 2 milioni, che vanno ad aggiungersi al milione previsto dalla Regione. Entro la mattinata verrà nominato il commissario per l’emergenza, che sarà il dirigente regionale della Protezione Civile, Calogero Foti. Già ieri, in Prefettura, erano presenti venti uomini della Protezione Civile nazionale, ai quali se ne aggiungeranno altrettanti di quella regionale. “Il commissario sarà dotato di una struttura fortemente partecipata dal dipartimento nazionale – prosegue Curcio -. Il gruppo tecnico sarà nutrito, con persone specializzate su acquedotti e reti idriche, che affiancheranno i tecnici locali. Un altro gruppo, invece, lavorerà per potenziare la gestione emergenziale fin quando il problema non sarà risolto”. Da ieri, quindi, Messina è stata commissariata dal governo nazionale e dal governo regionale per quel che riguarda la gestione dell'emergenza.

Ieri la situazione era persino peggiorata perché già dalla prima mattinata era “saltato” il collegamento tra gli acquedotti Alcantara e Fiumefreddo, a Forza d’Agrò. Era stata, dunque, interrotta anche l’erogazione dell’Alcantara, da 300 litri al secondo, e l’erogazione idrica era calata da metà ad un quarto del normale. I tecnici di Siciliacque hanno lavorato tutto il giorno per sostituire la valvola rotta e alle 22.20 è stato dato inizio all’immissione di acqua, con l’obiettivo immediato di aumentare la portata fino a 400 litri al secondo. I disagi proseguiranno anche oggi perché serviranno parecchie ore affinché l’acqua arrivi nei rubinetti delle case, fermo restando che in alcune zone, soprattutto in quelle più alte e nella parte nord della città, il liquido non è arrivato neanche nei giorni scorsi. Proprio a causa del guasto al bypass, l'Amam non ha indicato gli orari di distribuzione odierni ma si è limitata al periodo della giornata. I serbatoi saranno aperti tutti di mattina, tranne Cep, Valleverde e Tremestieri alto, che saranno aperti di pomeriggio.

(Marco Ipsale)

Tag:

58 commenti

  1. giovanni rodilosso 7 Novembre 2015 06:22

    Il cambiamento climatico,terremoti e dissesto idrogeologico sono eventi naturali dove l’uomo non può difendersi,ma,qualcosa negli anni può fare per arginare al minimo i danni,prevenzione e messa in sicurezza dei territori. Quello che il cittadino rimprovera alla classe politica degli ultimi quarant’anni è non aver fatto niente per salvaguardare territorio e ambiente,tutti indistintamente vi siete accomodati nelle poltrone prendendosi lauti guadagni ed avete aspettato solo la fine del mandato,lasciando che i problemi rimanessero sempre li,delegando i prossimi fortunati amministratori ad accollarsi i problemi di sempre,uno scarica barile molto riuscito negli anni.

    0
    0
  2. giovanni rodilosso 7 Novembre 2015 06:22

    Il cambiamento climatico,terremoti e dissesto idrogeologico sono eventi naturali dove l’uomo non può difendersi,ma,qualcosa negli anni può fare per arginare al minimo i danni,prevenzione e messa in sicurezza dei territori. Quello che il cittadino rimprovera alla classe politica degli ultimi quarant’anni è non aver fatto niente per salvaguardare territorio e ambiente,tutti indistintamente vi siete accomodati nelle poltrone prendendosi lauti guadagni ed avete aspettato solo la fine del mandato,lasciando che i problemi rimanessero sempre li,delegando i prossimi fortunati amministratori ad accollarsi i problemi di sempre,uno scarica barile molto riuscito negli anni.

    0
    0
  3. Con tutta la solidarietà possibile per gli abitanti della zona Nord, permane comunque un mistero – almeno per me – il fatto che a Gazzi (che non è né a Nord, né inerpicata sulle colline) non riesca a giungere una goccia d’acqua da 4 giorni ormai.

    0
    0
  4. Con tutta la solidarietà possibile per gli abitanti della zona Nord, permane comunque un mistero – almeno per me – il fatto che a Gazzi (che non è né a Nord, né inerpicata sulle colline) non riesca a giungere una goccia d’acqua da 4 giorni ormai.

    0
    0
  5. commissariata? tutti a casa devono andare.

    0
    0
  6. commissariata? tutti a casa devono andare.

    0
    0
  7. Speriamo che questa tristissima e vergognosa pagina nella storia di Messina, possa aiutarci a capire che i primi a fare politica siamo noi cittadini che da menefreghisti abbiamo lasciato la gestione dei beni essenziali per la nostra sopravvivenza nella mani di gente scellarata, incompetente e non mi prolungo oltre…
    Accorinti con la sua aria di “brava persona” ha dato l’impressione di dare un volto nuovo a questa città martire, e invece si è rivelato un pacco colossale per chi lo ha votato (io no…), un sindaco incocludente e spesso dissociato dalla realtà in cui vive. E’ arrivato il momento di ammainare la bandiera bianca, giunta, consiglio comunale e nel caso specifico azzeramento dei vertici AMAM, causa di molti dei nostri mali idrici

    0
    0
  8. Speriamo che questa tristissima e vergognosa pagina nella storia di Messina, possa aiutarci a capire che i primi a fare politica siamo noi cittadini che da menefreghisti abbiamo lasciato la gestione dei beni essenziali per la nostra sopravvivenza nella mani di gente scellarata, incompetente e non mi prolungo oltre…
    Accorinti con la sua aria di “brava persona” ha dato l’impressione di dare un volto nuovo a questa città martire, e invece si è rivelato un pacco colossale per chi lo ha votato (io no…), un sindaco incocludente e spesso dissociato dalla realtà in cui vive. E’ arrivato il momento di ammainare la bandiera bianca, giunta, consiglio comunale e nel caso specifico azzeramento dei vertici AMAM, causa di molti dei nostri mali idrici

    0
    0
  9. quello che è triste e che i ns amministratori non volendo ammettere la loro incapacità ripetono che i problemi sono di quellicheceranoprima e stanno mentendo… mentono perchè oltre a non risolvere il vecchio, peggiorano giornalmente l’attuale.

    0
    0
  10. quello che è triste e che i ns amministratori non volendo ammettere la loro incapacità ripetono che i problemi sono di quellicheceranoprima e stanno mentendo… mentono perchè oltre a non risolvere il vecchio, peggiorano giornalmente l’attuale.

    0
    0
  11. Il gruppo tecnico sarà nutrito, con persone specializzate su acquedotti e reti idriche, che affiancheranno i tecnici locali.
    I tecnici locali per favore lasciateli a casa, magari paghiamoli il doppio basta che non intervengano perchè farebbero solo danno. Forse è meglio licenziarli e sbatterli fuori a partire dal Termini.

    0
    0
  12. Il gruppo tecnico sarà nutrito, con persone specializzate su acquedotti e reti idriche, che affiancheranno i tecnici locali.
    I tecnici locali per favore lasciateli a casa, magari paghiamoli il doppio basta che non intervengano perchè farebbero solo danno. Forse è meglio licenziarli e sbatterli fuori a partire dal Termini.

    0
    0
  13. giusto Giovanni; il fatto è che anche i cittadini hanno le loro responsabilità perchè per 50 anni si sono limitati a chiedere “IL POSTO” ai politici, indipendentemente dalla competenza. Il risultato è il disastro che vediamo e che, tempo, sia solo l’inizio. Sai pechè me ne sono andato da MEssina? perchè ero stanco di vedere gente che si credeva più furba di me e di tutti coloro che rispettano le regole della civile convivenza. Vivo al nord in un paradiso, paghiamo tutti le tasse e nessuno si sogna di passare col rosso o parcheggiare in doppia o tripla fila. Buona fortuna

    0
    0
  14. giusto Giovanni; il fatto è che anche i cittadini hanno le loro responsabilità perchè per 50 anni si sono limitati a chiedere “IL POSTO” ai politici, indipendentemente dalla competenza. Il risultato è il disastro che vediamo e che, tempo, sia solo l’inizio. Sai pechè me ne sono andato da MEssina? perchè ero stanco di vedere gente che si credeva più furba di me e di tutti coloro che rispettano le regole della civile convivenza. Vivo al nord in un paradiso, paghiamo tutti le tasse e nessuno si sogna di passare col rosso o parcheggiare in doppia o tripla fila. Buona fortuna

    0
    0
  15. Mentre si continuano a spendere fiumi di parole noi siamo a secco!se non fosse che la situazione è drammatica, su tutto quello che sta succedendo si potrebbero fare episodi d oggi le comiche!Umiliante e vergognoso ma utile che alla fine è stato l’intervento dello Stato a livello centrale come a dire siete tutti incapaci ora ci pensò io! E speriamo presto una considerazione va fatta , sia la classe politica tutta quella messinese in particolare e i vertici dell’amam devono andare via perché tante sono le colpe in questi anni del non fare nulla!e noi cittadini dobbiamo svegliarci e fare valere i nostri diritti non è più il tempo del pacco di pasta o buono benzina o promesse di lavoro alle prossime elezioni valutiamo attentamente a chi dare il

    0
    0
  16. Mentre si continuano a spendere fiumi di parole noi siamo a secco!se non fosse che la situazione è drammatica, su tutto quello che sta succedendo si potrebbero fare episodi d oggi le comiche!Umiliante e vergognoso ma utile che alla fine è stato l’intervento dello Stato a livello centrale come a dire siete tutti incapaci ora ci pensò io! E speriamo presto una considerazione va fatta , sia la classe politica tutta quella messinese in particolare e i vertici dell’amam devono andare via perché tante sono le colpe in questi anni del non fare nulla!e noi cittadini dobbiamo svegliarci e fare valere i nostri diritti non è più il tempo del pacco di pasta o buono benzina o promesse di lavoro alle prossime elezioni valutiamo attentamente a chi dare il

    0
    0
  17. MessineseAttento 7 Novembre 2015 11:29

    Vero, il nord è un vero paradiso, pagano le tasse e nessuno parcheggia in doppia fila. Certo, c’è chi timbra il cartellino in mutande e chi mentre dovrebbe essere sul posto (pubblico!!!!) di lavoro va a fare canottaggio. Ma che volete, nessuno è perfetto…

    0
    0
  18. MessineseAttento 7 Novembre 2015 11:29

    Vero, il nord è un vero paradiso, pagano le tasse e nessuno parcheggia in doppia fila. Certo, c’è chi timbra il cartellino in mutande e chi mentre dovrebbe essere sul posto (pubblico!!!!) di lavoro va a fare canottaggio. Ma che volete, nessuno è perfetto…

    0
    0
  19. MessineseAttento 7 Novembre 2015 11:37

    Certo che con la gestione dell’emergenza affidata alla protezione civile nazionale, al becero esercito di galoppini verrà difficile fare campagna elettorale. Già noto qualche difficoltà, visto che non si può appioppare ad Accorinti il fatto che ancora non ci sia una soluzione. Scommetto che adesso, per i galoppini, la frana diventerà un problema di non facile soluzione, un evento naturale al quale non si può porre rimedio in 24 ore. Dovrete trovare un altro appiglio per sfogare il vostro atavico livore. Fate tenerezza!

    0
    0
  20. MessineseAttento 7 Novembre 2015 11:37

    Certo che con la gestione dell’emergenza affidata alla protezione civile nazionale, al becero esercito di galoppini verrà difficile fare campagna elettorale. Già noto qualche difficoltà, visto che non si può appioppare ad Accorinti il fatto che ancora non ci sia una soluzione. Scommetto che adesso, per i galoppini, la frana diventerà un problema di non facile soluzione, un evento naturale al quale non si può porre rimedio in 24 ore. Dovrete trovare un altro appiglio per sfogare il vostro atavico livore. Fate tenerezza!

    0
    0
  21. letterio.colloca 7 Novembre 2015 12:32

    Questi di oggi,”partoriti da quellicheceranoprima,ap-postati quali strumenti di perverse strategie (neppure mafiose in quanto la stessa MAFIA ha abbandonato Messina diventata PUTREFATTA per altri luoghi più vitali e redditizi:come certificare che Messina é città di MORTIDIFAME:paesazzo di rubagalline;verminaio di miserabilità ed incompetenti FALLITI!di “bizantinismi sfacciati.Ultimo esempio:la vergognosa risposta dello “scienziato PD” che aspetta di “capire……..su quale poltrona saltare per non perdere il gettone e sfiduciare l’inetto scalzo.NON OCCORRE LA TEORIA DI OMBROSO PER QUALIFICARE COSTORO:persi!!!!!

    0
    0
  22. letterio.colloca 7 Novembre 2015 12:32

    Questi di oggi,”partoriti da quellicheceranoprima,ap-postati quali strumenti di perverse strategie (neppure mafiose in quanto la stessa MAFIA ha abbandonato Messina diventata PUTREFATTA per altri luoghi più vitali e redditizi:come certificare che Messina é città di MORTIDIFAME:paesazzo di rubagalline;verminaio di miserabilità ed incompetenti FALLITI!di “bizantinismi sfacciati.Ultimo esempio:la vergognosa risposta dello “scienziato PD” che aspetta di “capire……..su quale poltrona saltare per non perdere il gettone e sfiduciare l’inetto scalzo.NON OCCORRE LA TEORIA DI OMBROSO PER QUALIFICARE COSTORO:persi!!!!!

    0
    0
  23. Francesco Di Leo 7 Novembre 2015 12:54

    I messinesi sono oramai stanchi per le troppe emergenze che
    hanno “affogato” la Città. Ci rimane solamente di liberarci
    di questi amministratori che ci hanno tolto il diritto di vivere nella terra in cui siamo nati.
    da nonnociccio

    0
    0
  24. Francesco Di Leo 7 Novembre 2015 12:54

    I messinesi sono oramai stanchi per le troppe emergenze che
    hanno “affogato” la Città. Ci rimane solamente di liberarci
    di questi amministratori che ci hanno tolto il diritto di vivere nella terra in cui siamo nati.
    da nonnociccio

    0
    0
  25. Messineseattento dato che hai labacchetta magica perché non ripari tu l’acquedotto e la frana in 24 ore. M forse è per questo che vi chiamano buddaci.. parlate a vanvera

    0
    0
  26. Messineseattento dato che hai labacchetta magica perché non ripari tu l’acquedotto e la frana in 24 ore. M forse è per questo che vi chiamano buddaci.. parlate a vanvera

    0
    0
  27. Hai ragione, ma come si fa. L’unica bacchetta magica che funziona è la penna nella cabina elettorale, ma i messinesi non la sanno usare. Ci vorrebbe harry potter

    0
    0
  28. Hai ragione, ma come si fa. L’unica bacchetta magica che funziona è la penna nella cabina elettorale, ma i messinesi non la sanno usare. Ci vorrebbe harry potter

    0
    0
  29. Mio cugino dall’America mi ha scritto questo messaggio me lo potete tradurre? “What? You are run out of water and are politicians still thinking to build the Messina ‘s bridge? Unbelievable , they must be jailed.” Cmq a quanto pare siamo diventati famosi anche negli USA.

    0
    0
  30. Mio cugino dall’America mi ha scritto questo messaggio me lo potete tradurre? “What? You are run out of water and are politicians still thinking to build the Messina ‘s bridge? Unbelievable , they must be jailed.” Cmq a quanto pare siamo diventati famosi anche negli USA.

    0
    0
  31. Sono di quelli che sono andati via. Purtroppo. Stanco di una città fatta di emergenze, clientelismo, munnizza, delinquenti e furbi vari. Che non pagano tasse,acqua, canone rai,che cercano scorciatoie,e quanto altro.Ispirate semplicemente pietà cristiana.Siete bravi a parlare,piangervi addosso,mmummuriare,a cuttigghiare e a fare stupida ironia su tutto..tipico del messinese..Di persone come Accorinti ce ne vorrebbero 1000. La sua onestà intellettuale e la sua correttezza non ha limiti. Non regge nessun paragone con gli amministratori del passato. Oggi pagate lo scotto di cattive amministrazioni passate. Fatevene una ragione.Forse fra trent’anni qualcosa migliorerà.Fatevelo dire da chi osserva con occhi imparziali questa patetica situazione.

    0
    0
  32. Sono di quelli che sono andati via. Purtroppo. Stanco di una città fatta di emergenze, clientelismo, munnizza, delinquenti e furbi vari. Che non pagano tasse,acqua, canone rai,che cercano scorciatoie,e quanto altro.Ispirate semplicemente pietà cristiana.Siete bravi a parlare,piangervi addosso,mmummuriare,a cuttigghiare e a fare stupida ironia su tutto..tipico del messinese..Di persone come Accorinti ce ne vorrebbero 1000. La sua onestà intellettuale e la sua correttezza non ha limiti. Non regge nessun paragone con gli amministratori del passato. Oggi pagate lo scotto di cattive amministrazioni passate. Fatevene una ragione.Forse fra trent’anni qualcosa migliorerà.Fatevelo dire da chi osserva con occhi imparziali questa patetica situazione.

    0
    0
  33. Il sindaco di Messina è un noto “pacifista”, di quelli tosti-
    Uno di quelli che si permette di predicare lo scioglimento dell’Esercito Italiano.
    Ora che l’Esercito Italiano sta salvando la città dovrebbe avere la coerenza quantomeno di andarsene di nuovo a piantare alberelli,con la bandiera tricolore legata al collo.

    0
    0
  34. Il sindaco di Messina è un noto “pacifista”, di quelli tosti-
    Uno di quelli che si permette di predicare lo scioglimento dell’Esercito Italiano.
    Ora che l’Esercito Italiano sta salvando la città dovrebbe avere la coerenza quantomeno di andarsene di nuovo a piantare alberelli,con la bandiera tricolore legata al collo.

    0
    0
  35. i galoppini avranno difficolta ma chi si è venduto il cervello per un pezzo di pane ammuffito sarà difficile sopravvivere allo
    scalzo.

    0
    0
  36. i galoppini avranno difficolta ma chi si è venduto il cervello per un pezzo di pane ammuffito sarà difficile sopravvivere allo
    scalzo.

    0
    0
  37. Caro MessineseAttento,purtroppo io devo appoggiare Giovanni quando dice che al Nord si sta da Dio. E lo dico a ben vedere dato che io ho scelto intenzionalmente di stare a Messina quando prima ero al Nord in paradiso. Il problema è che non posso più andare via…altrimenti sarei a gambe levate. Qui la gente è pessima,sconosce il significato della parola REGOLA, c’è immondizia dappertutto (perché la gente è proprio sporca, ho visto io persone buttare tutto per strada come se fosse una pattumiera), passa con il rosso e ti aggredisce se ti lamenti perchè rischi di essere travolto. E’ la mentalità del messinese che seppellirà questa città destinata a morire semplicemente perché i suoi cittadini non la amano.

    0
    0
  38. Caro MessineseAttento,purtroppo io devo appoggiare Giovanni quando dice che al Nord si sta da Dio. E lo dico a ben vedere dato che io ho scelto intenzionalmente di stare a Messina quando prima ero al Nord in paradiso. Il problema è che non posso più andare via…altrimenti sarei a gambe levate. Qui la gente è pessima,sconosce il significato della parola REGOLA, c’è immondizia dappertutto (perché la gente è proprio sporca, ho visto io persone buttare tutto per strada come se fosse una pattumiera), passa con il rosso e ti aggredisce se ti lamenti perchè rischi di essere travolto. E’ la mentalità del messinese che seppellirà questa città destinata a morire semplicemente perché i suoi cittadini non la amano.

    0
    0
  39. Mi perdoni ma non sono solo rose e fiori.
    Da expo al san Raffaele al MOSE passando per Formigoni e tanto altro di soldi pubblici e furti ve ne sono assai.
    Non è il paese dei balocchi che molti emigranti dipingono come perfetto.
    È sicuramente migliore ma mi fermerei li.

    Salvatore

    0
    0
  40. Mi perdoni ma non sono solo rose e fiori.
    Da expo al san Raffaele al MOSE passando per Formigoni e tanto altro di soldi pubblici e furti ve ne sono assai.
    Non è il paese dei balocchi che molti emigranti dipingono come perfetto.
    È sicuramente migliore ma mi fermerei li.

    Salvatore

    0
    0
  41. il Tibetano dice che quando va a Roma tutti gli vogliono bene e gli aprono le porte”.Attento che pure a Gazzi ci sono porte che si aprono e chiudono

    0
    0
  42. il Tibetano dice che quando va a Roma tutti gli vogliono bene e gli aprono le porte”.Attento che pure a Gazzi ci sono porte che si aprono e chiudono

    0
    0
  43. con comodo possiamo aspettare… se vi serve prendetevi tutta la prossima settimana…

    0
    0
  44. con comodo possiamo aspettare… se vi serve prendetevi tutta la prossima settimana…

    0
    0
  45. L’unica cosa che non capisco e perche si continua ad aspettare, si aspetta a decidere, si aspetta ad ordinare il materiale che comunque serve in entrambe le soluzioni, si aspettano esperti, si aspettano professori, forse si aspetta che la gente reagisca nel peggiore dei modi, non so perche ma questa storia mi ricorda la tragedia dell’Aquila, che alla fine si aspettava solo gli amici per dare gli appalti giusti e con le giuste tangenti…. Vedremo

    0
    0
  46. L’unica cosa che non capisco e perche si continua ad aspettare, si aspetta a decidere, si aspetta ad ordinare il materiale che comunque serve in entrambe le soluzioni, si aspettano esperti, si aspettano professori, forse si aspetta che la gente reagisca nel peggiore dei modi, non so perche ma questa storia mi ricorda la tragedia dell’Aquila, che alla fine si aspettava solo gli amici per dare gli appalti giusti e con le giuste tangenti…. Vedremo

    0
    0
  47. Certamente ci sono state delle falle, non solo nella conduttura, ma anche nella gestione dell’emergenza….però una certa onestà intellettuale imporrebbe il prendere coscienza che ci troviamo di fronte ad un evento straordinario del quale non può farsi carico il Comune con i propri mezzi….nessun Comune e nessun Sindaco. Prova ne è che anche la Protezione Civile nazionale, con tutti mezzi di cui dispone, si è scontrata con un problema veramente complesso. Sciacallaggio puro prendersela con il Sindaco attribuendogli responsabilità e colpe che non ha. Ma si sa….gli sciacalli non si creano scrupoli

    0
    0
  48. Certamente ci sono state delle falle, non solo nella conduttura, ma anche nella gestione dell’emergenza….però una certa onestà intellettuale imporrebbe il prendere coscienza che ci troviamo di fronte ad un evento straordinario del quale non può farsi carico il Comune con i propri mezzi….nessun Comune e nessun Sindaco. Prova ne è che anche la Protezione Civile nazionale, con tutti mezzi di cui dispone, si è scontrata con un problema veramente complesso. Sciacallaggio puro prendersela con il Sindaco attribuendogli responsabilità e colpe che non ha. Ma si sa….gli sciacalli non si creano scrupoli

    0
    0
  49. A Ganzirri domani arriverà qualche goccia d’acqua nelle condutture? se ci sono problemi per questa zona perchè non intervenire direttamente con l’immissione da parte delle autobotti direttamente nella condotta superando tutti gli altri villaggi che in qualche modo avranno modo di avere un minimo di riempimento dei serbatoi?

    0
    0
  50. A Ganzirri domani arriverà qualche goccia d’acqua nelle condutture? se ci sono problemi per questa zona perchè non intervenire direttamente con l’immissione da parte delle autobotti direttamente nella condotta superando tutti gli altri villaggi che in qualche modo avranno modo di avere un minimo di riempimento dei serbatoi?

    0
    0
  51. A Tremonti abbiamo acqua dalle 7 mai successo con la gestione AMAM quindi si poteva fare, la pressione le zone alte le bolle d’aria altre stupidaggini per favorire qualcuno

    0
    0
  52. A Tremonti abbiamo acqua dalle 7 mai successo con la gestione AMAM quindi si poteva fare, la pressione le zone alte le bolle d’aria altre stupidaggini per favorire qualcuno

    0
    0
  53. MessineseAttento 8 Novembre 2015 10:03

    Ma nel paradiso del nord non vi insegnano a leggere!? Eviti lei di fare la figura del buddace e si sforzi di capire ciò che la gente scrive, prima di dare fiato al trombone. Si rilegga ciò che ho scritto, tra l’altro in un italiano alla portata di tutti, e dopo prenda coscienza dell’inadeguatezza del suo scritto. Grazie.

    0
    0
  54. MessineseAttento 8 Novembre 2015 10:03

    Ma nel paradiso del nord non vi insegnano a leggere!? Eviti lei di fare la figura del buddace e si sforzi di capire ciò che la gente scrive, prima di dare fiato al trombone. Si rilegga ciò che ho scritto, tra l’altro in un italiano alla portata di tutti, e dopo prenda coscienza dell’inadeguatezza del suo scritto. Grazie.

    0
    0
  55. MessineseAttento 8 Novembre 2015 10:08

    Ha sbagliato i tempi, ad oggi, la protezione civile nazionale, il genio militare e tutti gli esperti, non sono intervenuti in alcun modo sulla condotta nè sulla distribuzione dell’acqua. Quindi le cose sono due, o è accaduto il miracolo, o deve ringraziare, suo malgrado, proprio i tecnici dell’AMAM. Mi dispiace ma, come già detto, ha sbagliato i tempi.

    0
    0
  56. MessineseAttento 8 Novembre 2015 10:08

    Ha sbagliato i tempi, ad oggi, la protezione civile nazionale, il genio militare e tutti gli esperti, non sono intervenuti in alcun modo sulla condotta nè sulla distribuzione dell’acqua. Quindi le cose sono due, o è accaduto il miracolo, o deve ringraziare, suo malgrado, proprio i tecnici dell’AMAM. Mi dispiace ma, come già detto, ha sbagliato i tempi.

    0
    0
  57. letterio.colloca 8 Novembre 2015 12:26

    Anch’io sono “un pentito del rientro”,però la NOSTALGIA ti stronca quando sei lontano.Mi sono assoggettato a tanta “regressione di civiltà” per sentimenti che la “feccia” contemporanea non può capire;il peggio è che sono emulati da quanti (assai pochi) hanno ricevuta un’educazione familiare.Sembrano partoriti “analmente”,pieni spocchia e,fondamento,MALITRAVAGGHIATUTI FAUSI.Con tanta bella compagnia,solo uno tsunami ce ne può LIBERARE.Saluti.

    0
    0
  58. letterio.colloca 8 Novembre 2015 12:26

    Anch’io sono “un pentito del rientro”,però la NOSTALGIA ti stronca quando sei lontano.Mi sono assoggettato a tanta “regressione di civiltà” per sentimenti che la “feccia” contemporanea non può capire;il peggio è che sono emulati da quanti (assai pochi) hanno ricevuta un’educazione familiare.Sembrano partoriti “analmente”,pieni spocchia e,fondamento,MALITRAVAGGHIATUTI FAUSI.Con tanta bella compagnia,solo uno tsunami ce ne può LIBERARE.Saluti.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007