Messina, spunta la tassa sul bidone. Nino Interdonato: "Famiglie tartassate" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, spunta la tassa sul bidone. Nino Interdonato: “Famiglie tartassate”

Rosaria Brancato

Messina, spunta la tassa sul bidone. Nino Interdonato: “Famiglie tartassate”

mercoledì 23 Settembre 2020 - 11:56
Messina, spunta la tassa sul bidone. Nino Interdonato: “Famiglie tartassate”

"La tassa sul cassone e la tariffa per il passo carrabile doppia rispetto a Torino. Ora basta" scrive il vice presidente del consiglio

Chi non ha abbastanza spazi all’interno del condominio per ospitare i cassoni per la raccolta porta a porta rischia di dover pagare l’occupazione suolo per aree esterne. E’ quanto sta emergendo al Comune alle prese con gli ultimi step della differenziata. In molti condomini infatti non ci sono spazi abbastanza ampi per poter collocare i carrellati. Ne consegue che l’alternativa è la realizzazione di mini isole ecologiche. Il problema riguarda le zone del centro, dove appunto dovrebbe essere avviato l’ultimo step.

Chi paga le mini isole ecologiche?

Ma chi pagherà per l’occupazione suolo delle mini isole ecologiche di condominio? A quanto pare saranno gli stessi residenti a dover pagare il canone. E’ quanto spiega il vice presidente vicario del Consiglio comunale Nino Interdonato che ha depositato una proposta di delibera urgente per la modifica del regolamento Cosap.

Interdonato: una prevaricazione

Ho accertato- dichiara Interdonato- che gli uffici comunali stanno predisponendo i moduli e le tariffe per riscuotere la tassa di concessione suolo pubblico nei confronti dei condomini, delle singole unità abitative od attività commerciali, le quali non avendo al proprio interno lo spazio per “ospitare” i mastelli/carrellati per la raccolta differenziata, si trovano costretti, previa concessione comunale, ad esporli sul suolo pubblico. Una palese prevaricazione che comporterebbe un ulteriore aggravio fiscale sulle già tartassate famiglie messinesi”.

Interdonato quindi chiederà la modifica del regolamento Cosap relativo proprio a questo aspetto. Vi è da dire che la raccolta porta a porta non sarà completa fin quando mancheranno all’appello le zone del centro, rimaste finora bloccate proprio da problemi relativi agli spazi condominiali. Messinaservizi è quindi in attesa di poter completare gli step della differenziata che sta invece procedendo bene nelle altre zone della città.

Passo carrabile “d’oro”

Nino Interdonato chiede anche il dimezzamento della tariffa base del passo carrabile. “Messina ha attualmente una delle tariffe più elevate di Italia: la cifra base è di 240 euro, quasi il doppio di Torino con 130.70€. Una tariffa che è il quadruplo di Milano che ha 75 euro e più alta di Catania con95.00€”.

La proposta prevede anche l’inserimento in modo strutturale e permanente di un iter amplificato per le occupazioni suolo pubblico con tavoli, sedie ed ombrelloni. Alla delibera hanno contribuito anche i consiglieri di Sicilia Futura, Piero La Tona e Daria Rotolo, ed i Consiglieri Caruso, Rizzo e Serra.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Il signor Interdonato non sa cosa dice, vada a vedere cosa fanno a Torino nei condomini senza spazio per la differenziata. Diligentemente i cittadini torinesi si sono fatti carico di trovare un’area privata PAGANDO l’affitto. È vero che gli amministratori di Messina hanno………qualche problema ma è anche vero che i cittadini (????!!!) messinesi non sono da meno. METTETE LE MANI IN TASCA E PAGATE…….!!!!!

    7
    24
    1. Gli italiani come te sono quelli che si “chinano a 90 gradi” con piacere. A Messina la Tari è la più cara d’Italia. Con la raccolta differenziata il costo non è diminuito ma sono aumentati i costi di gestione interni dei condomini che adesso hanno bisogno di mano d’opera per spostare i bidoni obbligandoli a tenerli fuori o dentro in base al giorno.
      Adesso si dovrebbe pure pagare l’occupazione suolo? Ma c’è qualcosa inerente alla gestione dei rifiuti quando paghiamo la “Tassa di gestione dei rifiuti”?

      Per altro l’occupazione suolo non genera spese reali, è solo il balzello per far pagare tasse. Avete instaurato il porta a porta? L’occupazione suolo la considero inclusa nella tassa.

      4
      1
      1. https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://qds.it/tassa-sui-rifiuti-a-catania-la-piu-cara-ditalia/amp/&ved=2ahUKEwjV9v3C_oHsAhVOsaQKHfk9AmcQFjAFegQIBBAB&usg=AOvVaw2y_gjCDwYqETfeoWJBzF0m&ampcf=

        Ed il suo comnento è la prova provata che gli amministratori di Messina sono lo specchio dei cittadini (xxxxxx….). PAGATE come fanno a Torino, Milano, Bologna e mille altri Comuni….

        0
        0
    2. non dimentichi il porta a porta, perché continuare a massacrare i cittadini con tasse e contributi? è un diritto usufruire di tale servizio se non ci sono aree disponibili per i carrellati.
      basta è un soppruso!!!

      0
      0
  2. Allora fanno bene poi quando la buttano dove capita, è grazie a voi che siamo pieni di spazzatura d appertutto.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007