"Messina torni a essere una comunità": la parola ai tre tecnici di De Domenico - Tempostretto

“Messina torni a essere una comunità”: la parola ai tre tecnici di De Domenico

Marco Olivieri

“Messina torni a essere una comunità”: la parola ai tre tecnici di De Domenico

giovedì 19 Maggio 2022 - 19:22

Sono un regista, una dirigente scolastica e un docente universitario: Bisceglia, Minniti e Randazzo pronti "a rinnovare Messina"

MESSINA – Sono i tre “tecnici” della squadra guidata da Franco De Domenico, candidato a sindaco per la coalizione di centrosinistra. Sono un regista cinematografico, una dirigente scolastica e un docente universitario, che si aggiungono ai quattro assessori designati in ambito politico. Christian Bisceglia, Alessandra Minniti e Giovanni Randazzo (nella foto i tre in evidenza) si dicono pronti “a rinnovare Messina”. A mettersi al servizio “di una realtà che deve ritrovarsi in quanto comunità”, evidenzia Bisceglia.

Il regista a cui De Domenico affida la cultura

A Christian Bisceglia, che vive a Roma ma ha mantenuto un solido rapporto con Messina, De Domenico vorrebbe affidare la Cenerentola degli assessorati. Tra magri bilanci e disattenzioni decennali, quello alla Cultura è un assessorato che non è mai decollato.

Messinese al cento per cento anche se è nato Milano, Christian Bisceglia ha ottenuto il successo internazionale con horror come “Fairytale” e “Cruel Peter”. Quest’ultimo ambientato e girato a Messina.

Ha sottolineato in una lettera aperta: “Sono grato a quella comunità messinese che ha pensato a me, e a Franco De Domenico per avermi accolto, in un settore così nevralgico per risollevare Messina, per tornare a parlare tutti un unico linguaggio. Per far sì che almeno in ambito culturale non esistano periferie. Per aggregarci nuovamente e fare insieme le cose, prima e più alta forma di cultura. Per evitare che i talenti in campo artistico della città debbano obbligatoriamente avere traghetti, treno e aerei come unico palcoscenico di lancio per portare fuori da Messina il loro desiderio di esprimersi”.

“Recuperare subito lo spazio dell’ex Fiera”

Ha messo in risalto Bisceglia: “Ritengo che la cultura oggi debba necessariamente assumere una figura nuova: essere tutrice degli spazi urbani, dei beni comuni. Cosa sono le piazze, le strade, le aree più belle e quelle oggi dismesse e abbandonate se non il bene comune che può produrre riscatto, speranza e impegno, lavoro e felicità? Da sempre penso allo spazio dell’ex Fiera, che deve essere restituito ai messinesi, subito. E deve essere riempito di progetti e idee concrete. È il momento di avere coraggio per affermare i diritti, nella consapevolezza della fatica necessaria per affermarli, e realizzare così una città a misura di tutti”.

Il docente: “Pianificare e investire sul territorio”

A sua volta, così si esprime Giovanni Randazzo, docente del Dipartimento Mift – Scienze matematiche e informatiche, Scienze fisiche e Scienze della terra dell’Università degli Studi di Messina: “Da diversi anni mi interesso per ragioni scientifiche delle questioni marino – costiere. Penso di essermi allenato a sufficienza per affrontare questa sfida complessa, soprattutto per i diversi ambiti di contrasto che a Messina sono evidenti”.

Aggiunge il docente di Geologia ambientale, figlio del medico e politico socialista Pietro Randazzo: “Gli ultimi anni di politica gridata e involgarita mi hanno onestamente spaventato. L’ex amministrazione è stata il trampolino di uno straniero urlante, l’esatto opposto del mio concetto di dinamica politica. Penso che il metodo, la pianificazione e la reale volontà di investire sul nostro territorio siano dei cardini imprescindibili per il recupero socio-economico della città”.

Non sfugge che il tecnico Randazzo abbia una posizione a favore dei termovalorizzatori, anche per bonificare le discariche esistenti, che potrebbe creare divisioni all’interno della coalizione di centrosinistra. Ma su questo tema ci sarà modo di approfondire.

La dirigente scolastica: “Mettiamo in connessione cittadini e istituzioni”

Per la dirigente scolastica Alessandra Minniti, che ha riscosso il plauso nella coalizione da parte del movimento Cambiamo Messina dal Basso, “la città ha bisogno di un profondo rinnovamento”.

“Ho accettato questo incarico forte delle mie motivazioni, che nascono dall’amore per una realtà così bella e, allo stesso tempo, vilipesa. Reputo di poter offrire – rivela Minniti – la mia capacità di riflessione sulle criticità e sui bisogni, l’esperienza e la conoscenza dei problemi, la capacità di connettere cittadini e istituzioni”.

Di recente, Assogiovani, organizzazione governativa che si occupa di bandi per la scuola con riferimento all’educazione civica, l’ha premiata come “eccellenza italiana” per il ruolo di dirigente.

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. bastacuradelproprioorticello 19 Maggio 2022 20:48

    …scusi Professore ma che è meglio la politica dei finti perbenisti, che hanno distrutto una città (solo per ricordarle Messina Cenerentola d’italia, Messina Verminaio, Messina cloaca) ora ci si scandalizza perchè l’ex sindaco urlava e diceva le parolacce!
    Niente la parola “umiltà” non fa parte del lessico dei pseudo politici di sinistra!
    Al solito vi sentite i portatori della “verità assoluta”.

    7
    2
  2. Com’è difficile capire che il modo in cui lei istituzioni si rapportano con i cittadini e con le altre istituzioni fungono da esempio. L’educazione, la gentilezza, il rispetto, il riconoscimento del valore altrui, la competizione leale il tono di voce pacato e non sguaiato sono valori che una società civile deve coltivare eh non dovrebbero essere accettati comportamenti contrari. Da nessuno …..tantomeno da un sindaco. Per fortuna ex.

    1
    5
  3. Cittadino messinese 20 Maggio 2022 13:05

    Bravo prof de Domenico tre bei assessori tecnici come avevi detto competenza è qui ci siamo…..non abbiamo capito gli assessori politici che sono 4 …. assessori a che ……. quindi appartenenza e non competenza…….come diceva Totò….ma mi faccia il piacere

    1
    0
  4. Senza nulla togliere ai tre tecnici scelti da De Domenico per fare solo il 20% di quello che dicono dovrebbe ingaggiare un quarto tecnico dal nome di Harry Potter. Chissà lui ha la bacchetta.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007