Messina, untore di Aids sarà processato per omicidio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, untore di Aids sarà processato per omicidio

Alessandra Serio

Messina, untore di Aids sarà processato per omicidio

venerdì 03 Luglio 2020 - 16:10
Messina, untore di Aids sarà processato per omicidio

Processo in autunno per omicidio volontario all'uomo che contagiò Aids alla ex compagna a Messina, poi deceduta. Nascose anche ad altre donne di essere sieropositivo

Sarà processato a partire dal prossimo 2 ottobre il cinquantaseienne messinese arrestato a dicembre scorso per aver provocato la morte di una professionista messinese, sua ex compagna, alla quale aveva nascosto di essere sieropositivo.

L’uomo aveva taciuto la sua malattia anche ad altre donne, ha scoperto la Procura di Messina, che ha chiesto ed ottenuto per lui il rinvio a giudizio. Il giudice Monica Marino, che oggi pomeriggio ha chiuso il vaglio preliminare, ha ritenuto che il caso è meritevole di essere approfondito nel corso del processo di primo grado, ed ha prescritto le sole accuse di maltrattamenti nei confronti della ex compagna, nel frattempo prescritti.

Nel processo saranno parti civili la sorella dell’avvocata deceduta, che si è costituita parte civile con l’avvocato Bonaventura Candido, e i genitori assistiti dall’avvocata Elena Montalbano.

L’uomo, che rimane ai domiciliari, è invece difeso dall’avvocato Carlo Autru Ryolo, che anche oggi ha sostenuto la non colpevolezza del suo assistito per la più grave accusa di omicidio che gli viene contestata, rivendicando che al più la condotta può essere cristallizzata nell’accusa di lesioni gravi.

La morte della giovane professionista messinese, infatti, è arrivata dopo molti anni dalla fine della relazione con il 56enne, allo stremo di un calvario di malattia e sofferenza, in ospedale, senza che nessuno le diagnosticasse la sua vera malattia, ovvero l’Aids, se non quando per lei era già troppo tardi. Per questo sotto indagine ci sono anche tre medici, il cui ruolo è ancora al vaglio della Procura.

Sarà ora la Corte d’Assise ad occuparsi della vicenda, a partire dal prossimo autunno. L’untore rischia l’ergastolo.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007