Aggressione sul bus a Messina, si difendono i giovani: nessuna rapina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Aggressione sul bus a Messina, si difendono i giovani: nessuna rapina

Alessandra Serio

Aggressione sul bus a Messina, si difendono i giovani: nessuna rapina

giovedì 22 Giugno 2017 - 09:13
Aggressione sul bus a Messina, si difendono i giovani: nessuna rapina

All'interrogatorio di garanzia il 19enne Luigi Bruno e i due minori negano di aver picchiato il venditore ambulante per rubargli la merce e parlano di una lite innestata per altri motivi. Ma il giudice convalida i loro arresti: in due restano in cella, l'altro in comunità.

Restano in carcere i tre giovani fermati due giorni fa dalla Polizia per l'aggressione dell'ambulante cingalese sul bus dell'Atm a Paradiso.

Il diciannovenne Luigi Bruno è dietro le sbarre del carcere di Gazzi, uno dei minorenni è nel centro di accoglienza di Acireale, l'altro è in comunità.

Lo hanno deciso il Gip Eugenio Fiorentino e il Gip presso il Tribunale dei Minori Saia, che hanno ascoltato i ragazzi in interrogatorio di garanzia, alla presenza dei difensori, gli avvocati Daniela Garufi e Salvatore Silvestro.

Bruno e i due minori hanno deciso di rispondere ed hanno fornito una versione dei fatti diversa da quella della vittima, che ha raccontato di essere stato picchiato dai bulli i quali pretendevano di avere gratis la merce che l'ambulante trasportava, in particolare degli occhiali.

Invece i giovani sostengono di non essere mai stati interessati agli oggetti dello straniero, ma di aver reagito ad una sua provocazione, e a lite si sarebbe innestata dopo il battibecco tra l'ambulante e una donna sul bus. I difensori hanno presentato una memoria difensiva a supporto della loro versione.

Ma i due giudici che li hanno interrogati non hanno creduto al loro racconto ed hanno confermato l'arresto.

Le indagini della Polizia proseguono per fare completa luce sulla vicenda.

Il diciannovenne era stato scarcerato soltanto pochi giorni prima, dopo essere stato bloccato insieme ad altri quattro coetanei per il pestaggio di un ventinovenne in un locale di via Garibaldi.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Che dire, che il Gip. Dott. Fiorentino, questa volta avrà soppesato bene la situazione prima di prendere la decisione, o no?

    0
    0
  2. Che dire, che il Gip. Dott. Fiorentino, questa volta avrà soppesato bene la situazione prima di prendere la decisione, o no?

    0
    0
  3. MessineseAttenta 22 Giugno 2017 14:37

    L’hanno menato per spirito umanitario………..

    0
    0
  4. MessineseAttenta 22 Giugno 2017 14:37

    L’hanno menato per spirito umanitario………..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007