Meteo Messina: attenzione ai temporali nel weekend, dove saranno più probabili? - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Meteo Messina: attenzione ai temporali nel weekend, dove saranno più probabili?

Daniele Ingemi

Meteo Messina: attenzione ai temporali nel weekend, dove saranno più probabili?

venerdì 11 Settembre 2020 - 16:04
Meteo Messina: attenzione ai temporali nel weekend, dove saranno più probabili?

Sulle coste tirreniche rischio anche di nubifragi

L’anticiclone sub-tropicale che finora ci aveva messo al riparo dalle perturbazioni e dagli effetti instabilizzanti di quel vortice in alta quota, da giorni stagnante sui mari attorno la Sardegna, ha iniziato a indebolirsi, spostandosi con il proprio baricentro verso levante. Da ovest, a piccoli passi, avanza una circolazione depressionaria in quota, la stessa responsabile dei temporali e delle forti piogge cadute ieri sulla Sardegna meridionale, si sta avvicinando alla Sicilia, originando parecchia instabilità, soprattutto durante le ore centrali del giorno.

Pur non trattandosi di una perturbazione organizzata (quelle ancora devono entrare), e strutturata a tutte le quote, essa interagendo con lo strato di aria molto calda e umida che regna da settimane nei bassi strati, ha generato forti moti convettivi che hanno alimentato lo sviluppo, improvviso, di grossi temporali di calore che dalle aree montuose interne si sono spinti fino alle coste tirreniche, sconfinando fino alle isole Eolie e sul Tirreno. Il particolare assetto delle correnti in quota, dai quadranti meridionali, sta favorendo lo sconfinamento dei cumulonembi temporaleschi verso le coste tirreniche della provincia, specie nel tratto fra Sant’Agata di Militello e il milazzese.

Non è un caso se finora il messinese, eccetto i Nebrodi e la costa tirrenica, da Sant’Agata fino a Milazzo, è stato risparmiato dal maltempo, causa la particolare collocazione del minimo barico in quota, che costringe i nuclei temporaleschi a spingersi verso il basso Tirreno e le aree interne della Sicilia occidentale. Alcuni di questi temporali, grazie alla presenza, nei bassi strati, di uno strato di aria molto umido e caldo al suolo (carburante per temporali e fenomeni atmosferici intensi), si sono ingrossati sensibilmente, fino a trasformarsi, nel giro di pochi minuti, in enormi torri di vapore acqueo condensato, alte più di 12-13 km, che hanno scaricato veri e propri nubifragi, come quello che ha interessato la zona di Patti Marina. In 1 ora in zona sono caduti fino ad oltre 60 mm di pioggia. In questi casi un servizio di nowcasting diventa d’importanza vitale per seguire minuziosamente l’evoluzione meteorologica, con l’osservazione in tempo reale dei satelliti meteorologici e dalle immagini dei radar.

La simulazione del lemma 2,5 km per la giornata di domani

Per quanto riguarda l’evoluzione per la giornata di domani, con l’ulteriore avvicinamento di questo vortice in quota alla Sicilia avremo un ulteriore intensificazione dell’instabilità che si manifesterà durante le ore centrali del giorno, con l’improvviso sviluppo di questi temporali di calore, fra Nebrodi, Etna e Peloritani meridionali, che già in tarda mattinata assumeranno un notevole sviluppo verticale, sconfinando sulle coste tirreniche, con piogge, rovesci e temprali, localmente anche di moderata e forte intensità. Verso sera la situazione dovrebbe migliorare un po’ ovunque, con lo Stretto e la riviera ionica che a causa delle correnti in quota da Sud e S-SE dovrebbero rimanere al riparo (non tanto per “ombra pluviometrica”, quanto perché si troveranno sul versante sopravento dove partono i moti ascensionali pomeridiani).

I modelli fisico matematici stanno riscontrando un po’ di difficoltà nell’identificare la soluzione migliore nelle simulazioni previsionali. Ma alcuni parametri atmosferici e l’apertura a ventaglio del campo del vento a 700 e 500 hPa (diffluenza) ci suggeriscono che qualche temporale, dopo aver interessato le zone interne e le coste tirreniche, vista la rotazione dei venti in quota da SW, possa, nel corso del pomeriggio spingersi fino alla costa ionica e allo Stretto di Messina. Le temperature subiranno un lievissimo calo, ma visto l’elevata umidità e la scarsa ventilazione non ci sarà alcuna rinfrescata. Anzi, durante le ore serali la nuvolosità contribuirà a rendere i valori termici ancora elevanti (>+25°C).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x