Meteo Messina: raffiche fino a 136 km/h sui Peloritani, onde di 8 metri sul Tirreno - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Meteo Messina: raffiche fino a 136 km/h sui Peloritani, onde di 8 metri sul Tirreno

Daniele Ingemi

Meteo Messina: raffiche fino a 136 km/h sui Peloritani, onde di 8 metri sul Tirreno

lunedì 23 Dicembre 2019 - 12:56
Meteo Messina: raffiche fino a 136 km/h sui Peloritani, onde di 8 metri sul Tirreno

La boa di Stromboli ha registrato il passaggio di onde di 8 metri prima di essere danneggiata dal mare grosso

Prevista da giorni la tempesta di ponente e maestrale, dopo aver causato ingenti danni in Sardegna e sulle regioni tirreniche, nelle prime ore di questa Antivigilia di Natale ha sferzato il basso Tirreno e la Sicilia, con raffiche ben oltre la soglia dei 100 km/h, e picchi di oltre 135 km/h sui crinali dei Peloritani. Una raffica di oltre 136 km/h è stata misurata dalla stazione meteorologica automatica della pista di decollo dei deltaplani, vicino Gallodoro. Dopo le prime forti raffiche di ponente di ieri, che hanno raggiunto e superato gli 80 km/h in città, oggi è sopraggiunta la “sventolata” di maestrale, uscita direttamente dalla valle del Rodano, che ha causato parecchi danni e disagi, soprattutto per l’impeto della mareggiata sulla costa tirrenica.

Alcune frazioni delle Eolie hanno subito pesantissimi danni, come è il caso dell’abitato di Acquacalda, a Lipari, che ha subito danni ingenti a causa del sopraggiungere delle ondate da W, alte fino a più di 6-7 metri. Il mare grosso, nella tarda serata di ieri, ha danneggiato la boa oceanografica ubicata poco a largo dell’isola di Stromboli. Ieri sera la boa ha registrato il passaggio di onde alte fino a più di 8 metri. Poco dopo la boa sembra sia stata irrimediabilmente danneggiata dal mare grosso, cominciando a registrare valori completamente sballati.

La bufera di ponente e maestrale secondo la simulazione (perfetta) del moloch

Le raffiche più violente si sono avute alle primissime ore del giorno, quando una massa d’aria più fredda polare marittima (maestrale) è sopraggiunta rapidamente sopra il basso Tirreno, scorrendo sopra l’aria molto più mite, temperata marittima, che è stata depositata ieri dalla ponentata. I contrasti termici, sommandosi anche alle forzature orografiche dei Peloritani (i monti costringono l’aria a sollevarsi verso l’alto, creando moti ascensionali e nubi), hanno prodotto dei cumulonembi di piccola statura, pero capaci di scaricare piogge, rovesci e brevissime grandinate di piccola taglia.

Subito dopo i rovesci, sono entrate le forti raffiche di vento prodotte dal rapido aumento della pressione, visto che da ovest incalza un robusto anticiclone, mentre un minimo depressionario molto profondo dall’Adriatico si è rapidamente spostato verso l’Ungheria, infittendo ulteriormente le isobare sui mari italiani.

In queste situazioni il campo barico può variare molto velocemente, costringendo così le masse d’aria a spostarsi il più rapidamente possibile dalle zone in cui la pressione aumenta repentinamente verso quelle zone dove la pressione scende altrettanto repentinamente. Tale squilibrio del campo barico genera delle forti correnti che si sommano ai già esistenti venti di “gradiente”, muovendosi in parallelo con quest’ultimi.

L’abitato di Acquacalda, Lipari, devastato dalla mareggiata. Si ringrazia il fotografo Gabriele Costanzo per la gentile concessione

Queste correnti sommandosi al flusso generato dalle sole isobare strette possono originare dei venti veramente violenti e turbolenti capaci di apportare notevoli danni in presenza di “gradienti barici” particolarmente forti, con annessi profondi minimi depressioni in rapido spostamento, proprio come in questo episodio. Le raffiche più forti si sono registrate proprio sulle isole Eolie, lungo i promontori della costa tirrenica e sulle vallate dei monti Peloritani, dove nella tarda nottata si sono toccati e oltrepassati i 100 km/h.

Più che il vento i danni maggiori sono stati prodotti dal mare che nelle prime luci dell’alba si è addirittura reso “grosso”, a causa dell’ampio “Fetch” che ha agevolato la formazione di imponenti ondate di “mare vivo”, alte fino a 6 metri, con “Run-Up” sui 7-8 metri in mare aperto.

La mareggiata ha creato notevoli danni sul litorale della costa nord di Messina. In alcuni villaggi le ondate hanno inondato le strade fino ad allagare persino le abitazioni. Il vento sta per calmarsi definitivamente, con raffiche da NO, ancora sostenute sulla zona ionica (venti di pendio). Anche il giorno della Vigilia di Natale sarà caratterizzato dai venti di ponente e maestrale che spireranno ancora sostenuti, anche se al di sotto della soglia d’attenzione, in condizioni di tempo variabile, fra nubi e schiarite che per Natale risulteranno più ampie e diffuse. Specie sulla zona ionica e lungo l’imboccatura sud dello Stretto.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007