Migranti a Bisconte, De Luca: «Pronto a farmi arrestare. Il 23 si chiuda o occupo la Prefettura» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Migranti a Bisconte, De Luca: «Pronto a farmi arrestare. Il 23 si chiuda o occupo la Prefettura»

Francesca Stornante

Migranti a Bisconte, De Luca: «Pronto a farmi arrestare. Il 23 si chiuda o occupo la Prefettura»

lunedì 10 Agosto 2020 - 17:22
Migranti a Bisconte, De Luca: «Pronto a farmi arrestare. Il 23 si chiuda o occupo la Prefettura»

«Siamo stanti dei migranti a Bisconte». Lo ha detto il sindaco incontrando gli abitanti che oggi sono scesi in strada per protestare ancora una volta

MESSINA – «Se entro il 23 agosto, come da accordi presi con il Prefetto di Messina, il Cas che ospita i migranti in quarantena non sarà chiuso, il giorno dopo occuperò la Prefettura in segno di protesta. Sono pronto a farmi arrestare per mantenere fede all’impegno preso con la mia comunità, che chiede risposte su tale spiacevole vicenda. Stiamo parlando dell’incolumità pubblica e privata e io non ci sto a continuare a metterla a repentaglio».

Lo ha detto il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, dopo l’acceso confronto con i cittadini di Bisconte che questa mattina sono tornati in strada a protestare. Stanchi dell’ennesima fuga di migranti dei giorni scorsi, si sentono in pericolo perché le loro case diventano via di fuga per eludere i controlli in strada da parte delle Forze dell’ordine.

Davanti ai cittadini che lo attendevano, De Luca ha ricordato che l’hotspot è stato aperto nel 2017 e che dopo quanto accaduto nelle scorse settimane la Prefettura ne ha assicurato la chiusura. In questo momento, sempre secondo quanto spiegato dal sindaco, è un “Cas” cioè Centro di accoglienza straordinaria. Necessario per garantire la quarantena dei migranti che erano presenti nella struttura dopo i cinque casi positivi al Coronavirus. Ma il 23 dovrebbe finire tutto. «L’accordo è chiaro, il 23 agosto è la data ultima data dalla Prefettura. Ci sono percorsi che vanno rispettati e chiedo alla mia comunità di accettare tale scadenza, oltre la quale, sarò io stesso ad agire di conseguenza. Francamente siamo stanchi dei migranti a Bisconte».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Altro regalo del seguace del Dalai Lama che non ha fatto nulla per impedirne la sua apertura, anzi l’ha accolta a braccia aperte.

    0
    0
  2. Franco Fabiano 10 Agosto 2020 22:48

    L’unica cosa che può ” occupare ” questo soggetto è una panchina alla villa Mazzini, magari sgranocchiando un po’ di ” calia”!

    11
    5
    1. VERGOGNATI . SOLO TU PUOJ SCRIVERE QUESTE FRASI.

      1
      1
  3. De Luca il peggiore sindaco della storia! La vergogna di tutta la Sicilia…. Spero che scompaia il più presto possibile…. Tuttavia aggiungo: la maggioranza dei messinesi (che l’hanno votato) meritano questo individuo xxxxxxxxxxx di scarso xxxxxxxxxx… Non sono i migranti a disturbare, bensì questo uomo da quattro soldi che risponde al nome di De Luca…. VERGOGNA!!!

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007