Milazzo, criticità nella pulizia delle spiagge. Il comune diffida la ditta

Milazzo, criticità nella pulizia delle spiagge. Il comune diffida la ditta

Salvatore Di Trapani

Milazzo, criticità nella pulizia delle spiagge. Il comune diffida la ditta

giovedì 16 Giugno 2022 - 16:00

Criticità nella pulizia delle spiagge di Milazzo. È quanto lamentato dal comune, che diffida la ditta incaricata del servizio

MILAZZO – Il comune di Milazzo ha diffidato la ditta Caruter, incaricata del servizio di pulizia nel mamertino, sostenendo di aver rilevato alcune criticità legate al decoro e alla pulizia delle spiagge.

Nello specifico, si legge in una nota, il comune contesta “il mancato ritiro dei rifiuti raccolti in cumuli a seguito della pulizia effettuata nel mese di maggio e la mancata effettuazione di interventi sul terrapieno e sulla spiaggia tra gennaio e giugno”.

Sulla questione si è espresso il sindaco di Milazzo, Pippo Midili: «Una città turistica non può permettersi un tale biglietto da visita. anche perché già c’è un’attività di pulizia programmata con scadenze da rispettare. Se c’è qualcosa che non funziona occorre intervenire e applicare le sanzioni. Oggi i sette chilometri di arenile che collegano il Tono con Bastione presentano criticità che vanno superate immediatamente. È chiaro che non basterà eseguire un intervento straordinario ma occorre pianificare una serie di azioni finalizzate a mantenere gli arenili puliti anche nei mesi di luglio ed agosto quando l’affluenza sarà maggiore. Una città pulita significa anche spiagge pulite a partire dal mese di maggio e per l’intera durata dell’estate e in tal senso ci attiveremo per il futuro».

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007