Morte Riccardo, sarà l'autopsia a chiarire la natura delle lesioni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Morte Riccardo, sarà l’autopsia a chiarire la natura delle lesioni

Alessandra Serio

Morte Riccardo, sarà l’autopsia a chiarire la natura delle lesioni

mercoledì 08 Maggio 2019 - 20:08
Morte Riccardo, sarà  l’autopsia a chiarire la natura delle lesioni

La Procura affiderà oggi al medico legale l'incarico per fare luce sulla morte del bimbo

Si muove con cautela l’indagine del sostituto procuratore Marco Accolla sul caso del bimbo di Santa Teresa morto al Policlinico dopo due giorni dal ricovero.

Il magistrato ha disposto il sequestro della salma e domani affiderà ad un medico legale il doppio compito di stabilire l’esatta causa del decesso e la natura delle lesioni sul corpicino del piccolo.

Erano state queste ultime a far scattare l’allarme in ospedale, ancora prima che Riccardo esalasse l’ultimo respiro. Tante e su tutto il corpo, alcune non sembrano recentissime. Il piccolo, va specificato, soffriva di gravi patologie dalla nascita, pesantemente invalidanti, e negli ultimi giorni le sue condizioni erano talmente peggiorate che è stato portato all’ospedale universitario messinese.

Qui Riccardo è stato ricoverato in Terapia intensiva pediatrica ma nel giro di due giorni il suo cuore si è fermato. E’ adesso importante stabilire se la morte è stata concausata dalle lesioni o è l’esito pressoché inevitabile della sua malattia, se queste sono state provocate da qualcuno, se sono dovute o circostanze fortuite o se anch’esse sono frutto dei problemi dettati dalla sindrome rara che lo attanagliava, e in questo ultimo caso se quelle “datate” sono state curate e prese in considerazione dai genitori, o se sono state trascurate al punto da portarlo quasi alla fine della sua vita.

Gli accertamenti sono stati affidati alla Squadra Mobile di Messina, al capo Francesco Oliveri, che ha già ascoltato diversi testimoni e la stessa madre del piccolo, che non viveva col padre di Riccardo ma con un compagno. Dalle primissime voci ascoltate però non emergono sospetti di maltrattamenti subiti dal bambino.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Riccardino riposerà in pace, é un angioletto adesso come lo era in vita, é stato un leone nella sua se pur breve vita aggrappandosi a quest’ultima in modo spettacolare tanto da lasciar a bocca aperta anche i medici vista la sua patologia…e adesso, speriamo non sia il caso, é giusto e obbligo fare luce su tutto…vola in alto piccolo Riccardino e GUARDACI da lassù tu puoi tutto…””zio”dario…

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007