Stu Tirone, il Consiglio comunale dinanzi a un bivio: “azzerarla” o modificare il piano industriale - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Stu Tirone, il Consiglio comunale dinanzi a un bivio: “azzerarla” o modificare il piano industriale

Danila La Torre

Stu Tirone, il Consiglio comunale dinanzi a un bivio: “azzerarla” o modificare il piano industriale

martedì 17 Aprile 2012 - 22:33

Il partito democratico propone una soluzione drastica, l’assessore allo sviluppo Scoglio risponde con una proposta di delibera sulla modifica delle linee guida della società di trasformazione . Chi la spunterà in aula al momento della votazione?

Il futuro della società di trasformazione urbana del Tirone si deciderà in Consiglio comunale. Nelle prossime settimane, il Civico consesso sarà, infatti, chiamato discutere e votare due diverse proposte di delibera, che indicano strade alternative e tra loro inconciliabili: azzerare la società di trasformazione urbana, come se non fosse mai esistita, o procedere alla modifica delle linee guida del piano industriale .

La prima soluzione è quella avanzata dal partito democratico, non esattamente al gran completo, già annunciata settimane addietro in conferenza stampa (vedi articolo correlato). La proposta di delibera in questione , che ha per oggetto la “Revoca in autotutela di atti e delibere sulla Stu Il Tirone Spa” e porta la firma dei consiglieri Calabrò, Gennaro , David, Isaja, Barrile,Sauta, Capillo, Contestabile, Cucinotta, Vaccarino, Barone, è stata depositata negli uffici della presidenza del Consiglio comunale lo scorso 2 aprile. Nelle nove pagine dell’atto deliberativo, gli esponenti del Pd ripercorrono tutto l’iter riguardante la società di trasformazione urbana del Tirone, iniziato nel 2001, passando anche attraverso l’approvazione da parte del Consiglio comunale delle Linee guida del piano industriale, avvenuta ai tempi in cui l’amministrazione era guidata da Genovese. Dopo aver schematizzato i singoli step amministrativi, il documento sottoscritto da Calabrò e colleghi prosegue con una serie di “considerazioni” di tipo normativo, che rappresentano le fondamenta su cui costruiscono la loro posizione, netta ed inequivocabile, che vorrebbero fosse sposata dal Consiglio comunale o almeno dalla maggioranza dei suoi componenti, in modo da consentire l’approvazione della proposta deliberativa . In sostanza, gli esponenti del Pd propongono quanto segue :

  • dare atto che non sussiste più l’interesse pubblico alla riqualificazione urbana del Tirone attraverso lo strumento della Società di Trasformazione Urbana – S.T.U. IL TIRONE S.p.a;
  • conseguentemente annullare in autotutela, nell’interesse dell’Ente tutti gli atti relativi al procedimento amministrativo della Stu;
  • porre in essere tutte le iniziative idonee ad impegnare il finanziamento del Ministero dei Lavori Pubblici del Contratto di Quartiere alla riqualificazione del Tirone;
  • dare priorità agli interventi di risanamento e riqualificazione, in particolare della Piazza Lo Sardo , della Scalinata Sergi, della Scalinata Santa Barbara e del Palazzo degli Elefanti, al fine di perseguire criteri oggettivi di sostenibilità finanziaria, territoriale e urbanistica nell’interesse della collettività;
  • rigenerare il quartiere attraverso interventi di scala minuta, del piccolo commercio e delle innovazioni d’impresa giovanile e della green economy e dando significato attraverso un equilibrio tra lo spazio costruito e lo spazio aperto da destinarsi alla fruizione pubblica di parco terrazzato.

Come detto, alla delibera del Pd fa da contraltare la delibera messa a punto direttamente dall’assessore allo sviluppo economico Gianfranco Scoglio , che respinge categoricamente l’ipotesi di annullamento e azzeramento della Stu ma ha capito, forse anche perché pressato dalle mosse del Pd, che qualcosa andava modificato. Questo qualcosa è il piano industriale della società di trasformazione, con una rimodulazione degli interventi, soprattutto quelli più invasivi e per questo contestati da più parti . Il contenuto esatto dell’atto è ancora top secret perchè privo della firma del dirigente al ramo, ma le modifiche alle linee guida saranno quelle che quelle Soglio aveva anticipato solo qualche giorno fa a tempostretto. it (vedi articolo correlato)

Dal progetto sul quartiere Tirone “scompariranno” l’edilizia residenziale privata ed il palazzo da 15 piani destinato ad uffici pubblici, che troveranno probabilmente collocazione in altri terreni comunali e più precisamente in via la Farina e nell’isolato 88 di Viale San Martino. Sarà data priorità al restauro del terzo Ordine dei Francescani, con la realizzazione di 8 botteghe per gli artigiani dell’oro e dell’argento; alla riqualificazione delle scalinate e dell’edificio di S. Maria del Selciato; al restauro del Palazzo degli Elefanti ed alla riqualificazione di Piazza del Popolo. Resteranno nel progetto l’edilizia pubblica, realizzata in modo tale da essere in linea con l’altezza degli edifici circostanti, ed il parcheggio, che sarà ridimensionato rispetto al progetto iniziale.

Sostanzialmente queste le “novità” illustrate ieri mattina da Scoglio nella riunione appositamente convocata a Palazzo Zanca con i capigruppo consiliari, i rappresentanti dell’ordine degli architetti, dell’ordine degli ingegneri e delle Associazioni industriali. A margine del confronto in commissione, l’amministratore delegato della Stu, ing. Franco Cavallaro, ha manifestato l’esigenza di procedere il prima possibile all’approvazione di queste linee guida, al massimo entro giugno, perché si è già perso troppo tempo senza che, in questi anni di polemiche e dibattiti, venisse alla luce un’idea alternativa concreta al progetto redatto dalla società di trasformazione urbana .

Sulle modiche alle linee guida proposte da Scoglio l’ultima parola spetterà al Consiglio comunale, come del resto per l’atto deliberativo presentato dal partito democratico. I quarantacinque consiglieri comunali si trovano dinnanzi ad un bivio, resta da vedere quale strada imboccheranno. (Danila la Torre)

Tag:

Un commento

  1. liliana parisi 18 Aprile 2012 10:53

    Speriamo che prevalgano buon senso e difesa degli interessi della collettività, e non beghe personali e partitiche. Questa del Tirone è diventata una storia infinita…o una barzelletta

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x