Maxi rissa e pestaggio alla sala bingo di Contesse, 4 indagati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Maxi rissa e pestaggio alla sala bingo di Contesse, 4 indagati

Maxi rissa e pestaggio alla sala bingo di Contesse, 4 indagati

mercoledì 30 Maggio 2018 - 23:58
Maxi rissa e pestaggio alla sala bingo di Contesse, 4 indagati

Un "che hai da guardare" ad una donna ha scatenato una violenta rissa costata calci, pugni e violenti colpi in testa ad un ventinovenne intervenuto a difesa di un amico, al culmine della lite. Oggi per quattro persone - tra loro anche già noti - si profila il processo.

Ci sono alcune vecchie conoscenze delle forze dell'Ordine tra le quattro persone denunciate dalla Polizia per la maxi rissa avvenuta in una sala bingo di Contesse il 27 gennaio dello scorso anno.

Adesso la Procura ha notificato loro l'avviso di conclusione delle indagini preliminari. L'atto, siglato dal PM Federica Rende, contesta a Gabriele Neroni, 38 anni, Santino Di Pietro (20), Antonio Chillè (38) e Giovanni Taglieri (44) i reati di lesioni aggravate e favoreggiamento personale (a vario titolo).

E' successo tutto in piena notte, intorno alle 4 del mattino: la sala bingo era ancora in piena attività e qualcuno all'interno era un pò alticcio. Proprio l'ubriaco si sarebbe rivolto ad una donna apostrofandola in malo modo: "che hai da guardare?". Lei, per tutta risposta, ha chiesto l'aiuto del marito che ha protestato col "colpevole", dando il via ad un'animata lite, fin lì solo verbale.

Quando uno degli addetti del locale li ha pregati di uscire perché era ora di chiudere e finirla lì o proseguire all'esterno, altrimenti avrebbe chiamato la Polizia, è scoppiato il patatrac. Uno dei contendenti ha avvisato i familiari, l'altro ha chiamato rinforzi all'esterno e i toni si stavano alzando.

Alla fine a difesa del dipendente della sala bingo si è schierato un ventinovenne che, per sua stessa ammissione, nella lite ha sferrato anche un pugno. Quel che è toccato a lui, però, è stato un vero e proprio pestaggio, ad opera di quelli che, dall'esterno, erano entrati a dare man forte agli amici. Per il ventinovenne la notte si è conclusa in ospedale con un profondo trauma cranico e varie lesioni.

La Polizia è intervenuta subito nel locale, non tutti si erano già allontanati, ma a dare loro il quadro completo di quel che era successo sono state le immagini di video sorveglianza, esterne ed interne, che hanno inquadrato praticamente l'intera fase della rissa prima e della violenta aggressione poi, col ventinovenne intervenuto a difesa del collega finito sotto una grandinata di calci e pugni.

Adesso per loro si profila l'udienza preliminare. Sono difesi dagli avvocati Nino Cacia, Salvatore Silvestro, Giuseppe Donato e Dario Cocivera.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007