L'isola pedonale last minute: oggi si decide in Consiglio. E monta la polemica - Tempostretto

L’isola pedonale last minute: oggi si decide in Consiglio. E monta la polemica

F.St.

L’isola pedonale last minute: oggi si decide in Consiglio. E monta la polemica

F.St. |
giovedì 06 Dicembre 2018 - 06:40
L’isola pedonale last minute: oggi si decide in Consiglio. E monta la polemica

La giunta De Luca alla fine ha messo in una delibera una proposta diversa da quella che era stata avanzata dalla commissione viabilità del consiglio. Ma ha deciso che comunque l'ultima parola spetta all'aula. La seduta è alle 18. E per i 5Stelle parlano di "pressappochismo politico"

Mancano appena due giorni al canonico inizio delle festività natalizie, ma ancora non si è chiusa la consueta ed estenuante querelle sull’isola pedonale natalizia. Quest’anno la decisione arriverà praticamente a ridosso dell’8 dicembre, nonostante le discussioni si trascinino ormai da un mese e nonostante le sollecitazioni a non perdere tempo siano state tante. Anche perché per organizzare un’isola pedonale viva e con un programma di iniziative serviva tempo e arrivare in extremis com’è accaduto questa volta, con un rimpallo di proposte e responsabilità, di certo non gioverà a nessuno. 

La giunta De Luca ha messo la sua proposta di isola pedonale in una delibera che ha deciso di sottoporre al consiglio comunale, anche se non era un passaggio obbligato. Visti i tempi strettissimi, il provvedimento è stato inserito all’ordine del giorno della seduta convocata per questa sera alle 18. Il consiglio è chiamato a dire l’ultima parola, dopo averne spese tante in questa settimana e dopo aver anche sottoposto all’amministrazione una proposta diversa da quella che invece si troveranno a discutere questa sera e che prevede la via dei Mille, tra le vie Tommaso Cannizzaro e la via Santa Cecilia, il pezzo di viale San Martino da piazza Cairoli a via Maddalena, com’è già attualmente, le vie Camiciotti, Luciano Manara e Nino Bixio nei tratti compresi tra la via dei Mille e il viale San Martino e la via Ettore Lombardo Pellegrino nel tratto compreso tra via dei Mille e via Giordano Bruno. Insomma, di fatto, la stessa isola pedonale di ogni anno. Quindi tempo ed energie sprecati per arrivare all’ultimo giorno e con il rischio dell’ennesimo scontro politico in aula. 

Duro l’ennesimo affondo che arriva dai 5Stelle che accusano l’amministrazione De Luca di “pressapochismo politico”. Il  gruppo consiliare del Movimento 5Stelle che torna a ribadire il concetto già espresso lo scorso 18 ottobre, quando i consiglieri Andrea Argento e Serena Giannetto presentarono un’interrogazione all’amministrazione chiedendo un confronto fra le parti in causa con l’obiettivo di pianificare la pedonalizzazione di una o più aree del centro storico. 

«Se la Giunta avesse risposto nei tempi congrui al nostro appello, iniziando a predisporre tutte le misure e i provvedimenti propedeutici alla creazione di uno spazio pedonale degno di una città civile adesso non ci troveremmo in questa situazione caotica e paradossale. L’istituzione di un’isola natalizia è un argomento all’ordine del giorno e di “normale amministrazione” a qualsiasi latitudine. A Messina, invece, ha assunto purtroppo tutti di canoni di una barzelletta che non fa ridere nessuno. A pagarne le conseguenze sarà tutta la città, che nella migliore delle ipotesi dovrà accontentarsi di una o più strade chiuse al traffico, con qualche fioriera disseminata qua e là, sebbene una “vera” isola pedonale necessiti di una seria programmazione che tenga conto di numerosi fattori, dalle modifiche al piano traffico all’illuminazione, senza dimenticare mezzi di trasporto pubblico funzionali alla fruizione dell’area ed elementi di arredo urbano che favoriscano la socializzazione: si tratta di condizioni indispensabili che devono essere gioco forza discusse e valutate con largo anticipo». 

I consiglieri pentastellati si dicono stupiti del tentativo mal celato di addossare tutte le responsabilità in merito alla location al Consiglio comunale: «Si tratta di una decisione che spetta in primis al Sindaco e ai suoi assessori, che non possono fare come Ponzio Pilato, delegando ad altri una scelta che chi sostiene di “saper amministrare” avrebbe dovuto fare già da mesi. Ci auguriamo adesso che chi di dovere faccia tesoro degli errori commessi e inizi a programmare per tempo e nei modi opportuni un’isola pedonale permanente che sia in linea con le principali città siciliane, italiane ed europee».

F.St.

Tag:

COMMENTA

2 commenti a “L’isola pedonale last minute: oggi si decide in Consiglio. E monta la polemica”

  1. MessineseAttenta ha detto:

    La Magistratura ha sentenziato da tempo che le isole pedonali come quella di via dei Mille sono illegittime, contrastando con il codice della strada.
    E, poi, che senso ha un’isola con i negozi chiusi la domenica e nei giorni di festa?
    Gli anni scorsi era una strada buia e tristissima, più degna di una veglia funebre che di un evento lieto.
    Smettetela di scimmiottare Milano.
    A Milano i commercianti ci sanno fare, a Messina pensano solo a spennare gli sprovveduti che si avventurano per sbaglio nelle loro bottegucce, rifilando carissimi e annosi avanzi di magazzino spacciati per l’ultimo grido.
    Messina, poi, è una città di vecchi.
    I giovani volenterosi sono emigrati.
    Sono rimasti i figli di papà.
    Lasciate perdere, non è cosa vostra!!!

  2. buddaci.02 ha detto:

    L’argomento al sindaco decisionista interessa poco e passa la palla al consiglio- qualcuno insinua che il poco interesse del sindaco deriva dal fatto che questa volta non può nominare nessun CDA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007