Nave italiana bloccata in Cina da giugno. Un messinese a bordo: “Siamo stanchi” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nave italiana bloccata in Cina da giugno. Un messinese a bordo: “Siamo stanchi”

Marco Ipsale

Nave italiana bloccata in Cina da giugno. Un messinese a bordo: “Siamo stanchi”

giovedì 24 Settembre 2020 - 12:32
Nave italiana bloccata in Cina da giugno. Un messinese a bordo: “Siamo stanchi”

La Cina non consente lo sbarco né lo spostamento né il cambio di equipaggio. L'appello alle autorità italiane

“Stiamo bene, l’armatore non ci fa mancare nulla, però siamo stanchi. Il più ‘fresco’ di noi si è imbarcato 7 mesi fa, io 9 mesi fa, qualcuno anche 15 mesi fa”. Parla il messinese Alessio Aliberti, secondo ufficiale di coperta a bordo della nave Mba Giovanni, bloccata al largo di Huanghua, nord est della Cina, dal 29 giugno.

Perché? Perché hanno a bordo un carico di carbone stivato in Australia il 12 giugno e la Cina ha bloccato queste importazioni. Perdipiù, a causa del coronavirus, la Cina non consente di fare i cambi di equipaggio né di spostare la nave in nazioni vicine, come ad esempio la Corea del Sud, dove invece il cambio di equipaggio sarebbe possibile.

“Siamo qui da tre mesi in attesa di entrare in porto – racconta Alessio -, le condizioni di vita a bordo sono normali ma più passa il tempo più diventa pesante. L’armatore sta facendo di tutto per sbloccare la situazione ma finora tutti gli appelli sono caduti nel vuoto. Ci sono anche altre navi ferme qui e a nessuno sembra interessare del settore marittimo”.

Ciò che rende la situazione insopportabile è l’incognita del futuro. “Non si sa quando tutto si risolverà, non ci danno una data, rimandano sempre. Non vediamo l’ora di tornare a casa ma saremmo disposti ad aspettare ancora, anche qualche mese, pur di avere una data certa, almeno potremmo metterci il cuore in pace”. A bordo della nave 6 italiani e 13 filippini. L’appello del comandante Giuseppe Pugliese è rivolto alle autorità italiane, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro degli esteri, Luigi Di Maio, per aprire un dialogo con le autorità cinesi e trovare una selezione.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. In Cina, a differenza che in Italia, non processano i ministri per non aver fatto attraccare la nave.

    8
    4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007