Franza pigliatutto, chiesto il giudizio per la concessione della rada San Francesco - Tempostretto

Franza pigliatutto, chiesto il giudizio per la concessione della rada San Francesco

Alessandra Serio

Franza pigliatutto, chiesto il giudizio per la concessione della rada San Francesco

martedì 13 Ottobre 2015 - 13:28

Verso il vaglio preliminare l'inchiesta sulla concessione della rada san Francesco ai traghetti del gruppo Caronte & Tourist. La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio anche di Vincenzo ed Olga Franza.

A differenza delle pronunce dell’Autorità per la concorrenza, che per lo stesso anno aveva concluso in maniera diametralmente opposta, secondo la Procura di Messina potrebbe esserci stato un cartello di imprese nel servizio di traghettamento nello Stretto di Messina. Per questo motivo gli inquirenti hanno chiuso le indagini sulla gara per l’approdo e chiesto il rinvio a giudizio dei vertici del gruppo Franza già indagati, malgrado sotto il profilo cautelare i provvedimenti non hanno retto.

Gli inquirenti ipotizzano la turbativa d’asta per la gara per la concessione della rada San Francesco, andata anche nel 2013 alla Caronte &Tourist. Coinvolti Vincenzo Franza,Olga Mondello, l’amministratore delegato Antonio Repaci, Agostino, Vincenzo ed Enrico Gallozzi, che ora saranno interrogati dal GIP Mastroeni. Fiducioso il legale, l’avvocato Alberto Gullino: “sono sicuro che sarà accertata l’insussistenza delle ipotesi avanzate”. Adesso la vicenda va al vaglio del giudice per le indagini preliminari.

A sollevare i dubbi della magistratura messinese è stato il fatto che le due società siano compartecipate, o meglio che la compagnia di navigazione messinese controlli quella del gruppo Gallozzi, concorrente nella gara.
A curare l’inchiesta è stata la sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri, coordinati dal Pm Liliana Todaro.

Oltre alla sigla salerintana, la Caronte&Tourist sbaragliò facilmente la piccola azienda reggina dei fratelli Catalano. La compagnia del gruppo Gallozzi, invece, è una grossa realtà imprenditoriale attiva in quasi tutti i continenti, che nel 2010 partecipò alla gara per il porto di Tremestieri e venne sconfitta dalla Terminal Tremestieri.

Come detto, l’Antitrust a più riprese si è occupata di navigazione nello Stretto, avviando una istruttoria anche nell’estate 2013, dopo l’aumento delle tariffe. Istruttoria che si muoveva parallela a quella aperta dall’Autorià Portuale, guidata da De Simone. Entrambe si sono concluse con una certificazione di regolarità della gara.

Parallelamente si era mossa anche la Procura di Messina con una inchiesta penale che prendeva le mosse dalla concessione della rada San Francesco, avvenuta nel 2000, alle compagnie di navigazione. In corso di accertamenti venne anche enucleata l’ipotesi di reato di abuso di posizione dominante sul mercato. L’indagine coinvolgeva i vertici dei gruppi storici della navigazione e le cariche apicali dell’Autorità Portuale.

Il fascicolo venne però archiviato con assoluzione e proscioglimenti per tutti, da tutte le ipotesti di reato. Archiviazione confermata anche in secondo grado.

Tag:

14 commenti

  1. Ritengo, immagino,suppongo, che anche questa volta i xxxxxxxxxxx Sigg. Franza ne usciranno puliti!!!!

    0
    0
  2. Ritengo, immagino,suppongo, che anche questa volta i xxxxxxxxxxx Sigg. Franza ne usciranno puliti!!!!

    0
    0
  3. Dopo questa,ennesima persecuzione giudiziaria,credo che la Caronte e Tourist,traslochera’ a Catania l’ultima nave che fa spola a Salerno.Cosi’ si perderanno ulteriori posti di lavoro.E,come sempre,a pagarne le spese saranno i soliti operai senza lavoro!

    0
    0
  4. Dopo questa,ennesima persecuzione giudiziaria,credo che la Caronte e Tourist,traslochera’ a Catania l’ultima nave che fa spola a Salerno.Cosi’ si perderanno ulteriori posti di lavoro.E,come sempre,a pagarne le spese saranno i soliti operai senza lavoro!

    0
    0
  5. sergio indelicato 13 Ottobre 2015 19:27

    Se ci fosse una condanna definitiva con tutte le aziende che orbitano su Messina perdere 1.000 posti di lavoro sarebbe un’inezia . E’ ora che si smetta finalmente … di lavorare.

    0
    0
  6. sergio indelicato 13 Ottobre 2015 19:27

    Se ci fosse una condanna definitiva con tutte le aziende che orbitano su Messina perdere 1.000 posti di lavoro sarebbe un’inezia . E’ ora che si smetta finalmente … di lavorare.

    0
    0
  7. RADA SAN FRANCESCO LIBERA

    0
    0
  8. RADA SAN FRANCESCO LIBERA

    0
    0
  9. Leggo commenti che fanno a dir poco rabbrividire! dunque siccome il gruppo Franza da lavoro a 1.000 persone, è da ritenere xxxxxxxxxxxx? Anche la xxxxx annovera tra le sue leve migliaia, se non centinaia di migliaia di persone…
    Per non parlare della cosidetta persecuzione giudiziaria, sulla quale stenderei un velo pietoso!
    povera Messina, come ti sei ridotta!!!!

    0
    0
  10. Leggo commenti che fanno a dir poco rabbrividire! dunque siccome il gruppo Franza da lavoro a 1.000 persone, è da ritenere xxxxxxxxxxxx? Anche la xxxxx annovera tra le sue leve migliaia, se non centinaia di migliaia di persone…
    Per non parlare della cosidetta persecuzione giudiziaria, sulla quale stenderei un velo pietoso!
    povera Messina, come ti sei ridotta!!!!

    0
    0
  11. Il mio commento e’ la realta’ dei fatti.Messina non puo’ permettersi che Caronte e Tourist vada via;di aziende come questa in citta’ non ce ne sono piu’;mettetevi nei panni dei lavoratori,prima di rabbrividire per il mio commento!

    0
    0
  12. Il mio commento e’ la realta’ dei fatti.Messina non puo’ permettersi che Caronte e Tourist vada via;di aziende come questa in citta’ non ce ne sono piu’;mettetevi nei panni dei lavoratori,prima di rabbrividire per il mio commento!

    0
    0
  13. Sperando che non me la censurino:Io rabbrividisco quando sento tutti i giorni,che ci sono aziende che chiudono e padri di famiglia che rimangono senza soldi e senza speranze.Pensate alle frottole che questi politici ci vanno a fanfuliare,e rabbrividite di questi,e non di chi vuole lavoro e prosperita’(da premettere che non sono ne’ un dipendente di questa azienda,ne’ un loro avvocato difensore,ma un comune cittadino indignato!

    0
    0
  14. Sperando che non me la censurino:Io rabbrividisco quando sento tutti i giorni,che ci sono aziende che chiudono e padri di famiglia che rimangono senza soldi e senza speranze.Pensate alle frottole che questi politici ci vanno a fanfuliare,e rabbrividite di questi,e non di chi vuole lavoro e prosperita’(da premettere che non sono ne’ un dipendente di questa azienda,ne’ un loro avvocato difensore,ma un comune cittadino indignato!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007