Ricciardi: "A rischio la Nefrologia di Papardo, Milazzo e Taormina" - Tempo Stretto

Ricciardi: “A rischio la Nefrologia di Papardo, Milazzo e Taormina”

Ricciardi: “A rischio la Nefrologia di Papardo, Milazzo e Taormina”

sabato 11 Maggio 2013 - 07:19
Ricciardi: “A rischio la Nefrologia di Papardo, Milazzo e Taormina”

Il prof. Biagio Ricciardi, appena eletto presidente della società siculo-campana di Nefrologia, lancia un appello al Governo siciliano sulla paventata chiusura delle Unità operative di Milazzo, Taormina e del Papardo dopo un decreto assessoriale

Nuova affermazione per la scuola nefrologica messinese: il prof. Biagio Ricciardi è stato eletto presidente della Società campano – siciliana di nefrologia. Un plebiscito di 161 preferenze per il direttore dell’Unità complessa di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Milazzo, che succede alla prof. ssa Maria Capuano.

L’elezione si è svolta in occasione del XIV Congresso della Società: un seggio telematico, rimasto aperto una decina di giorni, ha consentito la votazione anche da parte degli assenti. Ricciardi è presidente eletto e nel 2014 entrerà in carica per un biennio; dopo la proclamazione ha commentato i recenti provvedimenti in tema di sanità siciliana, sottolineando il difficile compito che lo attende.

“E’ un momento estremamente delicato per la nefrologia siciliana – ha dichiarato – in virtù del piano di rientro si paventa una riduzione drastica delle unità operative. Per esempio nella provincia di Messina, rischiano di chiudere quella di Milazzo, Taormina e dell’ospedale Papardo; rimarrà solo il Policlinico universitario. Ciò comporterà ricadute di notevole importanza in termini di prevenzione e cura delle malattie del rene ed è una situazione assurda: la Regione ha investito molto in tali strutture e adesso un decreto dell’assessorato alla Salute minaccia di mandare in fumo lo scrupoloso e prezioso lavoro di tanti operatori del settore.

“E’ impensabile – conclude Ricciardi – che in realtà ospedaliere, ove sussistono aree critiche quali rianimazione, coronarica, emodinamica, cardiochirurgia, ecc., vengano eliminate le strutture complesse di nefrologia, come è assurdo il mantenimento di una nefrologia ogni 700mila abitanti: significherebbe, ad esempio, che da Tusa a Villafranca si creerebbe il deserto (circa 374mila residenti).

Tag:

Un commento

  1. non confondiamo le unità complesse con i reparti.
    in pratica potrebbero eliminare qualche primario, non i posti letto.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007