Niente concerti nel 2021, Scattareggia: "Le critiche non tengono conto dei fatti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Niente concerti nel 2021, Scattareggia: “Le critiche non tengono conto dei fatti”

Francesca Stornante

Niente concerti nel 2021, Scattareggia: “Le critiche non tengono conto dei fatti”

lunedì 11 Maggio 2020 - 11:24

Dopo i pesanti attacchi di Pd e M5S che hanno chiesto le dimissioni dell'assessore, ecco la risposta. E perché Messina rinuncia ai grandi eventi al San Filippo

Messina dice di no ai grandi concerti del 2021. L’amministrazione De Luca in attesa di un bando per la gestione dello stadio San Filippo che ancora non è stato pubblicato rinuncia alla possibilità di avere a Messina Tiziano Ferro e Ultimo. Scoppiano le polemiche e piovono le richieste di dimissioni per l’assessore Pippo Scattareggia. Ma per l’esponente della giunta De Luca le colpe sono di quelli che c’erano prima.

“Le pesanti critiche piovute sull’Amministrazione comunale non tengono conto della verità dei fatti e degli aspetti giuridico – amministrativi della vicenda. Questa Amministrazione al momento del proprio insediamento ha dovuto prendere atto dello stato di assoluto abbandono e degrado in cui le precedenti Amministrazioni hanno lasciato tutti gli impianti sportivi comunali, sia dal punto di vista strutturale che gestionale. Quest’ultima basata sull’improvvisazione e sul rinnovo di anno in anno della concessione degli impianti alle stesse associazioni sportive, con una spesa enorme per il Comune che, per quasi tutti gli impianti, ha sostenuto i consumi di acqua, luce e gas (oltre 2milioni di euro di costi annui e circa 30.000,00 euro di introiti).

Il bando per il San Filippo

Sullo stadio San Filippo occorre dire che nei decenni successivi alla sua costruzione, la totale assenza di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria ha determinato lo stato di degrado in cui oggi versa. Dunque il bando di gara europea per la selezione del gestore è stato formulato in modo da richiedere ai partecipanti, oltre ad un progetto per la gestione dello stadio, anche un progetto di investimento in termini di opere strutturali da realizzare, non soltanto per la messa a norma degli impianti dello stadio ma anche per il miglioramento dello stesso. Il bando è stato concepito per selezionare un operatore al quale si richiede di realizzare un impianto multifunzionale, volto a favorire anche un incremento della vivibilità del contesto in cui è inserito, al fine di divenire un ‘volano’ economico e sociale per l’intera area circostante. La procedura di gara è già stata avviata e si stima un tempo di circa quattro mesi per la sua conclusione. Con l’aggiudicazione l’Amministrazione consegnerà al vincitore la gestione dello stadio e l’obbligo di realizzare i lavori previsti.

Perché niente concerti nel 2021

Secondo Scattareggia è questo il motivo per cui non è stato possibile vincolare lo stadio per il 2021 in quanto la realizzazione di concerti così rilevanti, richiedono un’occupazione dello stadio per almeno 15 giorni, e non esistono i presupposti giuridici per vincolare in maniera così pervasiva il futuro soggetto gestore, che in fase di gara presenterà un progetto di gestione e di realizzazione di lavori.

«L’Amministrazione comunale non ha negato lo svolgimento del concerto, ma ha soltanto precisato che per l’estate 2021 la decisione è rimessa al futuro gestore o comunque all’Amministrazione comunale nella malaugurata ipotesi che la gara dovesse andare deserta. Quest’ultimo caso sarebbe il vero danno per la città. Dopo decenni di inerzia politica, questa Amministrazione sta varando una gara importante proiettata non soltanto all’ottimale fruizione degli eventi sportivi. Ma anche alla ristrutturazione delle aree sportive e al miglioramento della qualità delle strutture in un’ottica di uso multifunzionale. In modo da creare le condizioni per una ricezione continuativa dell’impianto sia durante le giornate delle gare sportive che nei giorni non correlati ai match, attraverso un utilizzo alternativo dell’impianto per eventi, organizzazione di mostre e di convegni, e per un’attività sette giorni su sette che porterà ulteriori benefici alla città».

I motivi di Scattareggia

Per Scattareggia dunque non è possibile inserire adesso una semplice clausola che vincoli per poche giornate l’utilizzo dello stadio per eventi che già Messina aveva attirato. Parla di opportunità, eventi, mostre e convegni e allo stesso tempo sceglie di rinunciare ai primi due appuntamenti di grande rilievo già certi. Mette in discussione anche i numeri snocciolati da Carmelo Costa, amministratore della società ‘Musica da Bere’ che organizza il concerto di Tiziano Ferro.

Ed elenca le somme incassate dal Comune da parte degli organizzatori dei concerti tenutisi negli ultimi anni:
2015 concerto di Jovanotti euro 8,32 iva inclusa
2016 concerto dei Pooh euro 2.000,00 iva inclusa
2017 concerto Tiziano Ferro euro 357,84 iva inclusa
2018 concerto Negramaro euro 2.455,21 iva inclusa
2019 concerti Pausini –Antonacci e concerto Ligabue euro 5.564.60 iva inclusa.

Numeri che servono per dire che l’Amministrazione ha appreso che agli organizzatori dei concerti veniva consentito compensare le somme dovute al Comune per la concessione dello stadio, con quelle che gli stessi organizzatori si impegnavano a sostenere per realizzare quei lavori necessari a consentire ciascun concerto. «Le cifre da compensare coincidevano ogni volta e sul punto l’Amministrazione avvierà una indagine interna per verificare l’esistenza agli atti d’ufficio dei computi metrici dei lavori realizzati nello stadio ad ogni concerto, nonché degli atti di approvazione degli stessi da parte dei funzionari e dirigenti comunali che hanno consentito le suddette compensazioni». E riduce così la questione a quanto entra nelle casse comunali dai concerti. Come se questo fosse l’unico motivo per cui una città dovrebbe lottare per avere occasioni di questo tipo. Dimenticando il prestigio, l’indotto che lavora in questi casi, le presenze che arrivano in città da ogni parte del sud Italia e della Sicilia.

La risposta al Pd

«I consiglieri del gruppo PD, se volessero dare un effettivo contributo al bene della città, potrebbero supportare l’Amministrazione nella suddetta azione di verifica della regolarità e correttezza della passata gestione degli impianti sportivi e della gestione dello Stadio San Filippo. Anziché fornire, al solo scopo di contrastare l’Amministrazione, suggerimenti giuridicamente errati, quali quello di inserire nel bando di gara europea il vincolo di fare svolgere i concerti. E’ notorio che il bando di gara è un atto amministrativo che disciplina esclusivamente le modalità di partecipazione alla procedura di gara, i requisiti dei partecipanti e le modalità di presentazione delle offerte. I vincoli contrattuali per il soggetto gestore possono essere contenuti esclusivamente nella convenzione che rappresenta il contratto che disciplina i rapporti ed i vincoli tra le parti, ed i cui contenuti per la gestione dello stadio San Filippo sono già stati oggetto di approvazione da parte del Consiglio comunale.

Critiche all’organizzatore di Tiziano Ferro

I suggerimenti in termini di cosa risponda al bene della città di Messina non sono così imparziali quando provengono da parte dell’organizzatore di eventi, che, oltre ad aver sempre compensato le somme dovute al Comune per acquisire la disponibilità dello stadio, tra l’altro un mese addietro ha anche notificato al Comune un infondato ricorso al TAR avverso una delibera della Giunta con la quale, prima del verificarsi dell’emergenza COVID si era prorogata la concessione dello stadio San Filippo alla società ACR. Nonostante nella delibera fosse stata pienamente garantita la realizzazione del concerto, comunque divenuto irrealizzabile nella data stabilita per causa di forza maggiore, la società Musica da Bere ha trascinato il Comune di Messina in un inutile e dannoso contenzioso.

Nella ferma convinzione che l’interesse primario della Città sia quello di affidare la gestione del più importante stadio cittadino ad un soggetto valido e capace, che ne possa realizzare un volano per lo sviluppo con persone direttamente e/o stabilmente impiegate nelle funzioni di rinnovamento e gestione dello stadio, e nelle attività e nei servizi generati dall’indotto determinato dai progetti di miglioramento, si auspica – conclude l’Assessore Scattareggia – che gli organizzatori possano interloquire con il futuro gestore e realizzare i loro concerti”.

Articoli correlati

Tag:

6 commenti

  1. Al solito: ridicolo tentativo di nascondere la propria incapacità o, peggio ancora, i propri piani, dietro le colpe degli altri.
    PATETICO! Ed è un complimento

    1
    0
  2. Rapporto difficile con gli organizzatori.
    Il “giardino delle luci” dello scorso Natale a piazza Cairoli aveva già evidenziato pesanti deficienze organizzative mi pare.
    Impossibile non ricordare oggi tutti gli errori commessi in quella circostanza.
    Solo il tempo saprà dire se l’assessore ha preso la decisione giusta.
    Certo fa specie che il sindaco si tiri sempre fuori da qualunque vicenda possa macchiare la sua immagine, salvo poi saltare fuori, novello salvatore della patria, con qualche colpo di scena che smentendo i collaboratori che lui steso ha scelto, rimetta le cose a posto. Probabilmente sarà stato tenuto all’oscuro di tutto sino ad oggi.

    1
    0
  3. Dato per scontato che l’autorizzazione a questi eventi è un’opportunità alla quale non si può rinunciare, a questo punto, parrebbe evidente che questa amministrazione non sia in grado di trovare una soluzione. Ma siccome, nonostante tutto, continuo a ritenere De Luca persona capace e competente, è a lui che mi rivolgo sollecitandolo a trovare la soluzione. E’ ovvio che una risposta negativa mi farebbe ricredere sull’ottima considerazione che ho del Sindaco.

    0
    0
  4. Salve,
    elencare gli esigui introiti per il comune dai precedenti eventi al s. Filippo non esime l’assessore dal dare spiegazioni piu’ esaustive e motivate che è d’obbligo e dovreste essere voi giornalisti a pretenderla!
    Con i grandi concerti ed eventi Messina in questi anni ha avuto un ruolo centrale al sud e un indotto importante come città, per il suo turismo e d’immagine.
    inoltre, il San Filippo ha recuperato la sua utilità sociale di grande stadio comunale ormai inutile e obsoleto per il grande calcio che – quello si – non tornerà mai più in riva allo stretto.
    E reputo velleitario da parte delll’amministrazione rimettere la decisione per il 2021 al futuro gestore e vincitore dell’appalto. Sanno bene gli amministratori pubblici che la concessione di un bene pubblico viene data sempre “intuitu personae” e sottoposta a condizioni precise che rispettino la pubblica utilità. quindi il comune puo’ riservarsi benissimo di ultilizzare lo stadio, anche se dato in concessione, per gli eventi che coinvolgono utilmente l’intera collettività.
    Sappiamo che i promoter dei concerti non sono certo benefattori; ma mi chiedo quali altri interessi oscuri si celano dietro questa scellerata decisione del sindaco sceriffo de noartri? al punto da compromettere l’interesse pubblico della città al business degli eventi e della cultura, che certamente – lo ha dimostrato piu’ volte – non è nelle corde del caudillo di fiumedinisi.
    Attendiamo risposte. Saluti

    0
    0
  5. Come sempre è colpa di quelli che c’erano prima, Carissimo Scattareggia ma perche non vi vergognate di esistere, vi ricordo che il caro Sindaco si è insediato il 26 giugno 2018, siamo quasi a Giugno 2020 quasi 2 anni. Con lo stesso tempo nelle regioni del nord o dove si lavora sul serio senza parlare di Giappone o altro per non entrare nella fantascienza, lo avrebbero raso al suolo e ricostruito e ci sarebbe voluto molto meno tempo. Quando si è incapaci bisogna avere la responsabilità di andarsene a casa e cambiare mestiere. Ormai l’epoca delle vacche grasse e finita

    2
    0
  6. Questo sindaco per il bene di Messina se ne deve andare subito, ha fallito anche con la raccolta rifiuti, non ci sono netturbini che spazzano le strade da un anno quasi, e i consiglieri comunali lo sanno e stanno zitti; guardate concittadini le vostre strade: sono piene di spazzatura e sapete perché? Perché il sindaco pur di far partire la raccolta differenziata, ha tolto lo spazzino per fare fare la differenziata, vergogna e nessuno si lamenta anche voi giornalisti perché non fate articoli in questo senso, avete paura?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007