No al reddito di cittadinanza per la Baraccopoli di Messina. Siracusano: “È una vergogna” - Tempostretto

No al reddito di cittadinanza per la Baraccopoli di Messina. Siracusano: “È una vergogna”

Redazione

No al reddito di cittadinanza per la Baraccopoli di Messina. Siracusano: “È una vergogna”

giovedì 21 Marzo 2019 - 16:16

La deputata di Forza Italia: È una vergogna decidere di abbandonare al proprio destino 7 mila cittadini italiani, sommersi dall’amianto e dalle fogne a cielo aperto

ROMA – “Quello che oggi è successo in Aula è contro ogni idea di giustizia ed equità. Avevo presentato un ordine del giorno affinché parte delle somme stanziate per il reddito di cittadinanza, fosse destinato a pagare gli affitti di alloggi decorosi per gli abitanti della Baraccopoli di Messina. Comprendo che le risorse destinate al sostegno del reddito siano nettamente inferiori rispetto alle promesse elettorali, però, è pur vero che ci sono delle priorità dettate da criteri di moralità che devono orientano scelte di chi governa. Lo ha detto in aula la deputata di Forza Italia alla Camera, Matilde Siracusano, prima firmataria dell’odg bocciato dalla Maggioranza.

“Il reddito di cittadinanza – conclude la Parlamentare – è concepito come misura di contrasto alla povertà. Se non è questo il caso, mi chiedo quale sia per il Governo il concetto di povertà? Con il mio odg ho voluto dare un suggerimento, segnalando una condizione di povertà estrema, in cui il grado di disagio è pari solo all’estensione della Baraccopoli. È una vergogna decidere di abbandonare al proprio destino 7 mila cittadini italiani, sommersi dall’amianto e dalle fogne a cielo aperto, tra le quali, per carenze strutturali, giocano tanti bambini”.

Tag:

6 commenti

  1. Pure dobbiamo anche dare i soldi .Mi sa che a maggio Forza Italia con onorevoli mai votati dal popolo(saliti per i voti di lista ) diventeranno 4 amici al bar.Chi paga gli affitti ai veri poveri ?

    0
    1
    1. E chi sarebbero i veri poveri?

      0
      0
  2. Smettiamola con questa buffonata.
    E’ tutta gente che lavora a nero (basta vedere le macchine davanti le baracche) e pretende la casa “du guvennu”.
    Se vogliono la casa si facciano il mutuo e se la paghino col sudore della fronte loro e non della collettività!!!!!!!!!

    11
    0
    1. Mi viene a mente il detto “son tutti gay…”

      0
      0
  3. Dio mio! Leggendo i commenti mi rendo conto che esseri schifosi stiamo diventando…

    1
    0
  4. Giuseppe Messina 22 Marzo 2019 10:28

    Matildina, ma come mai quando governava il tuo presidente non avete fatto una beata ….. per risolvere il problema delle baracche messinesi? Ad ogni modo , visto che l’argomento ti appassiona tanto , mi permetto di darti un suggerimento : i 5s destinano metà dei loro emolumenti ad un fondo per il supporto delle piccole imprese . Perché non fai la stessa cosa , magari convincendo qualche altro parlamentare del tuo partito, e con le somme raccolte date un po di ristoro ai poveri baraccati ?
    P. S. Ti potresti fare dare una mano anche dai nuovi acquisti che avete fatto in città.
    Attendo tue nuove . Baci .

    0
    0

Rispondi a Pasquale Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007