"Non ci sentiamo al sicuro, la residenza Gravitelli per gli studenti cade a pezzi" VIDEO - Tempostretto

“Non ci sentiamo al sicuro, la residenza Gravitelli per gli studenti cade a pezzi” VIDEO

Redazione

“Non ci sentiamo al sicuro, la residenza Gravitelli per gli studenti cade a pezzi” VIDEO

giovedì 01 Dicembre 2022 - 08:04

L'Udu (Unione degli universitari) scrive all'Ersu, inviando una documentazione fotografica e video: "Pronti a mobilitarci"

MESSINA –  “La residenza Gravitelli cade a pezzi, è notizia di questi giorni quella del crollo di un soffitto tra l’armadio e il letto di una delle stanze degli studenti”. Gli allievi delle residenze non si sentono al sicuro, come documentano foto e video inviati al giornale, gli studenti dell’Udu (Unione degli Universitari), hanno denunciato alla stampa che “le pessime condizioni della struttura sono note ormai da anni e purtroppo ancora non è stata messa in sicurezza”. Gli studenti hanno inviato all’Ersu (Ente regionale per il diritto allo studio universitario) Messina un sollecito a intervenire urgentemente.

“Chiediamo interventi strutturali”

“Non si scherza con la vita degli studenti – si legge nella nota – per fortuna questa volta non ci sono stati feriti, ma non si dovrebbe attendere l’incidente per avviare dei lavori di ristrutturazione. Sono necessari interventi strutturali nell’edificio a rischio crollo ormai da tempo. In tutta la residenza ci sono tetti in cattive condizioni, infiltrazioni, muffe ed eccessiva umidità. Siamo stufi – chiosano – di vedere calpestati i diritti degli studenti e delle studentesse. Gli studenti sono stanchi di vivere nella paura a causa della scarsa sicurezza delle residenze universitarie. Non è questa l’Università che vogliamo vivere”.

“Come Unione degli Universitari – concludono – vigileremo attentamente su questa situazione inaccettabile. Siamo pronti, se necessario, a mobilitarci”. Si attende ora la replica dell’Ersu.

Un commento

  1. A parole sono i numeri uno 🙄ma a fatti a Messina stanno a 0 anzi sotto 0😡😤😖… può essere mai che pure i ragazzi per farsi sentire debbano ricorrere a Tempostretto????Eh, sì….. perché adesso vedrete come si affretteranno a rispondere dopo la figuraccia di questa deplorevole situazione 😡😤😖

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007