"Non si muore solo di Covid". L'appello da Messina sprona l'Assessorato alla Salute - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Non si muore solo di Covid”. L’appello da Messina sprona l’Assessorato alla Salute

Francesca Stornante

“Non si muore solo di Covid”. L’appello da Messina sprona l’Assessorato alla Salute

mercoledì 18 Novembre 2020 - 08:00
“Non si muore solo di Covid”. L’appello da Messina sprona l’Assessorato alla Salute

I problemi nelle liste d'attesa e nei servizi sanitari per i malati di altre patologie sono stati segnalati dall'associazione Donare è vita. L'assessorato vuole una verifica

«Non si muore solo di Covid». L’accorato appello alla sanità regionale e messinese era partito poche settimane fa da Messina. A lanciarlo era stato Gaetano Alessandro, che attraverso l’associazione “Donare è vita” ogni giorno sta a fianco di tanti cittadini che di fronte alle malattie diventano anche pazienti. Quel messaggio non è rimasto inascoltato.

Non solo Covid

A raccoglierlo è stato l’assessorato regionale alla Sanità guidato da Ruggero Razza. Che adesso chiede ufficialmente al Dirigente Generale del Dipartimento Pianificazione Strategica e al Dirigente Generale del Dipartimento Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico una verifica della gestione della sanità. La nota è stata inviata anche all’Asp di Messina, alle aziende ospedaliere, al sindaco De Luca, all’Università.

Liste d’attesa, visite, servizi

Proprio partendo dai problemi denunciati dall’associazione “Donare è vita”, l’assessorato alla Salute chiede una verifica della situazione che riguarda i servizi sanitari in questa emergenza Covid. «Il presidente dell’associazione di volontariato “Donare è vita” – scrive l’assessorato – nell’evidenziare presunte criticità nella gestione della sanità, specialmente riguardo alle prenotazioni delle visite mediche ospedaliere e ai servizi telematici per consulti, controlli, fascicolo sanitario e utilizzo della ricetta dematerializzata, chiede una riorganizzazione generale dei servizi medico-sanitari» Richiesta che non resta lettera morta. L’assessorato chiede infatti “di porre in essere i necessari approfondimenti”.

Il quadro tracciato da Gaetano Alessandro ha voluto puntare l’attenzione sul fatto che in questo periodo di emergenza c’è stato un blocco delle prestazioni nelle strutture pubbliche, più volte denunciato, ma mai preso in considerazione. Le vittime sono i malati cronici, cardiopatici, diabetici. Malati che non possono perdere tempo.

Una verifica sulla sanità

«E’ necessaria una riorganizzazione dei servizi in generale prestando attenzione a tutte le altre patologie oltre il COVID 19» ha denunciato l’associazione. A cominciare dalle liste di attesa perché i malati cronici, i trapiantati, i malati oncologici hanno bisogno di cure e di esami diagnostici non possono essere abbandonati dal Sistema Sanitario Regionale.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. buongiorno voglio denunciare il menefreghismo delle aziende preposte alla vigilanza del contagio . Già da quattro giorni ho attivato tutte le procedure di autodenuncia. Ho avvisato il mio Medico curante il quale ha comunicato tempestivamente all’ASP la Mia positività invio quotidianamente mail al Prefetto alla Protezione Civile al Sindaco ma nessuno si è visto. il nucleo familiare è composto da 5 persone giovani tra cui una bimba di 11 anni. Noi siamo persone responsabili e abbiamo avvertito tutti coloro che si sono trovati vicino nonché la preside della scuola. Ma ipoteticamente Noi per legge possiamo circolare liberamente in quanto l’ASP non ha ufficializzato . Ma in che mondo viviamo?? arriveranno entro l’anno ?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x