Occupazione suolo pubblico, le tariffe stellari restano un grande ostacolo - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Occupazione suolo pubblico, le tariffe stellari restano un grande ostacolo

Occupazione suolo pubblico, le tariffe stellari restano un grande ostacolo

martedì 04 Dicembre 2018 - 07:37
Occupazione suolo pubblico, le tariffe stellari restano un grande ostacolo

C'è una proposta di nuovo regolamento per modificare le troppe cose che non vanno bene sul fronte dell'occupazione suolo pubblico, ma non incide sulle tariffe. I commercianti invece chiedono che si parta proprio da lì altrimenti sarà tutto inutile. A indicare la strada anche la recente sentenza del Cda

Quando si parla di suolo pubblico e Cosap il problema da risolvere resta sempre e ancora uno: le tariffe troppo alte che gli imprenditori continuano a pagare a Messina. Se ne parla da anni, negli ultimi cinque anni è stato uno dei temi più dibattuti e controversi ma di fatto rimasti senza una soluzione definitiva. Con l’amministrazione Accorinti si era arrivati ad un taglio del 40% delle tariffe per un periodo sperimentale, ma il 31 dicembre scade e il rischio è di trovarsi di nuovo al punto di partenza. E così la battaglia continua. Perché è vero che sull’occupazione suolo pubblico i fronti su cui bisogna agire sono tanti, ma è anche vero che se non si parte proprio dal nodo più caldo sarà inutile qualsiasi altra modifica al regolamento e ai criteri per l’assegnazione di aree da destinare a tavoli, sedie, dehors, gazebo.

E’ stato questo il punto cardine su cui si è concentrato il dibattito della II commissione Bilancio che ieri a Palazzo Zanca si è riunita per discutere del problema suolo pubblico insieme ai protagonisti di questa infinita querelle: i rappresentanti delle associazioni di categoria.

Sul tavolo dei consiglieri comunali c’è la proposta di nuovo regolamento proposta dal consigliere Nino Interdonato e dal gruppo di Sicilia Futura (VEDI QUI), ma a quanto pare non basta perché non prevede una nuova regolamentazione delle tariffe, dunque non risolve il vero problema che affligge i commercianti e gli imprenditori.

«Parliamo di Cosap da 5 anni e in questi 5 anni hanno chiuso 5mila aziende a Messina. Non si può pensare di chiedere più del 10% di quanto incassa un’attività per l’occupazione suolo. Abbiamo distrutto il commercio. Avevamo chiesto di ritirare il regolamento di occupazione suolo, avevamo proposto modifiche, ci siamo resi conto che non si poteva lavorare. Adesso due attività hanno vinto i contenziosi ed è un ulteriore danno per il Comune. E’ così che il Comune vuole aiutare il commercio?» ha detto il presidente di Confcommercio Carmelo Picciotto.

Infatti recentemente è arrivata la sentenza del Cga che ha dato ragione a due imprenditori messinesi dichiarando l’illegittimità«del sistema di determinazione dei calcoli da operare per la determinazione dei nuovi canoni» (VEDI QUI). In commissione anche Denny Anna, uno dei due vincitori della battaglia legale contro il Comune e rappresentante di Alces: «Sulle tariffe siamo lontani dalla media delle altre città siciliane. Siamo a più del doppio di quanto si paga a Trapani o a Ortigia. Si continua a parlare di Messina città turistica, ma per farlo bisogna che ci siano le condizioni. Chiediamo un regolamento nuovo ma fatto insieme per essere messi nelle condizioni di pagare».

A snocciolare qualche numero ci ha pensato Benny Bonaffini per Confesercenti: «Nel 2011 ci siamo trovati all’improvviso con un aumento del 600% sul suolo pubblico deciso dall’allora sindaco Buzzanca che aveva deciso che questa era una misura per aumentare le entrate e sostenere il bilancio. Oggi anche il Cga fa un ragionamento semplice: se Messina è una città turistica, perché a Messina si pagano 160 euro a mq, prima addirittura 250, e a Palermo in via Maqueda 50 euro a mq o 34 euro a Trapani. Qualcuno dovrà dimostrare che le zone turistiche di Messina hanno una capacità attrattiva cinque volte migliore delle altre. Non siamo qua per fare i mendicanti, vogliamo sfuggire anche dalla logica dei commercianti evasori. Dovete chiedervi qual è la posizione che volete avere nei confronti del commercio di Messina. Noi dalla nostra parte possiamo dare la certezza dell’incasso, i commercianti non pagano perché non ne hanno avuto la possibilità. Ma approvare entro il 31 dicembre un nuovo regolamento lasciando una tariffa così alta significa riavviare una stagione di crisi e conflitto».

Sulla stessa scia Daniele Zuccarello, in rappresentanza della Fipe, ma che negli anni è stato sempre in prima linea da consigliere comunale sul problema del suolo pubblico: «Molte delle modifiche previste oggi erano già state presentate nel 2013. Oggi però, in virtù della sentenza de, non si può pensare più di modificare in fretta e furia questo regolamento. Il punto fondamentale è il canone: se non si supera questo ostacolo non si va da nessuna parte. Eravamo riusciti a ridurre del 40% in via temporanea nell’attesa che si potesse rivedere il regolamento. Il canone continua ad essere elevato. Penso che l’unica proposta che il consiglio dovrebbe fare è riportare il canone a quello precedente al 2011».

Una voce unanime dal mondo dei commercianti e delle associazioni di categoria,tra cui anche Confartigianato e Sada Casartigiani, una voce che ha chiesto al consiglio di non fermarsi a quelle modifiche, seppur importanti, già fissate nel nuovo regolamento proposto da Nino Interdonato e Sicilia Futura, ma riaprire con l’amministrazione un ragionamento generale sulle tariffe.

Un input che la commissione e lo stesso proponente Interdonato hanno deciso di cogliere, anche se inevitabilmente si allungheranno i tempi. Per questo già la prossima settimana la commissione chiamerà l’amministrazione, la Ragioneria e gli uffici per capire quali sono i margini per muoversi e procedere a rivedere una volta per tutte queste tariffe.

Anche perché, come ha detto anche Zuccarello in aula, se il Comune non rispetterà quella sentenza del Cga pioveranno centinaia contenziosi (VEDI QUI). E di certo il Comune non può permetterselo.

Francesca Stornante

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. buongiorno sono tutte belle parole e sogni che non si realizzeranno mai poichè come sempre la tanto decantata amministrazione De luca non e’ stata presente in aula evidentemente dopo 20 anni di scarica barile purtoppo anche questa amministrazione non si impegna per niente nelle cose che contano davvero ogni commerciante e’ prima di tutto un padre di famiglia che sgobba dalla mattina alla sera soprattutto le edicole e non viene mai preso in considerazione dall’amministrazione che non si presenta mai in aula De luca belle parole prima ma poi fatti nulla…………….

    0
    0
  2. Leggo tante inesattezze e dunque occorre chiarire la questione. Non è vero che la tariffa comunale sia di 150 euro o 250 al metro quadrato. La tariffa a è di 0,24 euro al metro quadrato ( basta leggere il regolamento Cosap). A Messina è stato aumentato dalla Giunta Buzzanca il coefficiente moltiplicatore che prima era “1” ed ora è “3”. In atto dunque il canone base pari a 0,24 euro a m.q. è stato triplicato ( 0.24 x 3) . Il CGA non ha annullato tutto il regolamento Cosap ma ha solo specificato che il Comune, per quanto riguarda i gazebo, è libero di determinare le tariffe in via discrezionale ma deve specificare per ogni attività il coefficiente moltiplicatore e non applicarlo indiscriminatamente a tutte le occupazioni dei gazebo.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007