Non solo sosta selvaggia: un nuovo Scout System che controlla assicurazione e revisione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Non solo sosta selvaggia: un nuovo Scout System che controlla assicurazione e revisione

F.St.

Non solo sosta selvaggia: un nuovo Scout System che controlla assicurazione e revisione

F.St. |
lunedì 26 Ottobre 2015 - 15:59

Il sindaco, Renato Accorinti, ed il commissario ispettore superiore del Corpo della Polizia municipale, Michele Bonanno, insieme al suo staff, hanno illustrato a Palazzo Zanca, nel corso di una conferenza stampa, il secondo Scout System ed il nuovo servizio di controllo, attivo da subito

Da subito un nuovo occhio elettronico sarà in strada per controllare e multare gli indisciplinati automobilisti messinesi. Non solo sosta selvaggia però. Perché se fino ad oggi l’eye scout della Polizia Municipale ha punito gli automobilisti che parcheggiano in doppia e terza fila o in modo fantasioso, adesso arrivano delle novità. Il secondo Scout System che sarà in servizio permetterà di verificare in tempo reale le assicurazioni e le revisioni di tutti i mezzi di trasporto. “Obiettivo del sistema – ha dichiarato il sindaco Accorinti – è migliorare la sicurezza stradale e la viabilità cittadina. Non è nostra intenzione fare cassa per le irregolarità commesse dagli automobilisti, ma puntiamo sulla repressione e sull'educazione degli stessi. Il mio augurio è che si arrivi all'utilizzo dei due Scout System senza che ne conseguano violazioni per comportamenti scorretti da parte della cittadinanza”.

Ma vediamo dunque cosa cambia. Poiché dallo scorso 18 ottobre non vi è più l’obbligo di esporre il tagliando assicurativo, il dispositivo Scout è stato integrato con un sistema per la verifica della copertura assicurativa e della revisione auto, in grado di rilevare le targhe dei mezzi che transitano o che sono posizionate sul percorso, comunicando immediatamente all’operatore un segnale di mancata copertura assicurativa o di mancata revisione, ed ancora eventuali denunce di furto. In particolare la telecamera del nuovo sistema aggancia le targhe dei veicoli in movimento o in sosta, effettua la lettura delle stesse mediante un programma OCR ed in tempo reale interrogate le banche dai nazionali (portale dell’automobilista e ministero dell’Interno), segnala immediatamente i veicoli sprovvisti di copertura assicurativa e/o non sottoposti a revisione. Individuato pertanto un veicolo non in regola il dispositivo genera un allarme acustico/visivo, evidenziando la natura dell’anomalia (ad es. assicurazione) e immediatamente su una maschera visualizza all’operatore il risultato completo dell’interrogazione. I dati acquisiti sono salvati a livello locale e possono essere usati per fermare immediatamente il presunto trasgressore o segnalarlo ad una seconda postazione remota, oppure, in caso d’impossibilità del fermo del veicolo, esportare i dati verso i programmi gestionali di verbalizzazione per il seguito di quanto previsto dal Codice della Strada.

L’obiettivo a breve termine è di poter effettuare con lo Scout System, sempre attraverso la targa, anche il controllo dei mezzi all’interno delle Ztl, ma serve la digitalizzazione dell’archivio del Dipartimento Viabilità, e dei mezzi pesanti in sosta.

Finora lo Scout System ha portato risultati importanti e a dirlo sono i numeri. Nell'anno 2014, da luglio a dicembre, sono stati 6.101 i verbali per sosta irregolare, mentre per il 2015, da gennaio ad agosto, ne sono stati elevati 14.271. I ricorsi presentati sono stati 46 per il 2014 e 73 per l'anno ancora in corso. Il valore stimato dei verbali elevati ammonta per il 2014 a 301.070,00 euro (€ 210.704,90 con lo sconto del 30 per cento per chi paga entro i cinque giorni); per l'anno 2015 714.507,00 euro (500.154,90 con lo sconto del 30 per cento), per un totale di 1.015,514,00 euro (710.859,80 scontati del 30 per cento). Le multe pagate, alla data del 31 agosto scorso, sono state 9.903 per un importo totale di 560.144,56 euro. La verbalizzazione complessiva al 31 agosto 2015 è di 50.864 verbali elevati, di cui il 72 per cento effettuati dai reparti del Corpo della Polizia municipale e il rimanente 28 dall'attività dello Scout System.

Il “S.I.S.S”, Servizio Informatizzato Sanzionamento Smart, è stato costituito – come si ricorderà – nel 2015 in seno alla Sezione Comando del Corpo di Polizia Municipale con il compito di avvalersi delle nuove tecnologie disponibili al fine di una più efficace prevenzione e repressione delle violazioni al Codice della Strada. In atto il S.I.S.S., operativo presso la caserma “Di Maio”, è costituito da 8 unità specializzate nell’utilizzo di queste nuove tecnologie, oltre il responsabile, che si avvicendano nell’attività dinamica di rilevazione delle violazioni al Codice della Strada ed in quella d’ufficio di scarico dati, validazione, sanzionamento delle violazioni rilevate, e contribuiscono anche ai normali servizi di viabilità con pattuglie moto montate, denominate con la sigla di “Astore”. Il sistema è munito di due apparati “Scout System” della Sintel Italia, collocati su autovetture di servizio elettriche Fiat Cubo, a zero impatto ambientale, e quello denominato “Scout”, ovvero un dispositivo portatile multifunzionale che permette la localizzazione, la trasmissione e la registrazione video, la connessione a banche dati, il riconoscimento targhe, il sanzionamento della doppia fila e di tutte le violazioni per modalità di sosta irregolare. In particolare lo “Scout” permette, attraverso la gestione di telecamere a bordo veicolo, l’attività per il sanzionamento ed il riconoscimento automatico delle targhe (archivi, ZTL, bollino blu, parcheggi disabili), consentendo così l’ottimizzazione delle attività di pattugliamento, del controllo del territorio e della sicurezza.

Il sistema “Scout” è installato con successo presso varie forze di Polizia Italiane ed Estere tra cui la Polizia di Stato, la Polizia Penitenziaria e numerose altre Polizie municipali. Così come per gli altri supporti tecnologici in dotazione al Corpo, e sempre allo scopo di prevenire, più che reprimere, le infrazioni al Codice della Strada, gli utenti vengono messi a conoscenza dei percorsi settimanali dello “Scout” attraverso la pubblicazione settimanale sui media cittadini, di comunicati stampa, nonché mediante la pubblicazione sulla home page del sito istituzionale del Comune nella sezione avvisi.

F.St.

Tag:

14 commenti

  1. FINALMENTE FINALMENTE FINALMENTE, un primo tentativo di ripristinare la legalità, forse da domani i messinesi penseranno al Codice della Strada come ad una LEGGE da rispettare, le alternative sono caos e anarchia, a cui paghiamo un prezzo sociale ed economico elevato, l’immobilità urbana, e purtroppo morti e feriti.

    0
    0
  2. FINALMENTE FINALMENTE FINALMENTE, un primo tentativo di ripristinare la legalità, forse da domani i messinesi penseranno al Codice della Strada come ad una LEGGE da rispettare, le alternative sono caos e anarchia, a cui paghiamo un prezzo sociale ed economico elevato, l’immobilità urbana, e purtroppo morti e feriti.

    0
    0
  3. così le strade cominceranno a svuotarsi non tanto per le revisioni ma per le assicurazioni che ormai hanno tariffe xxxxxxxx

    0
    0
  4. così le strade cominceranno a svuotarsi non tanto per le revisioni ma per le assicurazioni che ormai hanno tariffe xxxxxxxx

    0
    0
  5. Sarò criticato per via del mio scetticismo ma col passare del tempo non ho visto cambiamenti. Il numero elevato di multe testimonia la totale ineducazione degli automobilisti di Messina, cosa già tristemente nota. Girando per le strade, però, personalmente non ho riscontrato miglioramenti riguardo la cosiddetta sosta selvaggia: tutto è rimasto esattamente come prima, nonostante due (se non erro) eye scout acquistati e messi in funzione… Evidentemente o ai messinesi piace regalare soldi al Comune, oppure l’uso di questi apparecchi è saltuario e carente. Di fatto Messina ha una viabilità impossibile, roba che manco in Pakistan… Servono vigili EFFICIENTI E LAVORATORI in ogni angolo della città, oppure non cambierà mai nulla. Punto.

    0
    0
  6. Sarò criticato per via del mio scetticismo ma col passare del tempo non ho visto cambiamenti. Il numero elevato di multe testimonia la totale ineducazione degli automobilisti di Messina, cosa già tristemente nota. Girando per le strade, però, personalmente non ho riscontrato miglioramenti riguardo la cosiddetta sosta selvaggia: tutto è rimasto esattamente come prima, nonostante due (se non erro) eye scout acquistati e messi in funzione… Evidentemente o ai messinesi piace regalare soldi al Comune, oppure l’uso di questi apparecchi è saltuario e carente. Di fatto Messina ha una viabilità impossibile, roba che manco in Pakistan… Servono vigili EFFICIENTI E LAVORATORI in ogni angolo della città, oppure non cambierà mai nulla. Punto.

    0
    0
  7. Le mie piu’ sentite condoglianze , anzi, direi, il massimo disprezzo per tutta la massa di persone furbette “tantu ‘cu voi chi se n’accurgi …” che, pian pianino verranno colpite inesorabilmente.

    0
    0
  8. Le mie piu’ sentite condoglianze , anzi, direi, il massimo disprezzo per tutta la massa di persone furbette “tantu ‘cu voi chi se n’accurgi …” che, pian pianino verranno colpite inesorabilmente.

    0
    0
  9. Da gennaio ad agosto 14271 multe, Sembrano numeri incredibili ma se ci soffermiamo un attimo capiremo che sono appena 59 multe al giorno, con un sistema che permette alla polizia municipale di stare semplicemente seduta in macchina ed inquadrare le targhe dei trasgressori… Sul viale San Maritino se passassero anche una sola volta ne farebbero di piu ahahahaahahah continuate cosi che va tutto bene…

    0
    0
  10. Da gennaio ad agosto 14271 multe, Sembrano numeri incredibili ma se ci soffermiamo un attimo capiremo che sono appena 59 multe al giorno, con un sistema che permette alla polizia municipale di stare semplicemente seduta in macchina ed inquadrare le targhe dei trasgressori… Sul viale San Maritino se passassero anche una sola volta ne farebbero di piu ahahahaahahah continuate cosi che va tutto bene…

    0
    0
  11. Tutto bello! Tutto O. K.
    Ma questo Scout System dove gira a Messina?
    – Non certamente nella rotonda di Ponte Zaera dove vetture parcheggiano perfino dentro la rotonda!
    – Non certamente in Via Industriale piena zeppa di: officine meccaniche, passi carrabili, rivenditori auto, ecc. Lì il parcheggio in tripla fila è la norma!
    – Non certo in Via Santa Cecilia bassa: vetture parcheggiate in tripla fila ed a spina di persce per gustarsi gli ottimi rustici di Piero!
    – Non certo sul Viale Europa, nel tratto fra il Ponte Zaera fino al ponte ex Ferrovie di Camaro dove i venditori ambulanti per rendersi più visibili parcheggiano a spina di pesce e gli acquirenti – a loro volta – si fermano proprio accanto al punto vendita per non affaticarsi!

    0
    0
  12. Tutto bello! Tutto O. K.
    Ma questo Scout System dove gira a Messina?
    – Non certamente nella rotonda di Ponte Zaera dove vetture parcheggiano perfino dentro la rotonda!
    – Non certamente in Via Industriale piena zeppa di: officine meccaniche, passi carrabili, rivenditori auto, ecc. Lì il parcheggio in tripla fila è la norma!
    – Non certo in Via Santa Cecilia bassa: vetture parcheggiate in tripla fila ed a spina di persce per gustarsi gli ottimi rustici di Piero!
    – Non certo sul Viale Europa, nel tratto fra il Ponte Zaera fino al ponte ex Ferrovie di Camaro dove i venditori ambulanti per rendersi più visibili parcheggiano a spina di pesce e gli acquirenti – a loro volta – si fermano proprio accanto al punto vendita per non affaticarsi!

    0
    0
  13. 59 multe al giorno se consideriamo anche le domeniche, ma volendo essere buoni e togliendo le domeniche arriveremmo a 70 multe al giorno. praticamente una multa ogni ora di lavoro. Forse è veramente poco visto che la materia prima (le infrazioni) non manca in quanto i messinesi la mettono a disposizione a volotà

    0
    0
  14. 59 multe al giorno se consideriamo anche le domeniche, ma volendo essere buoni e togliendo le domeniche arriveremmo a 70 multe al giorno. praticamente una multa ogni ora di lavoro. Forse è veramente poco visto che la materia prima (le infrazioni) non manca in quanto i messinesi la mettono a disposizione a volotà

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x