La fiaccolata per Rebecca Lazzarini e per le vite stroncate sulla strada: "Vogliamo giustizia" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La fiaccolata per Rebecca Lazzarini e per le vite stroncate sulla strada: “Vogliamo giustizia”

La fiaccolata per Rebecca Lazzarini e per le vite stroncate sulla strada: “Vogliamo giustizia”

sabato 09 Aprile 2016 - 08:25
La fiaccolata per Rebecca Lazzarini e per le vite stroncate sulla strada: “Vogliamo giustizia”

E' stata la fiaccolata per Rebecca ma anche per tutte le vittime della strada. Organizzata dall'AIFVS in collaborazione con una serie di associazioni si è conclusa davanti al tribunale, perchè anche la giustizia deve fare la sua parte.

Le piccole luci si sono fermate, e non a caso, davanti al Tribunale. Non è un caso se la fiaccolata per Rebecca Lazzarini, uccisa a 15 anni da un’auto in corsa un mese fa, si è conclusa davanti al Palazzo di Giustizia. Perché quello che chiede un intero Paese, quello che chiedono i messinesi, i familiari delle migliaia di vittime di incidenti stradali è che la giustizia sia almeno giustizia. La norma appena entrata in vigore, quella sull’omicidio stradale è un passo in questo lungo percorso avviato dal Paese affinchè anche i tempi della giustizia si adeguino al grido di dolore. Non sappiamo se sarà un deterrente per evitare che la folle corsa di chi guida, spesso ubriaco, o drogato, stronchi vite umane. Quel che sappiamo è che il numero delle vittime è dovuto diventare altissimo prima che una legge intervenisse.

La fiaccolata di ieri è stata organizzata dall’Associazione Italiana Familiari e vittime della strada insieme al Centro artistico del Mediterraneo, alle associazioni territoriali e ad alcune scuole messinesi. Moltissimi i giovani presenti e sopratutto i familiari di tutte le vittime della strada nel messinese. A fine corteo inltre sono stati letti i nomi di quanti hanno perso la vita a causa di chi, in una folle corsa o per una guida non regolare, ha stroncato il futuro di intere famiglie.

Il messaggio è stato questo, come ricorda l’Associazione: "chi uccide non può restare impunito. L’espiazione di una pena congrua – non già di una pena minima – è la misura di giustizia che la famiglia attende per Rebecca. Ma è anche la misura giusta per il colpevole affinché possa riflettere sulla gravità del suo comportamento di trasgressione delle norme alla guida ed a modificarlo, a reinserirsi con dignità nella società, avendo pagato il prezzo dell’espiazione della pena a causa della propria condotta. Per la città nel suo complesso, l’applicazione di una pena congrua è un segnale di cambiamento: nel punire il colpevole per la trasgressione della norma, con distruzione dei diritti inviolabili, la giustizia diffonde nella società un forte messaggio di legalità, riconoscendo all’osservanza della norma la tutela della civile convivenza. Uscire dalla sottovalutazione del reato e del danno è la richiesta che trova le sue radici nel sacrificio di tante vite innocenti, trasformato, con l’uccisione di Valeria Mastrojeni nel 1997, in un cammino di civiltà contro la strage stradale e gli abusi della giustizia".

Assenti i rappresentanti delle istituzioni, ma i giovani sono stati al fianco di chi soffre un doppio dolore, quello della perdita e quello dell'indifferenza.

A dare sostegno alla fiaccolata dell’’A.I.F.V.S. sono stati-U.N.A.C Unione Nazionale Arma dei Carabinieri ; AIGA Associazione Italiana Giovani Avvocati, AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani, Associazione Studenti Universitari, Ass. “Gli Invisibili”; Ass. “AIDO” di Milazzo; “Apollo Multisala”; Movimento Spontaneo Servizi Sociali di Messina; “Love Me Comitato la Nostra Città”; “#Messinaesiste” e ancora gli Istituti Superiori – “G. Minutoli”di Messina, sez Geometri, Sede “S.Quasimodo”, Sez. Commercialee Liceo Scientifico, Sede “P. Cuppari”, Sez. Agraria.

Partita da Piazza Duomo la fiaccolata si è conclusa davanti al Tribunale per una preghiera che è stata in fondo laica, un appello corale alla giustizia affinchè lo strazio dei familiari sia un dolore al quale dobbiamo assistere sempre meno.

R.Br

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Non confondete la giustizia per vendetta .Tutta Messina si è addolorata per quell’angelo di bambina .
    Non cerchiamo vendetta, preghiamo il nostro Signore di proteggerci .

    0
    0
  2. Non confondete la giustizia per vendetta .Tutta Messina si è addolorata per quell’angelo di bambina .
    Non cerchiamo vendetta, preghiamo il nostro Signore di proteggerci .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007