Latitante per un giorno, si consegna alla giustizia: arrestato affiliato del "Re delle casseforti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Latitante per un giorno, si consegna alla giustizia: arrestato affiliato del “Re delle casseforti”

Ve. Cro.

Latitante per un giorno, si consegna alla giustizia: arrestato affiliato del “Re delle casseforti”

venerdì 28 Febbraio 2014 - 12:34

E' stato rintracciato ed arrestato l'ultimo uomo destinatario del provvedimento di custodia cautelare emesso ieri nella mega operazione Alì Babà che ha sgominato una banda criminale che rubava in città.

Si è costituito da solo il quarantacinquenne messinese Candeloro Ficarra, accusato di far parte dell’associazione a delinquere sgominata ieri mattina dagli agenti della squadra mobile di Messina.
Si è presentato a Latina, nella sezione Polfer di Formia, e si è consegnato alla giustizia. Adesso si trova rinchiuso nella casa circondariale di Cassino.
Sale dunque a dieci il numero degli arresti dell’operazione Alì Babà, le cui indagini cominciate nell’agosto del 2010 hanno fatto emergere come alla base dei diversi furti, commessi tra il maggio e l’agosto dello stesso anno, vi fosse un’organizzazione criminale ben precisa ed organizzata.
Sei di loro sono finiti dritto in carcere, mentre per tre sono stati concessi i domiciliari. Tra questi rientra anche il secondino che, all’epoca dei fatti, prestava servizio nella Casa Circondariale di Gazza e che, secondo le accuse, introduceva dall’esterno cocaina e marijuana a favore di uno dei detenuti.

Tag:

Un commento

  1. … Che adesso diventera’ il “Principe di Gazzi”

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007