Operazione Default. Bancarotta e riciclaggio, 5 arresti. NOMI - Tempo Stretto

Operazione Default. Bancarotta e riciclaggio, 5 arresti. NOMI

Redazione

Operazione Default. Bancarotta e riciclaggio, 5 arresti. NOMI

lunedì 04 Febbraio 2019 - 08:42
Operazione Default. Bancarotta e riciclaggio, 5 arresti. NOMI

Associazione per delinquere dedita alla commissione di reati di bancarotta, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, riciclaggio e auto-riciclaggio, falso ideologico in atto pubblico ed appropriazione indebita

MESSINA – Due persone in carcere, tre ai domiciliari, undici con divieto temporaneo di esercitare attività professionali o imprenditoriali, sequestro dal valore di 15 milioni.

Sono i risultati dell’operazione Default, condotta dalla Guardia di Finanza di Messina nei confronti di un’associazione per delinquere dedita alla commissione di reati di bancarotta, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, riciclaggio e auto-riciclaggio, falso ideologico in atto pubblico ed appropriazione indebita.

Il provvedimento, a conclusione di indagine diretta dalla Procura di Messina, è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Messina, Maria Vermiglio.

Al vertice dell’associazione c’erano due avvocati, Andrea Lo Castro e Francesco Bagnato, e un commercialista messinesi, Benedetto Panarello, che, anche avvalendosi di prestanome (Orazio Oteri e Giuseppe Barbera), predisponevano per la loro nutrita clientela, composta da imprenditori operanti su tutto il territorio nazionale, illeciti strumenti ed atti giuridici per effettuare, a favore di società riconducibili a questi ultimi, operazioni finanziarie e societarie tese ad occultare il loro patrimonio ai creditori ed al fisco.

Sono state ricostruite numerose operazioni illecite effettuate, nel periodo che va dal 2014 al 2017, dai professionisti messinesi per conto di importanti gruppi imprenditoriali presenti in diverse regioni italiane.

Secondo un consolidato schema operativo, i professionisti indagati provvedevano a svuotare rilevanti poste patrimoniali da diverse società in difficoltà trasferendoli in altre di nuova costituzione, lasciando gli ingenti debiti in capo alle società originarie. Queste ultime, poi, venivano messe in liquidazione dagli amministratori, perlopiù individuati nei prestanome e, successivamente, chiuse nel più breve tempo possibile, all’insaputa dei creditori in modo da evitare che, nel termine di un anno, costoro potessero presentare istanza di fallimento.

Il sequestro, dal valore di 15 milioni, riguarda un patrimonio costituito da alberghi, aziende, terreni nonché quote societarie e somme di denaro.

Gli imprenditori coinvolti, tutti destinatari della misura interdittiva, sono:

Francesco D’Amico, già proprietario del Jolly Hotel di Messina, e la moglie P.I.. I due coniugi sono attualmente proprietari di due alberghi a Chianciano Terme (Siena), posti oggi a vincolo di sequestro.

– R.F. ed il figlio A.F., costruttori della provincia di Reggio Calabria;

– F. R. F. ed i figli G.F. e O.F. imprenditori di Policoro (Matera) operanti in diversi settori economici, insieme alla loro collaboratrice E.Z. di Milazzo;

– B.L. ed il figlio V.L., imprenditori del settore alimentare operanti della provincia di Reggio Calabria;

– P.V.B., faccendiere di Milano.

Tag:

3 commenti

  1. sono ignorante ma perchè solo le iniziali??? cosa impedisce rendere pubbliche le loro identita……..?

    0
    0
  2. Che Messina sia ricettacolo “verminoso” di malaffare scattrune é cosa notoria in tuta la Nazione;tant’è che le persone perbene FUGGONO da Messina dove “prolifica” tale MALARAZZA! Però mi sconcerta l’OMERTOSA FALSA RISERVATEZZA dei mezzi d’informazione (Tempostretto, compreso!!!).Tanti FARABUTTI contano sulla “collaborazione al silenzio” e, passato qualche tempo di SILENZIO AGEVOLATIVO,tornano a operare in maniera CRIMINALE.Credo che costoro possono ringraziarvi; un po meno i MAGISTRATI INQUIRENTI che vedono le generalità SBATTUTE in prima pagina.NON CI TENGONO:vorrebbero lavorare nel rispetto della loro SICUREZZA,DIGNITA’ e quant’altro ai FARABUTTI vengono assicurati.

    0
    0
  3. Sembra la banda dei soliti ignoti. Tutti figli di nessuno?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007