Business dei terreni degli emigrati delle Eolie, due arresti eccellenti - Tempostretto

Business dei terreni degli emigrati delle Eolie, due arresti eccellenti

Alessandra Serio - Veronica Crocitti

Business dei terreni degli emigrati delle Eolie, due arresti eccellenti

martedì 03 Dicembre 2013 - 15:10

Indagati dieci professionisti per le acquisizioni a scapito degli emigrati in Australia. La Gdf sequestra 13 immobili. Perquisizioni a Messina, Roma e Eolie.

Dopo quattro anni e una complessa indagine, compresa una rogatoria internazionale, la Guardia di Finanza di Milazzo ha portato alla luce e stroncato l’acquisizione di terreni abbandonati alle Eolie, operata da una serie di affaristi a scapito dei proprietari, emigrati in Australia parecchio tempo addietro. Due gli arresti, diversi i sequestri, tra Messina, Roma e le Isole, dove sono stati posti i sigilli a 13 immobili. Dieci gli indagati complessivamente, compresi professionisti eccellenti. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.

Tutto cominciò nel 2009 dopo la denuncia di un consigliere comunale di Lipari, Alfonso Sabatino, che fece notare come alcuni soggetti, sempre gli stessi, erano riusciti ad appropriarsi di numerosi beni immobili, appartenenti a cittadini eoliani emigrati in Australia negli anni Cinquanta-Sessanta, per motivi di lavoro, e che, una volta fatto ritorno, non hanno più trovato né case né terreni.

“Molti emigrati – si leggeva nella denuncia – si sono visti privare dei loro beni da alcuni personaggi i quali dichiarano davanti ad un notaio di aver posseduto quello stesso bene per molti anni e che lo rivendono ad amici o turisti compiacenti, all’insaputa dei legittimi proprietari”. E poi “com’è possibile che due o tre personaggi possano aver dichiarato in questi anni di aver avuto l’uso di centinaia di terreni e decine di fabbricati, di averli coltivati e mantenuti indisturbatamente. Il tutto tra l'indifferenza dell’Ordine dei notai, del catasto di Messina e dell'ufficio successioni di Roma”.

Quell’anno l’inchiesta partì sotto il coordinamento della Procura di Barcellona, affidata all’allora pm Olindo Canali. Il capitano delle Fiamme Gialle di Milazzo, Danilo Persaro, effettuò un corposo sequestro di atti in uno studio di centro città a Messina. Da lì gli investigatori scoprirono che gli indagati, utilizzando illecitamente le procure loro conferite dagli stessi emigrati e approfittando illecitamente dell’istituto dell’usucapione o di altre procedure di successione false, erano riusciti ad acquisire illecitamente la proprietà di immobili a Filicudi, Alicudi e Salina. La seconda fase della truffa prevedeva poi la cessione dei beni ad altri acquirenti ignari e l’incasso dei proventi della compravendita. Si trattava di un vero e proprio "business" a buon mercato che aveva già permesso d’incassare ingenti somme e che avrebbe fruttato ancora, considerato il valore di mercato dei ruderi nelle Isole Eolie. Durante l’inchiesta venne effettuata una rogatoria internazionale eseguita dalle autorità australiane competenti.

A siglare i provvedimenti è stata il gip di Messina, Maria Teresa Arena, su richiesta del sostituto procuratore Maria Pellegrino. Il fascicolo passò infatti in mano agli inquirenti messinesi quando si scoprì che il grosso della truffa era organizzato e portato avanti presso studi legali e di consulenza della città.

Alessandra Serio – Veronica Crocitti

Tag:

6 commenti

  1. francocrisafulli 3 Dicembre 2013 18:24

    Anche nei foto-racconti ci sono dei personaggi!

    0
    0
  2. antonio campanella 3 Dicembre 2013 20:03

    Che provincia di xxxxxxxx, che xxxxxxxxxx! Ma la domenica in chiesa!

    0
    0
  3. vincenzo cartagenova 4 Dicembre 2013 10:49

    …ma i nomi degli arrestati ?! e degli indagati?!…e degli studi di Messina centro?!…

    0
    0
  4. Ma lo sapevano tutti tanto che è inutile nell’articolo tacere i nomi indagati.
    Piuttosto… sarebbe interessante rispondere ad una sola domanda: “Perché solo adesso????”

    0
    0
  5. Assurdo ,un classico segreto di pulcinella!Sono anni che gente del calibro di notai, avvocati ,giudici, con l’aiuto di politici compiacenti delle Eolie, rubano in modo indiscriminato i terreni della povera gente che è dovuta emigrare per la mancanza del lavoro e di prospettive economiche certe. Ora di colpo si svegliano e si accorgono di questi imbrogli..Siamo la Repubblica delle banane e voi di Tempostretto siete i soliti.Con i poveracci pubblicate nome cognom via foto gruppo sanguigno e seguenze genetiche del DNA, con i professionisti siamo alle solite, omertà totale!!

    0
    0
  6. Ti rispondo io, qualcuno non ha avuto quello che voleva o è stato estromesso dal giro…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007