Operazione Tunnel, 8 condanne anche in appello per la droga Messina-Albania - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Tunnel, 8 condanne anche in appello per la droga Messina-Albania

Alessandra Serio

Operazione Tunnel, 8 condanne anche in appello per la droga Messina-Albania

venerdì 05 Giugno 2020 - 17:45
Operazione Tunnel, 8 condanne anche in appello per la droga Messina-Albania

Cade l'accusa di associazione armata ma resta quella di traffico di droga tra Messina e l'Albania per gli 8 imputati dell'operazione Tunnel

Confermate anche in appello le 8 condanne per la banda di spacciatori italo-albanesi che aveva base a Mangialupi, quartiere-fortino di Messina, sgominata con l’operazione antidroga Tunnel.

La Corte d’Appello di Messina (presidente Tripodi) ha confermato la responsabilità di tutti gli 8 imputati coinvolti nel giro di droga scoperto dalla Polizia, rivedendo in qualche passaggio la sentenza di primo grado, emessa ad ottobre scorso dal Gup Maria Militello.

I giudici di secondo grado hanno fatto cadere infatti, per tutti, l’accusa di associazione armata e hanno ridotto le condanne decise. Ecco nel dettaglio il verdetto: 16 anni a Santino Di Pietro, 11 anni a Francesco Delia, 12 anni ad Antonino Ieni, 9 anni a Francesco Di Giovanni, 6 anni a Domenico Pappalardo, 8 anni a Ernard Hoxha.

I giudici hanno scagionato Andrea Caporlingua dall’accusa più pesante, e hanno rideterminato la pena per l’imputazione residua a 2 anni; il ragazzo è stato scarcerato e da oggi ha soltanto l’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria. E’ difeso dall’avvocato Alessandro Billè.

Nessuno sconto di pena, invece per Rito Mecaj, per cui è stata confermata in toto la condanna a 2 anni e 8 mesi decisa in primo grado.

Il blitz della Polizia è scattato a luglio dello scorso anno con 12 arresti nel rione Mangialupi.

Due anni prima gli agenti avevano sequestrato 42 chili di marijuana nascosti nella galleria ferroviaria dismessa Spadalara, a Bisconte. Da qui il nome dell’operazione – Tunnel. Due mesi dopo, alla rada San Francesco, altri due sequestri di marijuana in arrivo dopo l’acquisto a Martinafranca, uno da 22 e uno da 10 chili.

Attraverso intercettazioni e pedinamenti, gli investigatori hanno poi ricostruito chi spacciava marijuana, cocaina e hashish a Messina, comprandola dai trafficanti con rapporti in Albania.

Impegnati nelle difese anche gli avvocati Salvatore Silvestro, Giuseppe Donato, Nunzio Rosso, Salvatore Stroscio, Antonello Scordo e Tino Celi.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007