Bando lampo ad Innovabic: the winner is.... Il Comune sta in silenzio e chi tace... - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Bando lampo ad Innovabic: the winner is…. Il Comune sta in silenzio e chi tace…

Francesca Stornante

Bando lampo ad Innovabic: the winner is…. Il Comune sta in silenzio e chi tace…

lunedì 22 Febbraio 2016 - 07:00
Bando lampo ad Innovabic: the winner is…. Il Comune sta in silenzio e chi tace…

Palazzo Zanca aveva scoperto solo 15 giorni dopo che una sua partecipata aveva bandito una selezione per assumere un nuovo funzionario. Il segretario Le Donne aveva chiesto chiarimenti ma nel frattempo Innovabic è andata avanti e ha individuato il vincitore del posto a tempo indeterminato. Si tratta dello stesso professionista che aveva ricoperto quello stesso incarico fino al mese scorso ma con contratti a tempo determinato.

A questo punto non ci sono più dubbi: Palazzo Zanca non riesce a controllare davvero le sue partecipate. E così, dopo il bando lampo di assunzione a loro insaputa, ecco che il sindaco Accorinti e il segretario generale Antonio Le Donne dovranno scoprire che Innovabic ha deciso di continuare in autonomia per la sua strada. La società, partecipata di Comune, ex Provincia e Università, aveva pubblicato un bando di selezione per assumere un Funzionario esperto di progetti di sviluppo territoriale e innovazione tecnologica a finanziamento pubblico. In palio un contratto a tempo indeterminato con un compenso da 28 mila euro annui. Il bando era comparso sul sito di Innovabic lo scorso 29 dicembre, ma al Comune nessuno era stato informato e nessuno se ne era accorto. Tempostretto aveva acceso i riflettori su questa assunzione lo scorso 15 gennaio (VEDI QUI), il giorno dopo il segretario Le Donne inviò alla società una nota per chiedere chiarimenti sul bando e sulla conformità della procedura, sia in merito ai criteri di selezione sia per il principio di riduzione dei costi del personale a cui devono sottostare per legge gli enti pubblici (VEDI QUI). Nel frattempo però il 18 gennaio si sono chiusi i termini per partecipare alla selezione e Innovabic è andata avanti nel suo percorso, espletando tutti i passaggi per la selezione del nuovo funzionario. Il 15 febbraio la commissione esaminatrice ha selezionato i due candidati, su quattro, ammessi alla prova orale, lo scorso venerdì 19 febbraio si è svolto il colloquio ed è stato individuato il vincitore del bando. Si tratta di Andreana Casaramona che ha totalizzato il punteggio più alto riuscendo a conquistare il posto. Un nome non nuovo per Innovabic, poiché la stessa Casaramona aveva ricoperto quello stesso incarico fino al mese scorso, con contratti a tempo determinato che nel tempo erano stati confermati e, come stabilisce la legge, non potevano più essere rinnovati, altrimenti la società sarebbe stata obbligata a trasformare quel contratto da determinato a indeterminato. Siccome però Innovabic, società a totale capitale pubblico, non può procedere ad assunzioni dirette ecco che si era resa necessario ricorrere ad un bando di selezione pubblica. Selezione che alla fine sembra aver aggirato l’ostacolo, confermando in quell’incarico chi già lo aveva rivestito ma che non poteva essere assunto a tempo indeterminato dalla società perché pubblica, quindi soggetta a regole ben precise.

A questo punto è lecito chiedersi: Palazzo Zanca ha seguito tutta la procedura? Di certo c’è che Innovabic lo scorso 4 febbraio, dunque prima delle prove per l’assegnazione del posto, aveva risposto alle richieste di Le Donne, inviando al Comune una serie di documenti per rispondere alla richiesta di chiarimenti. Nel frattempo però la società ha portato a termine la selezione e a questo punto il Comune dovrà prendere del fatto che Innovabic ha disatteso l’atto di indirizzo della giunta Accorinti sui vincoli assunzionali delle partecipate, un atto che proprio per Innovabic prevedeva la necessità di un protocollo d’intesa tra tutti i soci in caso di nuove assunzioni e dunque nuove spese per la partecipata. Spese che ovviamente sono anche a carico di Palazzo Zanca.
Perplessità avevano destato anche i requisiti inseriti nella selezione, tanto che in molti avevano parlato di bando “sartoriale”, e i tempi strettissimi per presentare le domande, visto che il bando era comparso sul sito del Comune solo sei giorni prima della scadenza dei termini. L’amministrazione avrebbe potuto chiedere una revoca in autotutela per avere il tempo di verificare con attenzione tutti i passaggi. Adesso invece la selezione si è chiusa e c’è un vincitore che avrà un contratto a tempo indeterminato, anche se in occasione della redazione del Piano di riequilibrio erano state avviate intese con l’Università (la Provincia, Ente in scioglimento, ha in corso la dismissione delle proprie quote sociali) per una profonda ristrutturazione della società con una drastica riduzione delle spese di gestione legate soprattutto ai compensi degli amministratori, fitto dei locali, spese del personale. Quindi controllo dei costi della società, anche sotto la voce “personale”, e proprio in caso di nuove assunzioni necessità di un protocollo d’intesa condiviso da tutti i proprietari che fissasse le regole per non appesantire i costi della partecipata.

Francesca Stornante

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

8 commenti

  1. secondo me tutti sapevano e poi:“Facite ammuina

    0
    0
  2. secondo me tutti sapevano e poi:“Facite ammuina

    0
    0
  3. Senza entrare nel merito,non conoscendolo,sul curriculum e sulla preparazione del vincitore,appare molto strano che non si sia proceduto a valutare prima la mobilità tra personale delle Partecipate o distacco/comando tra personale del Comune o della Provincia.Tali formule sarebbero state a costo zero per le casse Comunali.Tra tutti quei dipendenti è mai possibile che non ve ne fosse uno adatto?Il dato più grave è l’apparente,dal resoconto giornalistico,mancanza di controllo da parte dell’Amministrazione e dei dirigenti preposti sull’operato di una loro società Partecipata.Se non sono in grado di controllare i propri “figli” come possono pensare di governare la città?E dire che paghiamo profumatamente il dirigente alle Partecipate……

    0
    0
  4. Senza entrare nel merito,non conoscendolo,sul curriculum e sulla preparazione del vincitore,appare molto strano che non si sia proceduto a valutare prima la mobilità tra personale delle Partecipate o distacco/comando tra personale del Comune o della Provincia.Tali formule sarebbero state a costo zero per le casse Comunali.Tra tutti quei dipendenti è mai possibile che non ve ne fosse uno adatto?Il dato più grave è l’apparente,dal resoconto giornalistico,mancanza di controllo da parte dell’Amministrazione e dei dirigenti preposti sull’operato di una loro società Partecipata.Se non sono in grado di controllare i propri “figli” come possono pensare di governare la città?E dire che paghiamo profumatamente il dirigente alle Partecipate……

    0
    0
  5. Concordo quando avvengono queste cose si sanno nn ufficialmente ma si sanno!

    0
    0
  6. Concordo quando avvengono queste cose si sanno nn ufficialmente ma si sanno!

    0
    0
  7. Questa volta sembra tutto regolare.
    A meno che non si scopra una qualche parentela della dirigenza con la candidata vincitrice!

    0
    0
  8. Questa volta sembra tutto regolare.
    A meno che non si scopra una qualche parentela della dirigenza con la candidata vincitrice!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007