Incuria nella gestione del verde cittadino: la protesta di un emigrato messinese - Tempostretto

Incuria nella gestione del verde cittadino: la protesta di un emigrato messinese

Sara Faraci

Incuria nella gestione del verde cittadino: la protesta di un emigrato messinese

Tag:

martedì 19 Febbraio 2013 - 10:52

Proteste di un cittadino trapiantato a Bergamo: gli alberi sono mal potati, maggiore attenzione al decoro paesaggistico della città e più amore nei confronti del territorio

Accantonati i fasti di Messina. Quei tempi in cui il Comune primeggiava tra le altre città d’Italia per maestria tecnica e nuove sperimentazioni nell’arredo urbano, cittadino e cimiteriale. Adesso assistiamo a improbabili sfregi del verde cittadino che dimostrano tutto tranne che competenza e amore per l’ambiente e la città.

Ancor più umiliante, il fatto che una simile constatazione provenga da un messinese trapiantatosi al nord per ragioni di lavoro e che ritorna in visita nella sua città natale dove lo accolgono sì alcuni miglioramenti, come la piantumazione di alberelli di ibiscus e prunus in fiore da abbellimento alle cosiddette “palazzine di Gazzi”, ma anche testimonianze di una cura impropria e approssimativa del patrimonio verde e in specie delle giovani piante di Gazzi, di cui la città è stata dotata.

Il dolente riscontro giunge, peraltro, da un occhio allenato dalla professione e ancora profondamente innamorato dei luoghi delle proprie origini. L’artefice di tale segnalazione si occupa infatti di manutenzione e ristrutturazione di parchi e giardini e nella sua accorata lettera inoltrata agli organi di stampa affinché si facciano portatori di un messaggio di rinnovato rispetto e attenzione nei confronti del territorio, spiega con la competenza di chi da anni svolge questo mestiere che il metodo di potatura adottato dai giardinieri del Comune è poco “ortodosso”, non segue le tempistiche ideali per il compimento di queste drastiche riduzioni delle chiome degli alberi e si avvale di una “recisione a strappo” ossia una sorta di violenta decapitazione che certo non brilla come testimonianza di competenze tecniche o di aggiornamenti nelle metodologie di cura delle piante.

A poco serve ricordare i gloriosi passati di Messina, quando ancora la ricerca di stile e decoro nel paesaggio cittadino era annoverato tra gli interessi prioritari dell’amministrazione comunale. Sono indiscussamente tanti i problemi che affliggono la città ma questo forse non giustifica il totale abbandono a se stesso del nostro territorio.

Un commento

  1. la gente va via, perchè la città è invivibile

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007