I Dr puntano su Lumia per l'Europa ed entrano nella giunta Crocetta con un assessore - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I Dr puntano su Lumia per l’Europa ed entrano nella giunta Crocetta con un assessore

Rosaria Brancato

I Dr puntano su Lumia per l’Europa ed entrano nella giunta Crocetta con un assessore

sabato 29 Marzo 2014 - 17:02

La candidatura di Lumia alle Europee è targata Dr-Megafono-Art. 4, attraverso un patto federativo che consentirà al senatore di essere inserito nella lista del Pd. Intanto il primo ingresso nella giunta Crocetta dei Dr sarà messinese, Maurizio Croce. Di rimpasto e di una crisi morale e politica si è parlato oggi nel salone del Royal.

Il rimpasto in giunta regionale, l’Europa, la crisi della politica, l’inchiesta sulla Formazione, la necessità di cambiare i rapporti tra cittadini e classe dirigente ed allo stesso tempo di modificare le modalità di selezione. Questi i temi affrontati oggi dai Democratici Riformisti in un salone del Royal affollato in un particolare momento storico della sinistra messinese, nel caos tra divisioni, sbandamento e incapacità di ritrovare il timone. E probabilmente è proprio a questa vasta area che i Dr guardano anche in vista delle prossime stagioni elettorali. Si è parlato di Europa, senza dimenticare la Sicilia della formazione e dell’assistenzialismo, del clientelismo e delle segreterie, ma anche la Sicilia che vuole cambiare e sta cambiando.

Dopo l’introduzione di Marcello Greco, presidente della Commissione regionale cultura che ha ripercorso tutte le tappe fatte dal movimento in questo primo anno di attività, sia a Messina che all’Ars. In primo piano la vicenda Teatro, la difesa del territorio, la sanità e il sostegno immediato a Crocetta sul fronte abolizione delle province, anche attraverso la presentazione dell’emendamento chiave sulle Città Metropolitane.

“Il Pd non riesce ancora a superare l’angusto confine tra il tu e l’io per arrivare al noi- ha poi detto Salvatore Cardinale, che, dopo essere stato tra i fondatori del Pd siciliano, provenendo dalla Margherita, adesso è uno dei pilastri dei Dr, come Presidente regionale-Ci sono ancora le “divise” tra Margherita e Ds, è difficile trovare una sintesi. Ma il nostro movimento è nato per ospitare le culture socialista, cattolica, federalista e come promotori di un “patto federativo” tra movimenti vogliamo concorrere alla politica regionale di Crocetta ed anche alla lista del Pd alle europee con Beppe Lumia”.

I Dr sono stati i primi a dare sostegno al governo Crocetta e soprattutto in modo più coerente e costante rispetto al partito del Presidente, che spesso e volentieri ha preferito indulgere al gioco delle poltrone e dei sottogoverni piuttosto che sul piano delle idee. Insieme a Megafono e Art. 4 hanno creato una sorta di federazione che sta consentendo più “serenità” in Aula al governatore e sta portando spazi in giunta. L’assessore che la prossima settimana rappresenterà i Democratici riformisti sarà, salvo colpi di scena, il messinese Maurizio Croce, nipote dell’ex procuratore capo nonché ex commissario straordinario del Comune Luigi.

Quanto poi alle prossime europee l’asse Dr-Megafono-Art.4 scommette sul senatore Beppe Lumia che in base alle regole del Pd non potrebbe essere candidato perché al terzo mandato, ma, se inserito in quota patto federativo, può rappresentare l’area di quanti in questo Pd si sentono “stretti”. Le Europee inoltre, dal momento che si vota con le preferenze, servirebbero anche a pesare e “contare” i numeri dei tre movimenti, anche nelle singole province ed a stabilire i paletti della prossima geografica politica regionale. Se Lumia dovesse essere eletto il messinese Antonio Presti, primo dei non eletti alle Politiche, sbarcherebbe al Senato.

“Messina sta soffrendo di una crisi che è economica, occupazionale, morale, politica- ha poi dichiarato Beppe Picciolo, capogruppo regionale Dr soffermandosi sulla realtà cittadina- Non possiamo far finta di non capire o vedere come la gente di fronte a quanto accaduto abbia messo in discussione l’intero sistema. Noi rappresentiamo una nuova frontiera. Abbiamo scelto la classe dirigente senza dare o promettere né prebende né poltrone. A chi si avvicina a noi chiediamo: perché. Il nostro assessore nella giunta Crocetta non sarà un politico, ci interessa di più la competenza. Vogliamo uomini giusti al posto giusto non per tirargli la giacca ma per portare avanti le idee. E non abbiamo scheletri nell’armadio anche perché non abbiamo neanche l’armadio”.

Nella sinistra travolta da scandali e inchieste i Dr iniziano a guardare con interesse gli spazi lasciati dal caos e dalle divisioni.

A centrare il nodo di una politica europea nuova è stato proprio uno di quei giovani dirigenti ai quali faceva riferimento Picciolo, Emilio Minniti che si è soffermato su quella che è la “nuova guerra mondiale”, quella che si gioca sui rapporti di forza economici tra gli Stati, quella che non usa solo i carri armati ma le politiche del lavoro e quelle finanziarie, quella che lascia sul campo i feriti veri e i feriti “invisibili”, un’intera generazione di giovani.

Palla colta al balzo da Beppe Lumia che, ormai chiaramente in pista per le Europee ha iniziato il discorso con un “Allacciate le cinture, da ora si volta pagina e sarà un percorso duro, ma avendo ben chiaro in testa il fine progettuale. La crisi ha messo in ginocchio i giovani, il ceto medio. Noi vogliamo essere in Europa con la parte produttiva, non con quella finanziaria. Noi, e l’esperienza Crocetta lo insegna, non vogliamo più essere la Sicilia che prende ordini, ma quella che decide da sola e lo fa lottando contro ogni malaffare ovunque si annidi”.

Rosaria Brancato

Tag:

Un commento

  1. Come farà ad accontentare almeno quella pletora di persone che affollava stamani l’ingresso del Palacultura?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007