Pergolizzi: "Condoni edilizi e concessioni, a Messina troppe pratiche inevase" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pergolizzi: “Condoni edilizi e concessioni, a Messina troppe pratiche inevase”

Rosaria Brancato

Pergolizzi: “Condoni edilizi e concessioni, a Messina troppe pratiche inevase”

venerdì 25 Settembre 2020 - 11:00
Pergolizzi: “Condoni edilizi e concessioni, a Messina troppe pratiche inevase”

A distanza di 35 anni dal primo condono edilizio ci sono al Comune migliaia di pratiche inevase

Ben 30 mila richieste di condono edilizio presentate a Messina nelle 3 occasioni previste dalla legge: 1985 (11 mila istanze), 1994 (6 mila domande), 2003 (alter 3 mila richieste). A distanza di 35 anni dal primo condono, 26 anni dal secondo e 17 dal terzo, risultano inevase migliaia di pratiche.

Cosa prevede la normativa

La normativa prevede che, se si vuol avvalere del silenzio-assenso per avere la concessione edizilia, procedura che scatta dopo 30 giorno dalla presentazione dell’istanza, la stessa deve essere corredata da perizia giurata. Poichè per avere la perizia occorre pagare un professionista, finora sono stati in pochi a scegliere l’iter più rapido del silenzio-assenso. La conseguenza è che in tantissimi attendono ancora risposta dal commune di Messina.

L’interrogazione di Pergolizzi

Ad accendere I riflettori sulla situazione di stallo è il consigliere comunale Nello Pergolizzi che ricorda come gli oneri concessori pagati dai richiedenti per la concessione edilizia dovevano servire per  l’esecuzione  delle  opere  di  urbanizzazione. A causa del  mancato  introito  degli oneri concessori l’urbanizzazione della città ricade sulla collettività .

I mancati introiti

La  mancata richiesta dei versamenti entro i dieci anni dalla presentazione dell’istanza- prosegue Pergolizzi- consente ai beneficiari del condono, la prescrizione del debito. Le Amministrazioni che si sono alternate alla guida della città non sono riuscite a definire i Condoni Edilizi. Nel frattempo l’inottemperanza dei termini imposti dalle normative, dà la facoltà ai richiedenti di agire in via amministrativa o giudiziaria, richiedendo al Giudice  competente l’emissione di apposita ordinanza di rilascio del provvedimento da parte della Pubblica Amministrazione”.

Fare un censimento

Alla luce di questa situazione Pergolizzi ritiene importante censire definitivamente le opere abusive sanate e le istanze rigettate, per definire la stima della consistenza volumetrica e dei vani, propedeutica alla redazione di un nuovo strumento urbanistico.

Il consigliere rileva come i costi per le opere di urbanizzazione per il mancato introito degli oneri concessori e dell’oblazione abusivismo edilizio, ricadono sulla collettività. La soluzione potrebbe essere proprio quella di rivalutare le istanze di condono ferme da 35 anni consentendo al Comune l’incasso delle rimanenti somme dovute, nonché la regolarizzazione delle posizioni ai fini della riscossione delle imposte comunali.

Quante pratiche inevase?

Se la mole di pratiche inevase dovesse essere eccessiva il Comune potrebbe integrare il personale. Pergolizzi chiede quindi di sapere quante concessioni Edilizie sono state rilasciate finora e, quante negli ultimi due anni, periodo in cui deve rispondere l’amministrazione attuale, nonchè quante sono le istanze non definite dei tre Condoni Edilizi.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x