Refriger II. Il capo gestiva i traffici di droga dal carcere, stangata la "famiglia" di Mangialupi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Refriger II. Il capo gestiva i traffici di droga dal carcere, stangata la “famiglia” di Mangialupi

Veronica Crocitti

Refriger II. Il capo gestiva i traffici di droga dal carcere, stangata la “famiglia” di Mangialupi

mercoledì 22 Giugno 2016 - 09:41
Refriger II. Il capo gestiva i traffici di droga dal carcere, stangata la “famiglia” di Mangialupi

Attraverso intercettazioni, i poliziotti della Squadra Mobile guidati dal dirigente Giuseppe Anzalone sono riusciti a chiudere il cerchio su un’abitazione di Mangialupi in cui si aveva il sospetto avvenissero i contatti.

Un’associazione ben collaudata, attiva in tutto il territorio di Mangialupi, che gestiva l’intero traffico di droga nella zona, al cui capo c’era Francesco Turiano, meglio conosciuto come Nino Testa.
E’ scattata stamani all’alba l’Operazione Refriger II, che segue di pochi anni la prima grande inchiesta che decretò una vera e propria stangata al Clan di Mangialupi.
Cinque le persone arrestate, facenti attivamente parte dell’associazione e tutte legate alla famiglia Turiano, tra cui una che si è resa irreperibile e risulta ancora ricercata. Si tratta del capo Francesco Turiano, 32 anni e già detenuto a Gazzi, Giovanni Panarello, 33 anni e già detenuto nel carcere di Trapani, Salvatore Pino, 30 anni, detto Salvuccio, per cui è scattato l’obbligo di dimora, e Carmela Turiano, sorella di Francesco, pregiudicata di 34 anni.
L’indagine rappresenta una costola della prima Refriger, scattata nel 2013 e sfociata nell’arresto proprio di Francesco Turiano. Ben presto gli inquirenti capirono che, nonostante il capo fosse dietro le sbarre a Gazzi, riusciva comunque a gestire tutti i traffici della sua zona grazie anche all’intervento della sorella Carmela. Pizzini, lettere affidate alla posta degli altri detenuti. Era così che Nino Testa agiva e “parlava” con i suoi affiliati.
Attraverso intercettazioni, i poliziotti della Squadra Mobile guidati dal dirigente Giuseppe Anzalone sono riusciti a chiudere il cerchio su un’abitazione di Mangialupi in cui si aveva il sospetto avvenissero i contatti. La centrale era comunque la casa di Carmela Turiano, la sorella del capo.
Un altro duro colpo, quello inflitto oggi nel quartiere di Mangialupi. “Per le sue caratteristiche, più di clan dovremmo parlare di famiglia dei Mangialupi. La loro struttura infatti è molto simile a quella di ‘ndrina, considerando che tutti i traffici sono gestiti a livello familiare”, ha dichiarato Anzalone nel corso della conferenza stampa. (Veronica Crocitti)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007