Politiche 2022, Primavera democratica su Cannizzaro: deputato part-time - Tempostretto

Politiche 2022, Primavera democratica su Cannizzaro: deputato part-time

Redazione

Politiche 2022, Primavera democratica su Cannizzaro: deputato part-time

Tag:

sabato 01 Ottobre 2022 - 17:00

«Se ha impegni sul territorio tali da non poter garantire un'autorevole, costante presenza in Parlamento sarebbe meglio saperlo ora...»

REGGIO CALABRIA – «Il responso dell’urna è sacrosanto e guai se fosse il contrario. I nostri auguri al deputato, riconfermato, Francesco Cannizzaro, candidato con Forza Italia e rientrato a Montecitorio – così il movimento Primavera democratica – grazie alla spinta, decisiva, di Fratelli d’Italia e dei partiti alleati. Tuttavia, l’affermazione di Cannizzaro di certo non è una buona notizia per la città, non fosse altro per la sua recente esperienza parlamentare che è stata, praticamente, impalpabile quasi quanto l’emendamento che avrebbe dovuto portare a Reggio 25 milioni di euro per il rilancio dell’aeroporto. A proposito, qualcuno li ha visti? Nessuno. Ed anche di fronte alle notizie delle ultime settimane, chiaramente improntate a qualche strapuntino elettorale, di concretezza al momento nemmeno l’ombra».

Assenze continue

«Stesse domande e stesse risposte che si saranno posti, in questi anni, gli stessi colleghi parlamentari di Cannizzaro – prosegue la nota – che, quasi mai, lo hanno visto seduto fra i banchi della Camera. Dai dati forniti da OpenParlamento, infatti, l’esponente di Forza Italia risulta assente per più di quattro sedute su dieci, praticamente è mancato quasi la metà delle volte. In percentuale, è stato presente per il 57% delle sedute, ben al di sotto della media degli altri deputati che si attesta intorno al 70%. E se il valore medio delle assenze complessive si aggira sul 18%, Cannizzaro arriva a toccare il 43%. Un impegno minimo, si potrebbe dire part-time, che in un’intera legislatura ha prodotto appena un solo disegno di legge, una mozione ed una interrogazione a risposta scritta. Due, invece, sono le richieste al Governo a risposta orale.

Assente, Cannizzaro, risulta durante la discussione di provvedimenti fondamentali per i cittadini – si legge ancora nella nota diffusa dal movimento della ‘galassia Falcomatà’ – come la Conversione in legge del decreto sulle misure urgenti per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale o del decreto “Sostegni bis”. Marca visita anche quando si approva il Decreto Agosto, la norma nata e cresciuta a Reggio su spinta del sindaco Giuseppe Falcomatà e dell’assessore al Bilancio Irene Calabrò, che ha ridato ossigeno alle casse di Palazzo San Giorgio. Cannizzaro non c’era anche di fronte alle misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente ed alle disposizioni per la cura delle malattie rare e per il sostegno della ricerca e della produzione dei farmaci orfani».

«I reggini non meritano un simile trattamento»

Insomma, stando a Primavera democratica almeno, «di certo, l’ultimo mandato elettorale di Francesco Cannizzaro non è destinato a passare alla storia. La situazione attuale impone maggiore responsabilità ed una presenza che esuli dalle passerelle di piazza e si concentri sulle vere istanze del territorio e del Paese. Se Cannizzaro ha altri impegni tanto da non poter garantire una presenza costante ed una rappresentanza autorevole in Parlamento, ce lo dica adesso, anche a giochi fatti e ad elezione acquisita. Non ce ne faremo una ragione, ma almeno sapremo realmente di che pasta sia fatto l’onorevole assenteista. Reggio ed i reggini non meritano un simile trattamento».

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007