L'Atm paga 3500 euro per l'assicurazione di un furgoncino, ma sul mercato costa la metà - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’Atm paga 3500 euro per l’assicurazione di un furgoncino, ma sul mercato costa la metà

Francesca Stornante

L’Atm paga 3500 euro per l’assicurazione di un furgoncino, ma sul mercato costa la metà

domenica 08 Febbraio 2015 - 23:39

Per la precisione i furgoncini sono 7 e si tratta di Fiat Doblò aziendali usati per manutenzioni e spostamenti. L'Atm ha sottoscritto polizze da 3500 euro annui ciascuno, una cifra che appare troppo alta. Il consigliere Daniele Zuccarello ha fatto una ricerca di mercato che dimostra che ne basterebbero la metà e ha chiesto di accedere agli atti.

Quando si parla di Atm molto spesso il riferimento è ai soldi che non bastano mai, alla necessità di risparmiare da ogni lato per garantire i servizi, a tagli e sacrifici che si devono fare per risollevare le sorti dell’azienda di via La Farina, per renderla sana e farla tornare ad essere produttiva e non un grosso fardello sulle spalle di Palazzo Zanca. Eppure a volte qualche operazione sfugge al controllo e ci si ritrova a spendere cifre esorbitanti per servizi che a chiunque costerebbero molto meno. Accade infatti che l’Atm spende 3500 euro annui di assicurazione per un furgoncino, anzi per sette furgoncini. Un gruzzoletto di quasi 25 mila euro per assicurare sette Fiat Doblò aziendali che vengono utilizzati per spostamenti e manutenzioni. L’Atm al momento ha sottoscritto le polizze assicurative con la Unipol Sai di Gabriele Siracusano (un tempo presidente Atm) per il periodo che va dal 1 gennaio 2015 al 30 giugno 2015, i costi però sono stati calcolati sull’intero anno ed ecco che i numeri messi nero su bianco non lasciano spazi a dubbi: 3500 euro per un Fiat Doblò, 1.9 di cilindrata e 77 KW, che rientra nella tipologia di veicolo “autocarro”.

Una somma troppo alta per un mezzo di questo tipo, somma che ha destato un po’ di attenzione sia all’interno dell’azienda trasporti che fuori. E’ infatti già partita la richiesta di accesso agli atti da parte del consigliere comunale Daniele Zuccarello che ha subito sentito puzza di bruciato in tutta la vicenda e vuole vederci chiaro. Zuccarello si è immediatamente chiesto come sia possibile che l’Atm abbia deciso di sottoscrivere le sette assicurazioni con Unipol Sai ad un prezzo così esoso e certamente fuori mercato, ma non si è limitato alla pura richiesta di atti per verificare la documentazione di questa operazione.

Il consigliere ha fatto anche una piccola ricerca di mercato da cui è emerso che per assicurare lo stesso mezzo, ovviamente nelle identiche condizioni, basta la metà di quanto sta pagando l’Atm. E’ è stato sufficiente chiedere alcuni preventivi ad altre agenzie cittadine per scoprire che assicurare un Fiat Doblò costa intorno ai 1700 euro. Zuccarello chiede dunque chiarimento su quella che definisce una “inaudita discrepanza di importi lordi annui sula stessa tipologia di veicolo”. Zuccarello vuole andare fino in fondo e ha chiesto anche gli atti che riguardano le modalità di affidamento del servizio di assicurazione che ha portato a spendere il doppio di quanto avviene normalmente in un libero mercato e in generale di tutti gli affidamenti relativi alle polizze assicurative degli ultimi 5 anni.

Giusto precisare che in Atm il sistema delle assicurazioni si svolge attraverso bandi e gare d’appalto, doveroso quindi capire perché si arrivi a spendere tanto gravando su un’economia aziendale che di certo non brilla per efficienza e virtù proprio mentre si tenta di mettere in campo una politica del risparmio che poi cozza con scelte di questo tipo.

Il Direttore generale dell’Atm Giovanni Foti è stato naturalmente informato di questa vicenda e assicura di aver già avviato delle verifiche per capire se ci sono stati degli errori e ha spiegato che il costo effettivamente troppo alto per quei sette mezzi è stato determinato dal fatto che il pacchetto assicurativo fosse totale e comprensivo dell’intero parco mezzi. I vertici aziendali hanno però già posto la lente d’ingrandimento sulla questione e proprio Foti garantisce che il prossimo bando per l’affidamento sarà molto più rigido e chiaro per evitare di incappare in errori di questo tipo.

Al momento di certo c’è che l’Atm spende 24.500 euro per sette Fiat Doblò e che il consigliere Zuccarello vuole vederci chiaro.

Francesca Stornante

Tag:

18 commenti

  1. Zuccarello spero che tu vada sino in fondo . E’ da 10 anni e più che sentiamo parlare degli sprechi e della cattiva gestione dell’A.T.M. ora abbiamo le ……….rotte. Nonostante siano cambiati gli amministratori la solfa è sempre la stessa . Siamo sempre allo stesso punto con gli stessi dirigenti ecc. che hanno affossato un’azienda …basta.

    0
    0
  2. Zuccarello spero che tu vada sino in fondo . E’ da 10 anni e più che sentiamo parlare degli sprechi e della cattiva gestione dell’A.T.M. ora abbiamo le ……….rotte. Nonostante siano cambiati gli amministratori la solfa è sempre la stessa . Siamo sempre allo stesso punto con gli stessi dirigenti ecc. che hanno affossato un’azienda …basta.

    0
    0
  3. Gradirei conoscere quanto è stato riconosciuto al Dirigente il premio di raggiunto obbiettivo “spreco”.

    0
    0
  4. Gradirei conoscere quanto è stato riconosciuto al Dirigente il premio di raggiunto obbiettivo “spreco”.

    0
    0
  5. puzza di bruciato 9 Febbraio 2015 09:14

    I contratti assicurativi, in genere, vengono in essere facendo delle medie tra kilometri effettuati e relativi consumi medi aziendali.. Insomma, secondo me, i furti di gasolio hanno creato molto danno. Il monte-consumo con i chilometri percorsi includendo gli incidenti veri o presunti hanno fatto il resto…

    0
    0
  6. puzza di bruciato 9 Febbraio 2015 09:14

    I contratti assicurativi, in genere, vengono in essere facendo delle medie tra kilometri effettuati e relativi consumi medi aziendali.. Insomma, secondo me, i furti di gasolio hanno creato molto danno. Il monte-consumo con i chilometri percorsi includendo gli incidenti veri o presunti hanno fatto il resto…

    0
    0
  7. Per stipulare una polizza in modo trasparente e vantaggioso basta andare sul sito http://www.ivass.it ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI.
    fate un preventivo scegliete il numero di polizza.. e poi andate fisicamente all’agenzia.. il preventivo è vincolante!

    0
    0
  8. Per stipulare una polizza in modo trasparente e vantaggioso basta andare sul sito http://www.ivass.it ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI.
    fate un preventivo scegliete il numero di polizza.. e poi andate fisicamente all’agenzia.. il preventivo è vincolante!

    0
    0
  9. Anche qui, siamo alle solite per l’ennesima volta… Sprechi scandalosi e chissà quant’altra roba sommersa, mentre in città (specie nelle periferie) un trasporto pubblico minimamente decente e puntuale è solo un miraggio. Non vengano mai più a dirci questa frase odiosa: “Non ci sono soldi”. I soldi ci sono (e il pagamento anomalo di queste gonfiatissime polizze ne è un banale esempio) perché noi cittadini paghiamo tasse salate ovunque e sempre. Il punto, tanto per cambiare, è che questo fiume di denaro è un pozzo d’oro dal quale attinge senza ritegno una marea di xxxxxxxxxx, sin dai livelli più bassi. Ovvio, poi, che al cittadino onesto resti solo il danno unito alla beffa. Mi ripeto: chi può, fugga da questo paese malato.

    0
    0
  10. Anche qui, siamo alle solite per l’ennesima volta… Sprechi scandalosi e chissà quant’altra roba sommersa, mentre in città (specie nelle periferie) un trasporto pubblico minimamente decente e puntuale è solo un miraggio. Non vengano mai più a dirci questa frase odiosa: “Non ci sono soldi”. I soldi ci sono (e il pagamento anomalo di queste gonfiatissime polizze ne è un banale esempio) perché noi cittadini paghiamo tasse salate ovunque e sempre. Il punto, tanto per cambiare, è che questo fiume di denaro è un pozzo d’oro dal quale attinge senza ritegno una marea di xxxxxxxxxx, sin dai livelli più bassi. Ovvio, poi, che al cittadino onesto resti solo il danno unito alla beffa. Mi ripeto: chi può, fugga da questo paese malato.

    0
    0
  11. Pare che ognuno abbia la sua ricetta. Poichè vengo da un consiglio di amministrazione di una società di traspoto pubblico, il direttore deve prendere tutte le polizze e trattarle tutte insieme con la società assicurativa che fa il miglior preventivo. Non è raro trovare aziende scassate dove i dirigente rinnova le assicurazioni dei singoli mezzi, con chi capita, quando capita. Altrimenti non si spiega come un Doblo possa costare 3000 euro all’anno. E gli altri mezzi quanto costano ?? Avete fatto 30, fate 31! Fuori le altre assicurazioni e fuori i metodi di stipulazione delle assicurazioni.

    0
    0
  12. Pare che ognuno abbia la sua ricetta. Poichè vengo da un consiglio di amministrazione di una società di traspoto pubblico, il direttore deve prendere tutte le polizze e trattarle tutte insieme con la società assicurativa che fa il miglior preventivo. Non è raro trovare aziende scassate dove i dirigente rinnova le assicurazioni dei singoli mezzi, con chi capita, quando capita. Altrimenti non si spiega come un Doblo possa costare 3000 euro all’anno. E gli altri mezzi quanto costano ?? Avete fatto 30, fate 31! Fuori le altre assicurazioni e fuori i metodi di stipulazione delle assicurazioni.

    0
    0
  13. Zuccarello ha capito che qualcosa non quadra, peccato che gli altri consiglieri non abbiano visto il fumo forse perchè basta loro prendere il gettone di presenza anche senza presenza, in fondo basta firmare alla chiamata in aula.La guardia di finanza dovrebbe controllare se chi firma è presente durante tutta la consulta.Infine xxxxxxxxxxxxxx puzza di bruciato dato che è stato xxxxxxxxxx dell’ATM. Bisogna controllare che non ci sia altra carne al fuoco.

    0
    0
  14. Zuccarello ha capito che qualcosa non quadra, peccato che gli altri consiglieri non abbiano visto il fumo forse perchè basta loro prendere il gettone di presenza anche senza presenza, in fondo basta firmare alla chiamata in aula.La guardia di finanza dovrebbe controllare se chi firma è presente durante tutta la consulta.Infine xxxxxxxxxxxxxx puzza di bruciato dato che è stato xxxxxxxxxx dell’ATM. Bisogna controllare che non ci sia altra carne al fuoco.

    0
    0
  15. Ma Foti cosa ci sta a fare? solo a prendere i soldi fine mese?

    0
    0
  16. Ma Foti cosa ci sta a fare? solo a prendere i soldi fine mese?

    0
    0
  17. Forse anche io, che ho la quinta elementare, potrei essere direttore generale della società, in fondo basta poco e qualche amico politico per essere un dirigente con centinaia di euri a fine mese.

    0
    0
  18. Forse anche io, che ho la quinta elementare, potrei essere direttore generale della società, in fondo basta poco e qualche amico politico per essere un dirigente con centinaia di euri a fine mese.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x