Processo Pachira, sotto esame le varianti al progetto della Siracusa-Gela. - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Processo Pachira, sotto esame le varianti al progetto della Siracusa-Gela.

Alessandra Serio

Processo Pachira, sotto esame le varianti al progetto della Siracusa-Gela.

domenica 31 Marzo 2019 - 07:00
Processo Pachira, sotto esame le varianti al progetto della Siracusa-Gela.

Gli ingegneri del Genio che autorizzarono i lavori ai viadotti Salvia e Scardino depongono al dibattimento sull'appalto del Cas a Condotte.

Fari puntati sulle  opere ma soprattutto sulle varianti approvate dal Cas,  al processo sulla Siracusa – Gela e le presunte mazzette pagate attraverso la società di consulenza Pachira.

Il processo è entrato nel vivo proprio ieri con la deposizione di due ingegneri che si sono occupati del tratto modicano, in particolare dei viadotti Salvia e Scardina.

Sul banco dei testimoni hanno sfilato gli ingegneri Occhipinti e Pagano, che il PM Alessia Giorgianni ha voluto interrogare, e che erano già stati sentiti dalla Polizia Giudiziaria nel corso dell’indagine.

L’ingegnere Pagano, allora in servizio al Genio Civile di Ragusa, aveva esaminato su richiesta del Cda del Consorzio il progetto relativo ai viadotti. Si è parlato di stime, calcoli, efficienza strutturale dei materiali e congruità delle somme impiegate. Tutto congruo, secondo l’ingegnere, che aveva autorizzato i lavori nel 2009.

Il professionista nel corso delle indagini aveva risposto alle domande degli investigatori sul bando di gara del 2013. Per Pagano quelle modifiche necessitavano di previo esame e nuova autorizzazione, perché l variante implicava modifiche strutturali di una certa rilevanza, soprattutto per quel che riguarda la posa dei conci.

Una lunga giornata di precisazioni tecniche, quindi, quella di ieri davanti al Tribunale, che non sembra aver variato molto gli equilibri tra Accusa e difese, perché le deposizioni di ieri hanno sicuramente soddisfatto i difensori ma anche la Procura ha cristallizzato alcune ipotesi d’accusa sulle modifiche apportate in corso d’opera ai progetti originari.

Si torna in aula il prossimo 11 aprile per sentire altri testimoni e andare avanti con un dibattimento che si annuncia complesso,e ruoterà soprattutto sulle consulenze tecniche e sulla valenza e utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche.

Da giudicare c’è l’operato dell’ex presidente Antonino Gazzara, l’ex responsabile tecnico del Consorzio Gaspare Sceusa, i costruttori Domenico Astaldi di Condotte Spa e Antonino D’Andrea del consorzio Cosige, i componenti della commissione di gara Pietro Mandanici, Sebastiano Sudano, Antonino Recupero, Corrado Magro, Maurizio Trainiti.

Il Consorzio Autostrade è invece parte civile.

Usa QUESTO LINK per gli approfondimenti

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007